World of Warcraft: LegionLa Legione si avvicina 

Blizzard ha pubblicato la prima parte dell'aggiornamento che precede la nuova espansione di World of Warcraft

La Legione si avvicina Il prossimo 30 agosto uscirà la nuova espansione di World of Warcraft, Legion. C'è chi dice che potrebbe essere l'ultima, ma Blizzard smentisce, pur restando sul vago, e c'è chi semplicemente non ci vuole neppure pensare: negli ultimi dieci anni il kolossal Blizzard ha fatto parte integrante della vita di milioni di giocatori, seppur a singhiozzi, nel bene e nel male. Ciò non toglie che le aspettative nei confronti di Legion siano altissime. I ragazzi di Irvine hanno molto da farsi perdonare dopo il mezzo passo falso che si è rivelato essere Warlords of Draenor: la precedente espansione di World of Warcraft era partita veramente col botto, ma si era persa in un bicchier d'acqua nel giro di qualche aggiornamento, concludendosi in modo deludente. Adesso Blizzard ha lasciato perdere gli universi paralleli per concentrarsi su quello che conta davvero, pescando a piene mani nella mitologia della saga per chiudere le questioni lasciate in sospeso. La Legione Infuocata non è ancora arrivata, però: i demoni cominceranno a invadere Azeroth nelle prossime settimane, e l'ultimo aggiornamento ha portato World of Warcraft alla versione 7.0.3, preparando il client alla rivoluzione di Legion. Scopriamo insieme le novità più importanti di questa patch.

World of Warcraft si aggiorna: manca poco più di un mese alla nuova espansione, Legion!

Ricomincio da capo

La patch che precede il lancio di un'espansione è sempre un po' traumatica, specialmente per chi non gioca da un po' o non segue lo sviluppo del client sui reami di prova. Quella di ridisegnare le classi è diventata praticamente una tradizione, ma nel caso di Legion i ragazzi della Blizzard hanno davvero esagerato, modificando radicalmente la maggior parte delle specializzazioni che abbiamo imparato a conoscere negli ultimi anni. Qualche esempio? Lo Stregone Demonologo non si trasforma più in demone: adesso è diventato un vero e proprio demon-sitter capace di sguinzagliare i suoi mostri contro i nemici, potenziandoli all'occorrenza. La Legione si avvicina Il Paladino Sacro ha perso l'indicatore del Potere Sacro e i Sigilli, guadagnando una Maestria che aumenta l'efficacia delle cure sui giocatori più vicini. Il Cacciatore Sopravvivenza ha smesso di usare archi, balestre e fucili per concentrarsi sul combattimento in mischia: ebbene sì, è diventato un combattente a distanza ravvicinata capace di infliggere enormi danni senza dover necessariamente ricorrere ai famigli. La specializzazione Combattimento del Ladro non esiste più, sostituita dalla specializzazione Fuorilegge che cambia quasi completamente la maggior parte delle abilità, rendendola particolarmente efficace quando ci sono nemici da sfoltire. Il Sacerdote Ombra è stato praticamente ridisegnato, dato che adesso è perennemente in Forma d'Ombra e guadagna una nuova risorsa, la Pazzia, che permette di accedere alla devastante Forma del Vuoto. Questi sono solo alcuni esempi delle rivoluzioni che hanno cambiato il modo di giocare praticamente ogni classe: per saperne di più, vi suggeriamo di consultare il sito ufficiale. Per quanto possa essere seccante dover imparare a giocare da capo la propria classe, magari scoprendo che i cambiamenti non sono di nostro gusto, bisogna ammettere che le modifiche apportate a ogni specializzazione hanno rinvigorito l'esperienza e garantito una diversità tra le classi che mancava da un po', grazie anche a una valanga di nuove animazioni uniche. I giocatori che hanno lasciato World of Warcraft da qualche mese si sentiranno incentivati a rinnovare l'abbonamento prima dell'uscita dell'espansione per far pratica con le novità e metterle alla frusta nei vecchi content che Blizzard ha bilanciato per garantire un'esperienza spensierata in queste ultime settimane prima dell'esodo di massa alle Isole Disperse. La Legione si avvicina In generale, comunque, i ragazzi di Irvine hanno ritoccato anche le meccaniche di base, sbarazzandosi per esempio di alcune statistiche come l'indice di Replicazione introdotto nell'espansione precedente o il caro vecchio Spirito. Anche la Potenza Magica sulle armi ci saluta per integrarsi nel valore dell'Intelletto, tanto per dire. Una delle novità più importanti e gradite, comunque, riguarda l'eliminazione della specializzazione secondaria... nel senso che ora ogni giocatore può cambiare liberamente specializzazione in qualunque momento, purché non sia in combattimento. Non costa nulla e le specializzazioni memorizzano le impostazioni delle abilità sulla barra, dei talenti e dell'equipaggiamento trasmogrificato scelto di conseguenza. Potremo cambiare liberamente i talenti soltanto nelle città e negli Enclavi: una volta usciti da quelle zone dovremo ricorrere per forza a un tomo che possono sintetizzare solo i runografi. Considerando che i glifi non esistono più - quelli cosmetici sono stati trasformati in oggetti o giocattoli - è bello vedere che Blizzard ha pensato a una delle professioni più sfortunate del mucchio, anche se sono in arrivo alcuni bilanciamenti interessanti e più generali.

La trasmogrificazione ti fa bella

L'aggiornamento 7.0.3 tocca anche una corda di World of Warcraft che negli ultimi tempi è stata un po' bistrattata: stiamo parlando del PvP. Blizzard ha deciso di svecchiare la sovrastruttura apportando alcuni cambiamenti importanti che andranno a incidere sul bilanciamento generale dell'esperienza con esiti ancora tutti da verificare. Le novità, comunque, promettono bene. Eliminate le valute dei punti Onore e dei punti Conquista, sostituiti dai Contrassegni ottenibili soltanto nei campi di battaglia e nelle arene, il valore dell'equipaggiamento nell'ambito del PvP è stato enormemente ridimensionato grazie a un lavoro di equalizzazione che rimuove ogni bonus o beneficio di cui godono i personaggi che accedono a una modalità di gioco competitiva. La Legione si avvicina La Legione si avvicina Questo significa che l'equipaggiamento d'ora in poi inciderà poco o niente sul bilanciamento delle classi, limitandosi a conferire dei piccoli bonus basati sul livello degli oggetti indossati. Si tratta di una modifica preliminare che fa da apripista al nuovo sistema di talenti PvP che si sbloccheranno all'uscita di Legion: ovviamente dovremo attendere qualche mese per valutare l'efficacia di queste nuove meccaniche, ma i ragazzi di Irvine intendono bilanciare seriamente l'esperienza intorno alle novità implementate per ogni classe col nuovo aggiornamento e l'espansione. La patch 7.0.3 aggiunge anche una nuova interfaccia che farà scoppiare di gioia tutti quei poveracci che continuano a lottare con i risicati spazi nelle loro banche: gli amanti del look e della fantasia adoreranno la nuova scheda dedicata agli Aspetti che si aggiorna ogni qualvolta raccogliamo un nuovo pezzo di equipaggiamento. In buona sostanza, la scheda registra tutti gli oggetti visibili che possediamo o che abbiamo posseduto in passato e ci permette di modificare il nostro aspetto, appunto, in qualunque momento con un semplice clic. Per questo motivo, i trasmogrificatori offrono adesso nuovi servizi che permettono di scegliere se visualizzare mantelli, copricapi e spalliere e di registrare i nostri set preferiti, abbinandoli alle specializzazioni in modo che cambino automaticamente insieme ad esse. La patch 7.0.3, insomma, può sembrare un po' carente sul fronte dei contenuti, ma serve a migliorare nettamente la qualità della vita in vista dell'ultimo aggiornamento che precederà l'espansione e che sbloccherà i Cacciatori di demoni per chi ha preacquistato Legion in concomitanza con l'invasione di Azeroth i vari eventi che la accompagneranno. Nel frattempo i giocatori potranno sperimentare i cambiamenti alle classi, imparare a giocare da capo i loro personaggi preferiti e godersi gli ultimi momenti di Warlords of Draenor, magari anche soltanto per collezionare nuovi look nella scheda degli Aspetti. Come al solito vi rimandiamo alle note ufficiali dell'aggiornamento, consigliandovi di dare un'occhiata alle impostazioni del gioco visto che Blizzard ne ha implementate di nuove che vanno a incidere sull'interfaccia e sulla resa grafica generale di World of Warcraft.

Note dell'aggiornamento 7.0.3 di World of Warcraft

TI POTREBBE INTERESSARE