Windows PhoneL'ottava meraviglia? 0

Maggiori possibilità di personalizzare l'interfaccia, un cuore condiviso con Windows 8 e il supporto per i processori multicore sono solo alcune delle novità introdotte da Microsoft con Windows Phone 8

Il 20 giugno, nel corso di un summit dedicato, Microsoft ha presentato al mondo le importanti novità di Windows Phone 8, il nuovo sistema operativo mobile che promette di attuare una piccola rivoluzione nel settore, nonché di fare un ulteriore passo verso l'interoperabilità fra i dispositivi della famiglia Windows. La celebre interfaccia Metro, uno degli elementi distintivi del SO, è stata ulteriormente migliorata per enfatizzare l'idea che vede gli utenti controllare varie informazioni semplicemente dalla schermata di avvio, senza dunque il bisogno di avviare un'applicazione. Già Windows Phone 7 vantava una soluzione di questo tipo, con le "piastrelle" relative alla posta, a Facebook, alle chiamate in arrivo, agli SMS, che mostravano direttamente le notifiche e cambiavano aspetto in modo dinamico, così da vantare sempre un colpo d'occhio differente. Con Windows Phone 8 le potenzialità di Metro sono state amplificate grazie alle tre dimensioni disponibili per ogni quadretto: considerando una riga come un gruppo di otto piccole icone, le piastrelle possono assumere appunto le dimensioni di un ottavo di riga, di mezza riga oppure di una riga intera. Starà a noi, e non più alle impostazioni di default del sistema, decidere quale sarà l'aspetto della schermata di partenza e comporla in piena libertà. A seconda dei nostri interessi, potremo massimizzare le dimensioni della piastrella di Facebook, o quella di Skype, oppure creare un gruppo "strategico" di icone legate a una particolare passione.

La piastrella è lo specchio dell'anima

Abbiamo visto come Microsoft abbia potenziato l'interfaccia Metro, consentendo agli utenti di cimentarsi con le personalizzazioni tipiche di Windows 8 pur proiettando tale capacità in un ambito squisitamente mobile. L'ottava meraviglia? Il sistema appare più bello da vedere, migliore in termini di usabilità ma anche piuttosto sicuro grazie alle tecnologie anti-malware implementate dalla versione mobile di Internet Explorer 10, nella fattispecie il database sui siti non sicuri che viene aggiornato di continuo e impedisce di accedere alle pagine che potrebbero rappresentare una minaccia alla sicurezza dei nostri dati. Il supporto di HTML 5 inoltre, garantirà quel dinamismo tipico dei siti più vivaci e animati, con tutto ciò che ne consegue in termini di compatibilità. Si tratta però solo di un assaggio di ciò che si nasconde dentro il sistema operativo, e che a conti fatti rappresenta una delle caratteristiche più rilevanti di Windows Phone 8 in chiave sviluppo: la presenza di un SDK unico, che renderà possibile scrivere applicazioni in codice nativo e attingere alle librerie DirectX. Ciò significa che sarà estremamente semplice realizzare un software che funzioni su Windows 8 e sugli smartphone e tablet equipaggiati con WP8, e allo stesso modo sarà molto più rapido il processo di conversione di questi programmi perché possano funzionare sui dispositivi Android e iOS.

NFC, non KFC: metti via quelle ali di pollo

Il supporto della tecnologia NFC (Near Field Communication) aumenterà il grado di interazione fra il nostro telefono e l'ambiente che ci circonda. L'ottava meraviglia? Durante la presentazione, è stato mostrato come un terminale Windows Phone 8 possa rilevare un tag NFC, magari pubblicato sulle pagine di una rivista a scopo pubblicitario, e accedere in questo modo a informazioni aggiuntive via web. Gli usi di questa tecnologia sono svariati: sarà possibile inserire un tag sul proprio biglietto da visita perché i telefoni dotati di questo sistema possano leggerlo e inserire automaticamente le informazioni creando un nuovo contatto, ad esempio. Sfruttando il sistema Tap & Send, inoltre, questi contenuti potranno essere passati da un dispositivo Windows all'altro, semplicemente avvicinandoli. Molto interessanti anche i risvolti ludici: i giochi che prevedono una modalità multiplayer wireless in locale possono approfittare del Tap & Send per avviare in automatico una partita competitiva. Sa tanto di futuro, vero? Beh, non è ancora finita, perché Microsoft ha pensato a una piccola rivoluzione che potrebbe riguardare le transazioni elettroniche, un "tap-to-pay" che ci permetterà di effettuare pagamenti verso interfacce Windows semplicemente tramite un tocco dello smartphone, che in un contenitore denominato "wallet" (borsellino) andrà a stoccare i dati delle nostre carte di credito, l'account Paypal e le eventuali iscrizioni a siti per il cashback e le offerte, associandoli alla SIM in modalità finora inedite.

Mappe, memoria, riconoscimento vocale

In Windows Phone 8 le mappe Bing verranno sostituite da quelle Nokia, andando a consolidare la partnership fra le due aziende. Il cambio implicherà diversi vantaggi, fra cui la navigazione "turn-by-turn" e, soprattutto, la possibilità di consultare le mappe offline, senza il bisogno di disporre di una connessione a internet. L'ottava meraviglia? La tecnologia Navteq risulta più completa di quella Bing anche in termini di paesi supportati, e ciò non potrà che tradursi in un servizio migliore per gli utenti. I limiti relativi alla memoria di molti dispositivi WP, disponibili magari con tagli da 16 GB non espandibili, verranno mitigati grazie al nuovo supporto per le schede Micro SD, utilizzabili non solo per lo stoccaggio di contenuti multimediali ma anche per l'installazione di applicazioni e dunque come vera e propria espansione. Questa feature avrà delle conseguenze anche sul prezzo dei terminali, visto che i produttori non saranno costretti ad aumentare la memoria on-board, cosa che farebbe lievitare i costi. È stata infine migliorata la tecnologia relativa al riconoscimento vocale, mettendo a disposizione degli sviluppatori una serie di nuovi strumenti perché possano integrare tale feature e inserire, dunque, comandi vocali per l'avvio e la gestione dei programmi. E a proposito di voce, Windows Phone 8 vedrà i vari servizi di VoIP integrati direttamente nel sistema operativo, con tutte le conseguenze del caso in termini di immediatezza e solidità.

Sotto il cofano: croce e delizia

Un nuovo sistema operativo non poteva che portare con sé un'evoluzione dell'hardware, e così ecco che WP8 apre ai processori multi-core: si comincerà con i dual core, ma i quad core sono già un'ipotesi e in futuro di certo le aziende cominceranno a montarli nei propri terminali. L'ottava meraviglia? La tradizionale risoluzione di 800x480 pixel verrà affiancata da due alternative: la prima, 1280x768, manterrà l'aspect ratio 15:9, ma è prevista anche la 720p standard (ergo 1280x720 pixel), che adotterà il finora inedito 16:9. Tutte le applicazioni godranno di un'ottimizzazione grafica mirata a farle rendere al meglio su tutti i display e le risoluzioni, similmente a quanto accade sui dispositivi iOS con il Retina. Veniamo dunque alla proverbiale "pillola amara" che accompagnerà il lancio di Windows Phone 8. L'implementazione di nuove feature e nuove tecnologie significa anche hardware che possa farle funzionare al meglio, e per questo motivo Microsoft ha dovuto fare una scelta che non mancherà di scatenare qualche polemica, tagliando fuori tutti gli smartphone Windows Phone 7.5 dall'aggiornamento. I possessori di un attuale telefono WP potranno aggiornare "on air" il proprio SO solo alla versione 7.8, che includerà il nuovo Start Screen con le piastrelle personalizzabili e qualche applicazione inedita, ma non il "cuore" del sistema e le sue novità più sostanziali. Un sacrificio probabilmente necessario per spingere Windows Phone verso un futuro fatto di compatibilità, integrazione, interoperabilità e tecnologie intelligenti, in grado di semplificare la vita e assisterci al meglio.