Le paure multiple di Kojima  90

Al Tokyo Game Show si è parlato di P.T. e Silent Hills

Hideo Kojima è stato chiaramente il mattatore di questo Tokyo Game Show 2014; già durante la prima giornata della manifestazione ha tenuto due lunghe conferenze stracolme di spettatori su titoli di un certo spessore: Metal Gear Solid V: The Phantom Pain e Silent Hills.

Il venerabile creatore giapponese è alla stregua di una celebrità qui in patria, e nel tentativo di riportare agli antichi fasti di un tempo la saga di Silent Hill, probabilmente lo diventerà ancora di più. È infatti oramai risaputa la sua collaborazione con Guillermo del Toro: i due si sono conosciuti anni fa in una cena di lavoro e hanno parlato di letteratura e cinema, successivamente si sono incontrati più volte fino a quando Kojima non ha inviato a del Toro la prima versione di P.T., rifinita più volte in collaborazione fino a quella rilasciata sul PlayStation Network. Ad oggi oltre un milione di persone hanno scaricato il Playable Teaser su PlayStation 4, e circa 206.000 l'hanno portato a termine dopo che il primo genietto (o matto) ci è riuscito dopo sole poche ore. In seguito all'aver snocciolato queste statistiche Kojima ha presentato un filmato che funge da movie concept e raccordo tra P.T. e Silent Hills: ci troviamo di nuovo in un corridoio ma questa volta decisamente più definito dal punto di vista tecnico (per il Playable Teaser Kojima aveva abbassato di proposito il dettaglio grafico per non far riconoscere il Fox Engine), all'interno del quale si vede una palla da spiaggia che si trasforma nella testa di un bambino, e poi tanti vermi che fuoriescono dalla parete in una maniera che ci ha ricordato alcuni accadimenti dei primi, bellissimi, Silent Hill. Decisamente disturbante come il proseguo del video, dove un'aberrazione a forma di verme gigante insegue il malcapitato protagonista aumentando di tanto la tensione. Siamo sicuri che Hideo Kojima si scatenerà non poco con il suo prossimo videogioco, per lui la "s" finale nel titolo significa che procurerà diversi tipi di paura, e la possibilità di esplorare un genere videoludico nuovo per lui, ma basandosi sulla sua enorme conoscenza e passione per il mondo cinematografico, potrebbe dare luogo a risultati devastanti in positivo, soprattutto se questo strano mix con del Toro porterà ai frutti sperati. Ed infatti quando è stato riproposto il primo trailer ufficiale di Silent Hills con Norman Reedus, lo scorcio della città ci ha lasciato da subito affascinati sia per l'impatto puramente grafico, sia per l'eccellente lavoro artistico, infiammato dalle musiche originali di Silent Hill.

Tra le altre cose Kojima ci ha tenuto a ribadire che quel piccolo scorcio di gioco è stato prodotto interamente in real time su PlayStation 4; avendo già apprezzato il Fox Engine su Metal Gear Solid V, siamo sicuri che questo titolo sarà di primo piano anche dal punto di vista tecnico. Ancora non è chiaro se Silent Hills sarà un gioco in prima o terza persona, sicuramente la presenza di un protagonista principale così riconoscibile si materializzerà almeno in sequenze di intermezzo dove si vedrà la sua figura per intero; un'altra teoria vuole che il gioco sarà in prima persona e il protagonista un altro, mentre Reedus potrebbe essere un personaggio di supporto e che avrà un ruolo molto importante nell'economia della trama. Detto questo, bisogna mettersi l'anima in pace che Hideo Kojima centellinerà le informazioni durante il corso dei prossimi mesi (anni?) e di più in seguito all'uscita di Metal Gear Solid V: The Phantom Pain; allo stesso modo siamo sicuri che non ci lascerà a bocca asciutta in ogni fiera internazionale alla quale prenderemo parte, la strada verso Silent Hills sembra essere quantomeno

Al Tokyo Game Show si è parlato di P.T. e Silent Hills, ecco il nostro resoconto!

CERTEZZE

  • La speranza di una ripresa per la serie
  • Reedus, del Toro e Kojima: un mix che potrebbe essere esplosivo

DUBBI

  • Concretamente non si sa ancora nulla del gioco