Planet CoasterTorniamo nel parco 

Planet Coaster è stato aggiornato più volte nel corso degli ultimi mesi: scopriamo se ora vale la pena acquistarlo

Planet Coaster ha seguito un percorso commerciale tutto suo. Se ricordate nemmeno troppi mesi fa ne pubblicammo un provato per esaminarne i contenuti. Allora il gioco era disponibile solo nello shop ufficiale dello sviluppatore e per accedere alla versione Alpha bisognava sborsare la bellezza di 70€. Poche settimane fa Frontier lo ha infine pubblicato su Steam, in concomitanza con il rilascio di una nuova Alpha e a prezzo dimezzato. Chi lo aveva acquistato nello shop ufficiale ha fortunatamente ricevuto un codice per riscattarlo. Per il lancio della versione 1.0 mancano ancora due mesi (avverrà il 17 novembre), ma vale comunque la pena tornare a provarlo. In questo articolo parleremo soprattutto delle aggiunte fatte nel tempo trascorso tra i due articoli. Per le questioni generali, vi rimandiamo al precedente, ancora valido.

Funzioni aggiunte

Nel precedente provato avevamo segnalato numerose caratteristiche mancanti di Planet Coaster. Bene sappiate che sono state quasi tutte aggiunte e sono disponibili nella versione attualmente in commercio. Stiamo parlando del terraforming, dei progetti per edifici e attrazioni, del selettore multiplo, dell'editor di montagne russe e del sistema economico (presente per ora solo nella modalità Sfide, di cui parleremo più avanti). Manca ancora un sistema di trasporti per muoversi nel parco, ma possiamo considerarla una mancanza secondaria rispetto alle altre. Torniamo nel parco È già possibile scaricare contenuti aggiunti dal Workshop di Steam, perfettamente integrato nel gioco Torniamo nel parco I parchi possono raggiungere incredibili livelli di complessità Complessivamente l'editor di costruzione del parco è stato enormemente potenziato e ora è possibile, con un po' d'impegno, ottenere dei risultati strabilianti. Le caratteristiche più rilevanti sono sicuramente il terraforming e l'editor di montagne russe. Il primo consente di alzare e abbassare il terreno, scavare fosse, creare laghi e fiumi, piccole montagne, alture e così via. Si tratta di un sistema potente, dotato di funzioni che semplificano enormemente il lavoro. Ad esempio volete creare un lago con al centro una collinetta su cui piazzare la casa di una strega? Basta poco: si scava fin dove si vuole, si riempie la buca d'acqua, si solleva la collinetta e si acquista la casa della strega (o la si realizza a mano pezzo per pezzo). Volete far passare un fiume intorno all'intero parco e creare una serie di ponti panoramici per ammaliare i visitatori? Questione di pochi minuti (i ponti si creano sollevano e alzando le strade). Insomma, le possibilità sono davvero infinite e, a seconda del bioma scelto per giocare, si possono ottenere dei parchi davvero interessanti, paesaggisticamente parlando. L'editor di montagne russe è altrettanto eccellente: scelta la partenza tra le molte disponibili, si può costruire un tracciato in breve tempo tracciando rettilinei, curve e giri della morte con pochi click. L'interfaccia è molto comoda da utilizzare e con un po' di pratica si riescono a ottenere risultati ottimi. Peccato per la mancanza di un tutorial che rende i primi tentativi problematici, ma per il resto ci troviamo di fronte a uno strumento potentissimo che farà la felicità degli appassionati del genere. Delle altre aggiunte si può parlare più brevemente: il selettore multiplo consente di selezionare più oggetti sullo scenario, che possono essere così modificati tutti insieme come se fossero un singolo oggetto. Si tratta di uno strumento utile per fare grossi ritocchi (ad esempio girare più edifici insiemi) o per creare progetti da replicare o da mettere online (del Workshop parliamo nel prossimo paragrafo). Infine, i progetti, ora presenti in buona quantità, aiutano a creare parchi velocemente, richiamando edifici già decorati, sicuramente più attraenti di quelli base. Esistono progetti per ogni categoria: da quelli per gli edifici di servizio (bagni, chiosco delle informazioni e così via) a quelli delle montagne russe, a quelli meramente decorativi, come ad esempio un drago che mangia o il relitto di una nave pirata.

L’integrazione con Steam e la modalità Sfide

L'arrivo su Steam ha permesso agli sviluppatori di aggiungere alcune caratteristiche che altrimenti sarebbero state impossibili, o molto limitate. Avviando Planet Coaster appare sul lato destro dello schermo un elenco di giocatori particolarmente attivi nella realizzazione di progetti. Torniamo nel parco Il motore di gioco regge bene anche nelle situazioni più caotiche Cliccando sui loro nomi si accede alle creazioni, caricate sul Workshop, che possono essere liberamente scaricate e utilizzate. Volendo, le stesse sono visibili e sottoscrivibili direttamente dalle pagine del Workshop di Steam, dove si trovano già migliaia di oggetti aggiuntivi, tra decorazioni, montagne russe e interi parchi. Insomma, la potenza dell'editor creato da Frontier non è in discussione e l'utenza attiva rappresenta già un suo grandissimo valore aggiunto. A livello di modalità di gioco Planet Coaster non offre oggi molto più di quanto ci fosse nella prima versione Alpha. Certo, l'editor completo rende già ora la modalità sandbox assolutamente strepitosa, ma qualcosa manca: alcuni biomi, un tutorial per i neofiti, la modalità carriera e altro. Per ora è stata introdotta soltanto la modalità Sfide, che possiamo descrivere come una modalità sandbox con le risorse limitate in cui l'unico modo per far crescere il parco è attirare visitatori e fargli spendere i loro stipendi nelle nostre attrazioni. Pur mancando di obiettivi e simili, si tratta di una modalità ottima per rendersi conto di come è stata costruita la simulazione economica del parco e cosa significa gestirlo dovendo far tornare i conti. A differenza della modalità libera, le sfide danno senso agli indicatori di felicità dei visitatori, che vanno valutati con attenzione: qui non ci si può permettere di sbagliare a costruire un'attrazione, pena la perdita di soldi.

Siamo tornati a giocare Planet Coaster per valutare se nel tempo è migliorato

Conclusioni provvisorie

In conclusione, agli appassionati del genere non possiamo che consigliare senza riserve la versione attuale di Planet Coaster. Frontier ha puntato tutto sull'editor, che poi è anche l'elemento più desiderato da questa categoria. Torniamo nel parco Le attrazioni sono sempre il fulcro del gioco A oggi è il più completo che possiate trovare sul mercato e straccia letteralmente quello di RollerCoaster Tycoon World. Gli appassionati hanno davanti a loro ore e ore di progettazione di parchi, che potranno decorare come vogliono. Oltretutto anche il motore grafico aiuta parecchio nel rendere l'esperienza positiva: durante le nostre sessioni non si è mai bloccato, anche con il dettaglio impostato al massimo (online si parla però di qualche instabilità, quindi fate attenzione). Abbiamo avuto qualche rallentamento solo a parco pieno, ma niente di tragico. Considerando che il gioco è ancora in Accesso Anticipato, ci sono comunque margini di miglioramento anche da questo punto di vista. Gli unici a cui sconsigliamo l'acquisto sono i neofiti del genere. Il motivo è semplice: allo stato attuale Planet Coaster non ha ancora tutte quelle funzioni che aiutano a "entrare in gioco", come il tutorial e la modalità carriera. Insomma, la curva di apprendimento può essere ripida se non si hanno esperienze pregresse con titoli simili. Certo, se avete pazienza ci sono vari tutorial online da consultare che facilitano enormemente il compito. Ma questo lo potete valutare soltanto voi. Per il resto rimettiamo il giudizio definitivo sul gioco alla versione finale, anche se non possiamo che plaudire al lavoro fatto finora da Frontier, anche sul prezzo.

Consigliato

8.4

Lettori (13)

Pro

  • Editor di parco, oggetti e montagne russe al top del genere
  • Integrazione con il Workshop di Steam per contenuti extra
  • Tecnicamente stabile e fluido

Contro

  • Ancora niente tutorial o modalità carriera per i neofiti
  • Ce la farà a essere pronto per novembre?

TI POTREBBE INTERESSARE