Lo strategico per tutti  28

Microsoft rispolvera lo spin off strategico della serie: abbiamo provato Halo Wars 2

Versione testata: Xbox One

Halo Wars era uno spin off che tutto sommato, nonostante la sua atipicità, aveva senso: il brand di Halo è popolarissimo, ha una base di affezionati utenti pronti a consumare qualsiasi prodotto ne espanda storie e prospettive ma soprattutto Halo, prima che rivoluzionasse lo sparatutto in prima persona su console, era nato come strategico. Inoltre Microsoft ha due utenze, quella console e l'altra PC, da soddisfare, perciò avere una declinazione RTS del brand poteva avere una sua logica. Il titolo, risalente all'oramai lontano 2009, non viene certo ricordato come un capolavoro, eppure deve aver ottenuto abbastanza successo da convincere la casa di Redmond a incaricare 343 Industries di mettersi al lavoro su un seguito la cui esistenza era trapelata oramai qualche settimana addietro ma che è stato confermato all'E3 2016 attualmente in corso. A Los Angeles abbiamo anche potuto metterci le mani sopra, verificandone di persona qualità e prospettive, seppur solo della componente multigiocatore. Il risultato, stando a quanto abbiamo potuto vedere, si divide tra alti e bassi.

Il pezzo mancante

Halo Wars 2 abbraccia la nuova filosofia che Microsoft ha scelto per Xbox One e PC: niente più esclusive, solo la possibilità di decidere dove giocare i titoli dello stesso ecosistema oramai sempre più unificato. Qualora dovesse prendere la strada dell'originale, molto probabile, ci troveremmo di fronte a un gioco che punta tanto del suo fascino sulla campagna single player e quindi sull'universo creato da Bungie, prima, e 343 Industries dopo. Avendo provato solo il multiplayer dobbiamo accontentarci di discutere la componente meno peculiare e attraente del pacchetto, ma già ci siamo fatti alcune idee.

Intanto il gameplay: che si scelga di provarlo su PC oppure console, la giocabilità è pensata per venire incontro anche agli utenti che non hanno migliaia di ore su StarCraft II e compagnia, rallentando molto il ritmo e dando pochi elementi da tenere sotto controllo. Con una manciata di click si gestisce ed espande la propria base e le relative espansioni, si ordinano nuove unità, si migliorano quelle esistenti e così via. Tutti i comandi prevedono di premere il tasto A per selezionare la singola truppa, oppure di tener premuto lo stesso per vedersi allargare sul terreno un cerchio con il quale scegliere tutte le unità presenti entro la sua area ad azione. A quel punto pochi click danno modo di comandare dove andare, chi attaccare e via dicendo. Con il controller questo schema funziona davvero bene soprattutto perché, come dicevamo, la velocità è limitata e quindi anche gli spostamenti della telecamera gestiti attraverso gli analogici non si rivelano un problema. Attraverso i dorsali si richiama un menù che dà accesso a delle abilità speciali, siano attacchi sul terreno di gioco oppure altri bonus, e questi dipendono in parte dal comandante scelto, un elemento che aggiunge un pizzico di personalizzazione e strategia extra. Il grosso problema, almeno stando a quanto visto, per il momento è la componente visiva: su PC Halo Wars 2 non fa gridare al miracolo, è piacevole ma nulla più e fa buon uso dello stile e dell'immaginario della serie di riferimento, mentre su console l'unione di una visuale più ravvicinata, una risoluzione minore e diversi cali di frame rate durante le situazioni più concitate non aiutano a rendere giustizia alla visione degli sviluppatori. Qualora queste magagne tecniche venissero risolte e ci dovessimo trovare al cospetto di una campagna ben orchestrata, il neo annunciato strategico farebbe la sua figura e soprattutto acquisirebbe senso. Altrimenti il rischio è che passi inosservato, soprattutto in un periodo in cui un certo tipo di esperienza strategica è stata soppiantata dai MOBA e l'utenza potrebbe non trovare più il classico RTS qualcosa di rilevante.

CERTEZZE

  • Immediato e dotato di una buona interfaccia
  • Il brand di Halo è un valido punto di partenza

DUBBI

  • Su Xbox One è tecnicamente indietro
  • Per ora non si sono viste grosse novità