Mario Party: Star RushLancia i dadi! 

Il popolare franchise di minigiochi torna su Nintendo 3DS con Mario Party: Star Rush

Senza voler sminuire nessuno, l'E3 2016 in casa Nintendo è stato indubbiamente l'E3 di The Legend of Zelda: Breath of the Wild che ha meritatamente calamitato tutte le attenzioni dei videogiocatori. Durante la fiera losangelina però la casa di Kyoto ha anche annunciato Mario Party: Star Rush per Nintendo 3DS, che sarà in arrivo il prossimo ottobre, portando con sé una grande quantità di mini giochi sulla console portatile. L'obiettivo e le aspettative dei giocatori sono rivolti verso un miglioramento di quanto visto tre anni fa sempre su Nintendo 3DS con Island Tour, che non era stato capace di proporre nulla di realmente nuovo e originale.

Mario Party: Star Rush riporta i minigiochi su Nintendo 3DS velocizzando il ritmo di gioco

Party portatile

Uno dei punti cardine dello sviluppo di Star Rush è stata la volontà degli sviluppatori di trovare soluzioni adatte a velocizzarne il ritmo di gioco, rendendo i minigiochi più rapidi e intuitivi ed esaltando la peculiarità numero uno di un titolo come Mario Party: fare partite mordi e fuggi facilmente accessibili da altri giocatori. Lancia i dadi! Lancia i dadi! Durante la presentazione abbiamo potuto vedere in azione la modalità Toad Scramble, quella principale, nella quale fino a quattro giocatori nei panni di Toad si sfidano in differenti minigiochi. La scelta del personaggio comune previene a monte i malcontenti tra chi vuole Yoshi e chi vuole impersonare Mario, ma i principali personaggi della grande N faranno comunque la loro comparsa nel corso della partita grazie a una nuova meccanica che ci permette di reclutarli per averli sempre al nostro fianco. In Mario Party: Star Rush è sempre il tuo turno: tutti i giocatori giocano contemporaneamente e non si deve più aspettare il completamento del turno degli altri per iniziare a giocare. Non si gioca più su un percorso predefinito ma su una mappa a griglia completamente esplorabile nella quale muoversi in base al punteggio fatto registrare al lancio dei dadi. È possibile quindi decidere in che direzione muoversi anche in base alle caselle disponibili e ai punti di interesse disseminati nell'ambientazione. Abbiamo infatti anticipato la possibilità di allearci con altri personaggi provenienti del mondo di Mario: questi compariranno in posizioni casuali sulla mappa dopo i primi turni di gioco e il compito del giocatore sarà proprio quello di riuscire a reclutarne il più possibile in vista degli scontri con i boss. Il fine ultimo è sempre quello di conquistare più stelle rispetto ai propri avversati, ma si possono utilizzare delle strategia diverse: ad esempio posso decidere di dirigermi subito verso il boss, oppure andare in giro a collezionare monete o, come detto, ampliare il mio party con nuovi personaggi che poi torneranno utili nei minigiochi. Si tirano i dadi e ci si muove tutti contemporaneamente, attuando allo stesso momento ognuno la propria strategia e costringendoci quindi ad avere sempre un occhio attento rivolto verso i nostri avversari per vedere verso quale obiettivo stanno puntando.

Questione di strategia

A partita iniziata, sulla mappa non solo compaiono gli altri personaggi, ma anche il boss che può quindi essere raggiunti fin da subito da uno dei partecipanti. Così facendo il primo che si butta nella battaglia avrà un vantaggio in termini di tempo visto che gli altri avversari dovranno dirigersi verso lo scontro dal punto della mappa in cui si trovano perdendo secondi preziosi che potrebbero risultare determinanti sul risultato finale. Lancia i dadi! Lancia i dadi! Dall'altra parte, un altro giocatore potrebbe scegliere di iniziare più tardi lo scontro con il boss andando a reclutare gli altri personaggi sulla mappa che hanno un ruolo molto importante, sia per quanto riguarda il movimento che per la vittoria delle sfide: nel primo caso ogni nuovo membro del party sblocca un dado supplementare che aggiunge da una a tre caselle di movimento. Inoltre durante i minigiochi questi sono controllati dall'intelligenza artificiale dandoci un sostanziale vantaggio numerico nel raggiungimento del primo posto. In tal senso ci è stata mostrata una sfida con protagonista un Goomba gigante nella quale per vincere bisognava raccogliere il maggior numero di mele trasportandole dentro una cassa di legno. Nonostante il Toad giallo avesse iniziato per primo la competizione guadagnando quindi una decina di secondi sugli avversari, a vincere è stato il giocatore che si è presentato con Toad affiancato da Mario e Donkey Kong. In tre la raccolta è stata molto più veloce e la vittoria assicurata. Nonostante si tratti di un titolo che basa appeal e divertimento sulla varietà e sulla qualità di minigiochi - ad ora praticamente ancora tutti da scoprire - possiamo dire che l'eliminazione dei tempi di attesa tra un turno e l'altro ha dato una bella sterzata al ritmo di gioco velocizzando l'azione, mentre le implicazioni strategiche delle scelte dei giocatori potrebbero aggiungere ulteriore spessore alle partite. Il multiplayer sarà gestito in locale tramite connessione wireless, con aggiunta del Download Play, opzione sempre gradita quando si tratta di sfidare altri giocatori. In ultimo saranno compatibili gli amiibo della Super Mario Collection, tra cui anche Daisy, Waluigi e Boo in uscita tra ottobre e novembre. Come saranno utilizzati a le loro implicazioni all'interno di minigiochi non è stata ancora svelata, ma siamo sicuri che prima del lancio torneremo ancora a parlare Mario Party: Star Rush nella speranze che riesca a riscattare il mezzo passo falso fatto dal suo predecessore.

Certezze

  • Ancora più immediato
  • Struttura di gioco che favorisce le partite veloci

Dubbi

  • Avrà senso giocarlo da soli?
  • Varietà e qualità dei minigiochi tutta da verificare

TI POTREBBE INTERESSARE