Hardware PCAssembla che ti Passa #69 

Mentre HTC ci sorprende con la realtà virtuale wireless, NVIDIA festeggia risultati finanziari da record

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

Pochi giorni fa abbiamo parlato dei limiti della realtà virtuale augurandoci di vedere presto risolto un problema tangibile come quello dei cavi. HTC ci è venuta incontro con una rapidità sorprendente grazie a TPCast, partner del programma Vive X Accelerator, che ha tirato fuori dal cappello un kit wireless per il Vive. Con un prezzo di 220 dollari e un'ora e mezza di batteria, il dispositivo ausiliario non è per nulla economico e soffre di un limite di durata importante, ma il problema energetico dovrebbe essere risolto a qualche mese dal lancio, previsto in Cina per il primo trimestre del 2017, con l'arrivo di una batteria ausiliaria abbastanza piccola da poter essere infilata in tasca. Assembla che ti Passa #69 Il costoso kit è ovviamente dedicato agli utenti più entusiasti del visore HTC, ma la compagnia conta di racimolare vendite anche nel campo delle attrazioni basate sulla realtà virtuale che includono anche battaglie multigiocatore in ambienti simulati e derivati assortiti del vecchio lasertag. Secondo HTC il dispositivo non comporta un aumento avvertibile della latenza ed è una buona notizia per il futuro dei visori tridimensionali, anche è tutta da verificare. Nel frattempo Oculus ha abbassato i requisiti minimi del RIFT scendendo fino alla GeForce GTX 960 e questo vuol dire che il visore dovrebbe funzionare anche con una GTX 1050 Ti. Purtroppo la scheda NVIDIA soffre un prezzo che risulta troppo elevato rispetto alla GTX 1050 e non cade tanto lontano da quello della Radeon RX 470, una scheda che offre performance decisamente superiori. Proprio per questo non ci stupiremmo di vedere un'ulteriore ascesa di AMD che sta giocando le carte giuste, almeno nella fascia media, e grazie a un supporto rinnovato, che include titoli di rilievo ottimizzati per le proprie schede, è in crescita ormai da svariati mesi. Ciononostante la diretta concorrente non se la passa di certo male. I risultati finanziari di NVIDIA per il terzo trimestre del 2016 riportano entrate per 2 miliardi di dollari superando di più di 300 milioni di dollari le stime degli analisti. Il giro d'affari della compagnia include settori in crescita come automotive, intelligenza artificiale e datacenter ma il grosso arriva dalle GPU e da Tegra che hanno avuto un incremento del 54%. Il settore gaming della compagnia ha macinato complessivamente 1244 milioni di dollari e questo risultato sembra indicare che il prezzo delle GPU Pascal non abbia scoraggiato gli acquirenti fedeli dall'acquistare una nuova scheda NVIDIA. Purtroppo anche gli oltre 700 euro necessari per acquistare una GTX 1080 custom di fascia alta non garantiscono il 4K senza compromessi, ma ci stiamo avvicinando al traguardo e proprio per questo non ci stupisce l'aumento della disponibilità di monitor 4K. Ciononostante l'Acer Predator XB271HK, 27 pollici racchiusi in una cornice decisamente elegante, resta una delle opzioni migliori nel campo dei pannelli IPS con tecnologia G-Sync, anche se è fuori portata per la maggior parte dei giocatori a causa di un prezzo superiore ai 700 euro. Assembla che ti Passa #69 Per trovare qualcosa di abbordabile è necessario scendere a compromessi ed è proprio li che ci aspetta al varco il Samsung U28E590D che si accontenta di un pannello TN ma vanta un prezzo di soli 350 euro. Come proposta entry level non è male anche se probabilmente non è il caso di aggiungere i compromessi del monitor a quelli necessari per giocare con una GTX 1080. Probabilmente per ora è meglio accontentarsi e nel campo del 1440p troviamo un altro Acer Predator, l'XB271HU IPS con tecnologia G-Sync, che ormai è una presenza fissa nelle classifiche grazie a un refresh di 165Hz. In questo caso inizia però ad avere senso considerare anche i monitor FreeSync visto con questa risoluzione può dire la propria anche AMD grazie a schede come la Radeon RX 480 e Radeon R9 Fury. Le opzioni includono l'Asus MG279Q che offre pannello IPS, 144HZ e 4 millisecondi di tempo di risposta per poco più di 500 euro. Purtroppo con il FreeSync attivo il range è limitato alla forbice 35-90Hz ma è possibile spingerlo, con un hack, fino a 57-144Hz. Non è invece necessario ricorrere a trucchi con l'Acer Predator XF271HU che, probabilmente a causa della bassa reperibilità, costa più della controparte G-Sync, ma se non altro supporta da subito il FreeSync a 144Hz. Con frequenze del genere è possibile giocare senza problemi anche allo sparatutto più frenetico anche se c'è chi non si accontenta e questo ci porta ai pannelli 1080p e nello specifico a una "new entry" capace di arrivare a 180Hz. L'ASUS ROG Swift PG248Q sacrifica un pizzico di qualità e punta tutto sulla fluidità combinando pannello TN, G-Sync, 1 millisecondo di tempo di risposta, tecnologia NVIDIA Lightboost e Ultra Low Motion Blur. Purtroppo tutto questo costa più di 400 euro che sono parecchi per un monitor 1080p e non sono necessari per arrivare a refresh elevati. Sacrificando G-Sync e FreeSync ci imbattiamo infatti nell'ASUS V248QE da 144Hz, che costa circa 260 euro e supporta anche la tecnologia NVIDIA LightBoost ma solo a 120Hz. Per superare questo limite è necessario guardare al grande classico BenQ XL2411Z, mediamente più caro di una decina di euro ma preferibile grazie alla tecnologia BenQ Blur Reduction che funziona anche a 144Hz.

Nel nuovo Assembla che ti Passa parliamo di un importante passo in avanti per la realtà virtuale

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

Con l'abbassamento dei requisiti minimi dell'Oculus Rift, si abbassano anche i prezzi dei sistemi capaci di supportare la realtà virtuale. Anche la GTX 1050 Ti, capace di tenere testa alla GTX 960 nonostante la capacità di calcolo inferiore, dovrebbe permetterci di sfruttare adeguatamente i visori, ma la Radeon RX 470 da 4GB offre maggiori garanzie e vanta un ottimo rapporto tra prezzo e prestazioni, pur costando qualcosa in più della scheda NVIDIA.

Per quanto riguarda la memoria, 8GB sono sufficienti ma lasciamo spazio per raddoppiarli viste le potenzialità di un sistema che per quanto economico si avvicina alla fascia media, anche per quanto riguarda la CPU. I requisiti minimi del Rift partono dall'Intel Core i3-6100 e dall'AMD FX 4350, ma sappiamo bene che in questi casi le stime possono essere generose e non è il caso di correre rischi visto il costo di un visore tridimensionale. Per questo saliamo fino al Core i5-6400 che comporta un ulteriore rincaro ma offre più garanzie e maggiore longevità.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 180.00
Intel Core i5-6400 2.7-3.3 GHZ
SCHEDA MADRE € 55.00
MSI H110M PRO-VD
SCHEDA VIDEO € 190.00
Sapphire Radeon RX 470 4G D5 OC
RAM € 40.00
Crucial 8GB (1 x 8GB) DDR4-2133 Memory
ALIMENTATORE € 45.00
XFX ProSeries 450W 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 35.00
Zalman T1 PLUS Mini Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 605.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Dopo il passo in avanti nella configurazione budget, torniamo a risparmiare qualcosa nella fascia media ritornando alla RX 480 che comunque offre garanzie in abbondanza in 1080p. Dishonored 2, tanto per fare un esempio, sfiora i 50 frame al secondo in qualità ultra, e non è poco considerando che parliamo di un titolo piuttosto pesante.

Per quanto riguarda la marca anche in questo caso ci rivolgiamo a Sapphire per una mera questione di prezzo. Grazie alla componentistica Seasonic, gli alimentatori XFX sono davvero difficili da battere in termini di rapporto tra qualità e prezzo. Per questo saliamo di potenza e di efficienza ma non cambiamo marca.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 200.00
Intel Core i5-6500 3.2-3.6GHz
SCHEDA MADRE € 110.00
ASUS H170-PRO
SCHEDA VIDEO € 230.00
Sapphire RX 480 Nitro 4GB
RAM € 90.00
Patriot Signature Line 2x8GB DDR4-2133 CL15 (PSD48G21332)
ALIMENTATORE € 75.00
XFX TS 550W 80+ Gold
HARD DISK € 40.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 50.00
Thermaltake Commander MS-I
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 810.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Anche questa settimana voliamo bassi, puntando a un buon compromesso tra qualità e potenza. La GTX 1070 permette di giocare in 1440p e promette longevità in abbondanza per quanto riguarda il 1080. Con questa risoluzione Doom viaggia, grazie alle API Vulkan, a 160 frame per secondo e questo significa poter sfruttare a pieno monitor da 144Hz e più.

Considerata la GPU, possiamo accontentarci di un Core i7-6600K abbinato a un dissipatore Cooler Master Hyper 212 EVO. I margini di overclock non sono estremi ma sono piuttosto buoni se consideriamo il prezzo. Per quanto riguarda l'alimentatore torniamo all'EVGA Supernova 650W GS che costa qualcosa in più dell'Antec TruePower ma è modulare e lievemente migliore in quanto a qualità delle componenti.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 275.00
Intel Core i5-6600K 3.5-3.9GHz / Cooler Master Hyper 212 EVO
SCHEDA MADRE € 150.00
Asus Z170-PRO GAMING
SCHEDA VIDEO € 400.00
Galax GeForce GTX 1070 EX OC
RAM € 110.00
G.SKill Ripjaws V 2x8GB DDR4-3000 CL 15 (F4-3000C15D-16GVR)
ALIMENTATORE € 120.00
EVGA SuperNOVA G2 650W 80+ Gold
HARD DISK € 140.00
Western Digital Caviar Blue 7200 RPM 1TB / Samsung 850 PRO M.2 256GB
CASE € 100.00
Corsair Carbide Clear 400C Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 1310.00