EditorialiVenti giochi che vorremmo per Nintendo Switch 

Diversi publisher hanno garantito il supporto alla console, ma cosa ci aspettiamo da loro?

Il mistero è stato - almeno in parte - svelato e Nintendo Switch, non più NX, è finalmente una realtà. Venti giochi che vorremmo per Nintendo Switch Una console ibrida che cerca di unire il mondo mobile con quello casalingo attraverso un dispositivo che potremmo definire modulare, in grado di poter essere collegato al televisore attraverso una base, oppure sfruttato in mobilità estraendo uno schermo portatile dotato di due controller laterali staccabili, denominati Joy-Con. Impugnando i controller in orizzontale è possibile utilizzarli sfruttando lo schermo come un tablet, anche in due giocatori. Una soluzione eclettica che apre a svariate possibilità. Ovviamente mancano ancora tanti dettagli, in primis le caratteristiche tecniche della macchina, che verranno probabilmente svelate prima del lancio previsto per marzo 2017. Al momento sappiamo solo che sarà basata su un processore Nvidia Tegra, ma ovviamente c'è ancora tanto da scoprire. Non meno importante, abbiamo già una lista di publisher che hanno garantito il supporto alla console Nintendo. Proprio da questa lista abbiamo elaborato 20 possibili titoli che vorremmo vedere su Switch, tenendo comunque presente che si tratta di nostre libere supposizioni, non conoscendo come già detto le specifiche tecniche e non essendo stati annunciati ufficialmente titoli per la macchina.

Nintendo Switch è una realtà, ma cosa vorremmo giocarci sopra?

Calcio evoluto professionale e corse

La presenza di Konami nella lista dei publisher ha rappresentato una vera pulce nell'orecchio: considerando la vocazione verso soluzioni multigiocatore della console Nintendo, abbiamo pensato immediatamente a un nuovo capitolo di Pro Evolution Soccer, magari l'edizione 2018. Considerate che la serie, conosciuta in Giappone come Winning Eleven, ha saltato completamente Wii U, e l'ultima edizione ad approdare su Wii è stata quella del 2014, tra l'altro in versione "Legacy". Venti giochi che vorremmo per Nintendo Switch Questa sarebbe quindi un'occasione davvero buona per vedere il titolo sportivo Konami nello splendore del Fox Engine, allineandosi alle versioni current-gen. Ancora più esaltante è la presenza di Square Enix, anche nel caso della casa giapponese il supporto su Wii U è stato sostanzialmente inesistente. Anche se l'eventualità sembra piuttosto remota, vedere su Switch un titolo come Final Fantasy XV significherebbe vedere il ritorno della serie su una piattaforma home Nintendo dopo anni. Ci ha fatto piacere vedere anche la firma di Codemasters nella partnership Nintendo, poiché la sua presenza arricchirebbe sensibilmente l'offerta racing simulativi, un settore dove Wii U è stato pesantemente penalizzato. I titoli che auspichiamo sono una nuova iterazione del franchise F1, magari l'edizione 2017, e DiRT Rally, una delle migliori interpretazioni della disciplina negli ultimi anni, severa ma estremamente appagante. Per i medesimi motivi, avendo anche un publisher del calibro di 505 Games possiamo augurarci l'arrivo di Assetto Corsa degli italianissimi Kunos Simulazioni. Ci rendiamo conto di essere in pieno territorio dei desideri, non essendo la casa di sviluppo propriamente elencata, ma non si sa mai.

Switch e la prima guerra mondiale

Bethesda Softworks è tra i partner più esposti nel programma Switch, tanto che è stato mostrato The Elder Scrolls V: Skyrim nel trailer di presentazione della console Nintendo. Il titolo non è stato annunciato ufficialmente, non avremo questo tipo di dettagli prima dell'anno prossimo, ma questo non esclude una sua futura uscita. Venti giochi che vorremmo per Nintendo Switch Venti giochi che vorremmo per Nintendo Switch Nel campo delle ipotesi vogliamo però includere Fallout 4, l'ultimo capitolo della celebre serie con ambientazione post apocalittica, e magari qualche altro remaster di vecchi titoli di successo, come The Elder Scrolls IV: Oblivion. Sarebbe davvero fantastico rivivere le avventure nella capitale di Tamriel, magari con un comparto tecnico fortemente rivisto. La presenza di Electronic Arts sembra più enigmatica: non viene specificato precisamente la presenza di gruppi come DICE, Visceral o BioWare, ma essendo tutti raccolti sotto l'effige della casa canadese è più che auspicabile l'arrivo dei loro prodotti. Da parte di BioWare ci aspettiamo Mass Effect: Andromeda, considerando che il precedente capitolo era già uscito su Wii U. Il nuovo titolo promette avventure inedite e un ulteriore sviluppo dell'universo già efficacemente descritto nelle avventure del comandante Shepard. Il contributo da parte di DICE potrebbe arrivare con un adeguato porting del suo prossimo Battlefield 1, ultimo arrivo del famoso sparatutto in prima persona, incentrato stavolta sulla prima guerra mondiale e caratterizzato da una campagna intensa e dinamica. Il titolo si è già beccato un bel 9 sulle nostre pagine, aggiudicandosi la benedizione del nostro Matteo Santicchia, perché non averlo anche su Switch? Non scordiamo che Electronic Arts è anche EA Sports, la filiale dedicata alle simulazioni sportive che vede nel franchise FIFA il suo massimo esponente. In questo caso sarà del tutto scontato vedere una nuova iterazione della serie sulla console Nintendo, presumibilmente un capitolo intermedio a parte, o FIFA 18 per la fine dell'anno prossimo. Tornando su Konami non farebbe certo male un porting di Metal Gear Solid V: The Definitive Experience, una vera e propria goty edition delle avventure di Snake, figura ormai iconica creata dalla mente contorta di Hideo Kojima.

A tutto sparatutto

Anche Activision parteciperà alla grande festa Switch, come risultato di questa partnership ci aspettiamo l'arrivo di titoli del calibro di Call of Duty: Black Ops III, magari in una bella versione definitiva comprensiva di tutti i DLC rilasciati, e Call of Duty: Infinite Warfare, versione in chiave fantascientifica del celebre franchise. Non dimentichiamo Warner Bros. Interactive e tre titoli che potrebbero palesarsi sulla console, e che ci farebbe molto piacere vedere: La Terra di Mezzo: L'Ombra di Mordor, Dying Light e Batman: Arkham Knight. Il primo è una riuscita interpretazione open world dell'avventura fantasy ispirata alle opere di Tolkien, il secondo una commistione tra picchiaduro, horror e simulatore di parkour sviluppato da Techland, mentre il terzo è il capitolo finale della saga di Rocksteady sull'intramontabile uomo pipistrello. Venti giochi che vorremmo per Nintendo Switch Ubisoft non poteva ovviamente mancare, e il supporto della casa francese è indubbiamente importante e prezioso. Vorremmo quantomeno il porting di Watch Dogs 2, ma anche qualche inaspettata sorpresa basata sulle caratteristiche della console come fu per Zombi U, non si sa mai. Infine, non tralasciamo le produzioni giapponesi, abbiamo infatti la rimarchevole presenza in lista di From Software, casa che renderà felici tutti gli appassionati della serie dei "Souls", della quale è più che auspicabile trovare un nuovo esponente o un porting di Dark Souls III. Non è neanche da escludere una qualche collaborazione diretta con Nintendo per creare una nuova proprietà intellettuale, come già accaduto con Sony per Bloodborne. Citiamo ovviamente anche la storica Capcom, dalla quale desideriamo un supporto più massiccio rispetto al passato. Ci farebbe piacere vedere Resident Evil 7, nuova incarnazione della celebre saga survival horror che sembra recuperare l'atmosfera terrificante degli albori, o anche Street Fighter V per coprire il settore picchiaduro, ma soprattutto una collaborazione esclusiva come ai floridi tempi del GameCube. Come titolo bonus di chiusura ci rivolgiamo direttamente a Nintendo: dal trailer risulta abbastanza chiaro che avremo un nuovo titolo su Mario, un Mario Kart e la versione Switch di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, oltre al ritorno di altre proprietà Nintendo. Noi in particolare auspichiamo l'annuncio di un capitolo di Metroid Prime, che non sia un semplice spin-off come Federation Force, che ne dite?