New Super Mario Bros. UAmici e nemici col GamePad 

Torniamo su New Super Mario Bros. U con un test delle modalità extra!

Mentre negli Stati Uniti si festeggia l'uscita di WiiU, giunto nei negozi il 18 novembre con un paio di settimane d'anticipo rispetto ai negozi europei, Nintendo ci ha dato l'opportunità di tornare su New Super Mario Bros. U. Il platform con protagonista Mario e soci non ha praticamente più segreti dopo le prove degli ultimi mesi e la nostra recensione arriverà a breve, non appena ci verrà dato modo di mettere mano ad una versione definitiva del titolo. Amici e nemici col GamePad Proprio considerando il rapido susseguirsi degli eventi abbiamo deciso di aggiornare l'articolo pubblicato in occasione di un recente press tour tenutosi in quel di Francoforte, raccogliendo altre sensazioni principalmente legate al test del ricco corredo di modalità secondarie. Se infatti il cuore dell'esperienza sarà la mappa composta da decine di livelli, tre opzioni secondarie inquadreranno l'usuale esperienza di gioco sotto una luce completamente differente. Di Boost Rush e delle sue corse a velocità crescente abbiamo già parlato nei paragrafi sottostanti, invitandovi a leggerne i dettagli se ancora non lo aveste fatto. Questa volta abbiamo incominciato lanciandoci nel ricco menù di Sfide disponibili: i livelli qui raccolti propongono, come intuibile, obiettivi speciali che non si limitano al semplice completamento del percorso. Amici e nemici col GamePad Le categorie in cui questi schemi, in alcuni casi inediti e in altri "riciclati" dalla campagna principale, si dividono sono Contro il Tempo, 1-Up Mania, Monete e Speciali, e ci chiedono di raccogliere un tot di monete, raggiungere l'altro capo del livello entro un certo tempo ma anche eliminare tutti i nemici senza mai toccare terra oppure usare un solo guscio di Koopa per far fuori una valanga Goomba. Solo per fare alcuni esempi. Sembra esserci abbastanza materiale per soddisfare le esigenze di tutti e differenti livelli di difficoltà rendono questa modalità avvicinabile da giocatori con esigenze diverse. Tra l'altro ogni Sfida può essere completata ottenendo una valutazione tra Bronzo, Argento e Oro, dando modo di accontentarsi del primo risultato utile oppure tornarci sopra ancora e ancora per perfezionarsi. Accanto a Boost Rush e Sfide, Caccia alla Monete mette a disposizione tutti i livelli della modalità principale ma anziché chiedere a Mario e Luigi di arrivare semplicemente in fondo, tiene conto delle monete raccolte per decretare un vincitore. Amici e nemici col GamePad La parte potenzialmente più divertente, però, è quella che vede chi detiene il controllo del Game Pad posizionare lui stesso le monete, disegnando di fatto percorsi sempre nuovi. Si tratta di un mix di competizione ed editing dei contenuti che può senza troppa fatica diventare l'attrazione principale di diverse serate in compagnia di New Super Mario Bros. U. Cercando di inquadrare l'offerta nel suo insieme, l'ennesimo capitolo della serie nel giro di pochi anni ci sembra davvero azzeccato per il lancio della console: posto che il tasso di originalità è inevitabilmente basso, mette sul piatto un'esperienza consolidata, rifinita e anche valida esteticamente, sfruttando allo stesso tempo tutte le potenzialità di WiiU. Se infatti la struttura è quella attesa, godibile da soli o in compagnia, ci sono spunti competitivi, aspetti più creativi e il Game Pad viene utilizzato sia per interagire con gli altri giocatori che per smarcarsi dalla tirannia della TV e poter continuare a divertirsi da soli. Difficile stupirsi, insomma, ma è altrettanto improbabile che si rimanga delusi.

Mario sbarca a Francoforte

L'evento di Francoforte è stata una buona occasione anche per tornare a provare New Super Mario Bros. U, il secondo titolo di punta della casa di Kyoto che, assieme a Nintendo Land, è destinato a sostenere il lancio della nuova console. Due prodotti sulla carta forse non capaci di far strappare i capelli ai fan, ma comunque più che adatti a dimostrare le fondamenta del gameplay asincrono su cui è destinato a poggiare Wii U. Se di Nintendo Land abbiamo già parlato ampiamente su queste pagine, è giunto il momento di osservare più da vicino anche New Super Mario Bros. U, ennesimo capitolo di una serie che sembra destinata a guadagnare sempre più importanza e rispetto. Abbiamo quindi volentieri rimesso le mani sulla ennesima avventura della serie multiplayer-oriented dell'idraulico, anche perchè vista l'assenza di Nintendo dalla GamesCom di Colonia eravamo rimasti fermi al test dell'E3. Ovviamente la prova è stata condivisa con altri compagni, nella configurazione con due giocatori con Wiimote e un terzo con GamePad, attraverso la modalità Boost Rush. Amici e nemici col GamePad La grande N ha finora centellinato le informazioni riguardo ai contenuti destinati ad essere inclusi nel pacchetto finale, e di conseguenza non è ancora chiaro in che misura questa opzione di gioco andrà a pesare sull'economia del prodotto. Ma torniamo alla Boost Rush: quest'ultima è di fatto una sorta di gara di velocità a chi arriva primo, con uno scrolling forzato da sinistra a destra che - e questo è l'elemento più interessante - si fa sempre più veloce man mano che si raccolgono monete. Si sa, la fretta è cattiva consigliera, ma lo è ancora di più quando ci si deve destreggiare tra balzi precisi e compagni pronti a tutto pur di rubare qualche monetina. Il ritmo incalzante diventa quindi il principale ostacolo alla buona riuscita dei propri salti di piattaforma in piattaforma, ma un aiuto potrebbe giungere proprio dal giocatore col GamePad; quest'ultimo infatti non partecipa alla partita in maniera tradizionale, bensì come una sorta di "deus ex machina" che può creare piattaforme semplicemente toccando con lo stilo sul touch screen, con quest'ultimo che replica l'azione esattamente in maniera identica alla tv. Ciò può rappresentare un enorme aiuto per i compagni, che si ritrovano così a contare su un supporto prezioso per raggiungere zone fuori portata, per avere semplificata la vita nei passaggi più difficili o ancora per vedersi comparire sotto i piedi un autentico "salvavita" dopo un salto sbagliato. Amici e nemici col GamePad Ma se nel cuoricino di chi tiene in mano il GamePad c'è del marcio, e se un ghigno sadico si materializza sul suo volto, allora ecco che le piattaforme possono diventare non strumenti di cooperazione, ma bensì di distruzione: che ne dite di bloccare un salto di quell'antipatico di Mario con un blocchetto ben posizionato proprio davanti al suo naso? O magari di piazzarne un paio a ostacolare una altrimenti serena raccolta di monete? Inutile dire che le più grasse risate ce le siamo fatte proprio in quest'ultime situazioni, mettendo i bastoni tra le ruote agli altri nella maniera più malvagia possibile. Interessante anche il fatto che su GamePad si possa interagire anche con qualche elemento e nemico, rendendo così un po' più varia l'azione. Molto piacevole anche se tutt'altro che sorprendente la componente grafica, che seppur nel complesso ben poco distante dalla versione per Wii gode decisamente dell'alta risoluzione, capace di esaltare i dettagli e la buona chiave artistica del prodotto. Detto questo, resta ancora molto da scoprire su New Super Mario Bros. U, e la curiosità è parecchia soprattutto dopo aver visto il non impeccabile recente New Super Mario Bros. 2 per 3DS; rimane la sensazione che nella line-up di Wii U manchi il vero system seller, ma questo probabilmente non impedirà a titoli come questo di far divertire milioni di appassionati in tutto il mondo mostrando loro la visione di Nintendo per la sua nuova home console.

Certezze

  • NSMB all'ennesima potenza
  • Modalità Boost Rush esilarante
  • Il gameplay asincrono funziona

Dubbi

  • Buona parte dei contenuti sono ancora da scoprire
  • Tecnicamente non certo impressionante

TI POTREBBE INTERESSARE