Assembla che ti Passa #45  57

Le nuove GPU NVIDIA si preparano al debutto tra conferme, dubbi e presunti benchmark

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

Questa settimana le nuove GPU dominano la scena e sarebbe strano il contrario, visto l'imminente arrivo delle prime schede video Pascal. Purtroppo la comparsa di alcuni benchmark di Ashes of Singularity ha smorzato l'hype per la GeForce GTX 1080, la nuova ammiraglia NVIDIA pubblicizzata dal CEO NVIDIA Huang come più performante di due GTX 980 in SLI. Stando ai test pubblicati, infatti, la scheda se la gioca con una R9 Fury X che di certo non arriva alla potenza di due GTX 980. Parliamo, va detto, di un titolo AMD friendly, ma anche compensando del 20% lo scarto, prendendo come riferimento i benchmark della GTX 980 Ti, il risultato non è entusiasmante. Non è il caso di disperare vista la situazione poco chiara dei driver. Alcuni siti che hanno già ricevuto i sample della scheda hanno deciso, con tanto di comunicato ufficiale a riguardo, di aspettare i driver definitivi che, stando alle dichiarazioni, non erano ancora disponibili a inizio settimana.

Le cose, però, parrebbero essere cambiate visto che sono recentemente apparsi in rete alcuni test 3D Mark pubblicati da Videocardz.com. L'autenticità delle immagini è tutta da dimostrare ma i numeri non sono così esagerati, in un senso o nell'altro, da destare sospetti. Nel grafico la GTX 1080 supera di oltre il 20% la Titan X e di qualcosa in più la GTX 980 Ti e la Radeon FURY X confermando le aspettative più diffuse. Invece in confronto alla GTX 980 il guadagno è intorno al 40%, corposo ma ancora lontano dal quel 50% e oltre promesso dal CEO NVIDIA durante la presentazione della GTX 1080. In caso di conferma, però, ce la sentiamo di affermare che i driver, se disponibili, sono indubbiamente acerbi e, sempre che i benchmark in questione siano veritieri, c'è margine in abbondanza per miglioramenti percettibili. In ogni caso, tornando alle dichiarazioni ufficiali, è possibile che il CEO di NVIDIA abbia giocato con le parole evitando di specificare se le affermazioni sulla potenza della GTX 1080 includessero o meno l'overclocking. A suggerire che possa essere andata così è una seconda tabella, sempre pubblicata da Videocardz.com, in cui troviamo le performance della scheda NVIDIA spinta fino a 2.1 GHz, cosa che stando alla presentazione ufficiale dovrebbe essere possibile senza troppi problemi con le Founder Edition. Nel grafico la GTX 1080 spinta al di sopra dei 2 GHz supera del del 24% le performance ottenute con il clock base mostrando potenzialità di overclock strepitose e arrivando probabilmente a superare uno SLI di GTX 980. In caso di conferma, comunque, resta da vedere se questa velocità sia raggiungibile, restando entro temperature accettabili, con il sistema di raffreddamento delle Founder, a quanto pare equipaggiate con backplate di serie e copertura d'alluminio, che giustificherebbe il prezzo maggiorato di 100 dollari non solo nella forma ma anche nella sostanza.

Per scoprirlo ci toccherà aspettare ancora qualche giorno e non è di certo il caso di lanciarsi in previsioni avventate. D'altronde anche le indiscrezioni sul limite di sole due schede per le configurazioni SLI parrebbe essere infondato nonostante le specifiche del nuovo bridge HB e nonostante l'apparente conferma di EVGA. L'unica certezza è che le versioni a liquido, pensate per arrivare a 2.5 GHz già in fabbrica e presumibilmente dotate di un secondo connettore ausiliario per poter superare il limite di 225W, avranno un prezzo decisamente alto, ma secondo NVIDIA varrà la pena acquistarle in forza di una velocità superiore a quella del chip P100, almeno nella versione stock, simile al GP100 che troveremo nelle future Titan e Ti. Nel frattempo AMD si prepara al debutto della sua nuova serie di GPU che potrebbe avvenire prima di fine maggio, anche se pare che i piani per il Computex dei partner della compagnia non prevedano schede Polaris. L'indiscrezione è compatibile con i rumor che indicano un lancio a giugno avanzato con una distanza tra annuncio e disponibilità effettiva delle schede simile a quella vista per la serie Pascal di NVIDIA. AMD, insomma, potrebbe essere in linea con la propria tabella di marcia pur lasciando a NVIDIA il ruolo da protagonista assoluta sull'importante showfloor del Computex dove troveremo senza dubbio tonnellate di 1080 standard, Founder e overclockate come la Zotac GTX 1080 PGF e la Gigabyte Xtreme. AMD, in ogni caso, non punta alla concorrenza diretta, almeno con la GPU Polaris 10 che punta alla fascia media con un prezzo sensibilmente inferiore a quello della GTX 970 e della R9 390. Gli ultimi rumor piazzano Polaris 10 a 5.5 TFLOPs di potenza, tra la 390 e la 390X, ma con un consumo inferiore ai 150W. Polaris 11, invece, si accontenterebbe di soli 2.5 TFLOPs giustificati da un consumo di soli 50W. E se le indiscrezioni dovessero essere confermate ci troveremmo di fronte a schede pensate esclusivamente per rendere più appetibile la fascia medio-bassa. Ma AMD potrebbe non essere così tranquilla della propria scelta tanto da decidere di anticipare, almeno stando a un recente rumor, l'uscita delle schede Vega a ottobre, in contemporanea con Battlefield 1. Che si tratti di una corsa ai ripari di fronte ai muscoli della GTX 1080? Possibile, d'altronde anche stando alle sole specifiche, e senza badare alle dichiarazioni altisonanti di NVIDIA, risulta difficile credere che la GTX 1080 possa rivelarsi la scheda dipinta dai test relativi a Ashes of Singularity visto che persino una scheda Maxwell, con il medesimo incremento in termini di transistor e clock, dovrebbe esprimere una potenza superiore a quella indicata. Il numero dei transistor, a dire il vero, è leggermente inferiore a quello indicato, almeno secondo quanto leggiamo dalle specifiche percepite dal software GPU-Z, ma in quanto a potenza sprigionata la scheda, senza overclock, tira fuori qualcosa come 102.8 GPixel e 257.1 GTexel.

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

La scorsa settimana, seguendo Doom, ci siamo spinti su un processore AMD di fascia media ma questa settimana torniamo a guardare al futuro, sebbene con un occhio al portafogli, tornando allo Skylake Core i3-6100 che con i suoi quattro thread non dovrebbe dare problemi di sorta per quanto riguarda il gaming attuale.

La presentazione delle GeForce GTX 1070 e 1080 non tange la fascia bassa che sul fronte NVIDIA si attesta sugli stessi prezzi di sempre. Per questo, puntando alla risoluzione 1080p, torniamo sulla R7 370 di XFX, nella versione da 2GB, che in quanto a rapporto tra qualità e prezzo resta una delle opzioni più vantaggiose.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 115.00
Intel Core i3-6100 3.7 GHZ
SCHEDA MADRE € 60.00
ASUS H110M-K
SCHEDA VIDEO € 130.00
XFX Radeon R7 370 DD
RAM € 45.00
Crucial 8GB (1 x 8GB) DDR4-2133 Memory
ALIMENTATORE € 50.00
XFX ProSeries P1-450S-X2B9
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 40.00
Zalman T3 Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 500.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di lanciarsi nel gaming PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Il Core i5-6500 ci permette di godere delle novità di Skylake pur costando come il Core i5-4590 e per questo rappresenta un'opzione da non sottovalutare. Tra motherboard e memoria, la spesa per questa configurazione sale di qualche euro rispetto alle medie di questa fascia ma in cambio possiamo contare su un buon rapporto tra longevità, qualità e prezzo.

In seguito alla presentazione delle nuove GeForce della serie Pascal c'è stato un lieve abbassamento di prezzo delle attuali schede NVIDIA. Grazie a questo la Zotac GeForce GTX 970 può essere acquistata a meno di trecento euro che potrebbero fare gola anche se la GTX 1070 e la GPU Polaris 10 di AMD promettono di cambiare radicalmente i rapporti di forza del mercato GPU rendendo ogni acquisto di fascia medio/alta un rischio da evitare per qualche settimana.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 200.00
Intel i5-6500 3.2GHz
SCHEDA MADRE € 110.00
Asrock Z170m Pro4S
SCHEDA VIDEO € 295.00
Zotac GeForce GTX 970
RAM € 45.00
HyperX FURY DDR4 2x4GB 2133MHz CL14 (HX421C14FB/4)
ALIMENTATORE € 70.00
XFX Pro Series 550W PSU 80+ Bronze
HARD DISK € 40.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 55.00
BitFenix Neos
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 830.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni estreme, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

In attesa del lancio delle CPU Broadwell-E, previsto per l'imminente Computex di Taipei, dobbiamo accontentarci ancora una volta del Core i7-6700K che risulta comunque più che sufficiente per le necessità di qualsivoglia videogiocatore. Il problema maggiore resta la scelta della GPU con la GeForce GTX 1080 che promette di rendere vetuste anche le schede di fascia estrema. Inutile girarci intorno, comprare una GPU di fascia alta con la serie Pascal in vista è altamente sconsigliato.

L'unica possibilità per arrivare a tiro della GTX 1080 risparmiando qualcosa è puntare al raddoppio della propria GTX 980, possibile solo possedendone già una. Ma in questo caso, tenendo conto che alcuni giochi non gradiscono le configurazioni a più schede, sarebbe comunque meglio aspettare un ulteriore calo di prezzo. Detto questo, per necessità di format, restiamo sulla Palit GeForce GTX 980 Ti Super Jetstream che per ora resta una delle opzioni più convenienti per questo tipo di configurazione.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 420.00
Intel Core i7-6700K + Noctua NH-D15
SCHEDA MADRE € 220.00
Asus Maximus VIII Hero
SCHEDA VIDEO € 635.00
Palit GeForce GTX 980 Ti Super Jetstream
RAM € 95.00
G.SKill Ripjaws V 4x4GB DDR4-3000 CL 15 (F4-3000C15Q-16GVR)
ALIMENTATORE € 150.00
EVGA SuperNOVA G2 850W 80+ Gold
HARD DISK € 150.00
Samsung 950 Pro M.2 SSD/Hitachi Travelstar 7K1000 SATA III 1TB
CASE € 150.00
Corsair Carbide Air 540
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 1835.00