Hardware PCAssembla che ti Passa #71 

Nuovo Assembla che ti Passa, nuove indiscrezioni sulle GPU del prossimo futuro che dovrebbero includere una Radeon RX di fascia decisamente alta

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

In questi mesi abbiamo visto una AMD capace di recuperare terreno nelle vendite GPU, tornando a lambire il 30% dello share del mercato di fronte a una NVIDIA che è calata dall'81.1% al 70.9%. Il trend positivo è iniziato con il miglioramento del supporto software, un passo necessario che ha consentito alle Radeon della scorsa generazione di incrementare notevolmente il loro appeal, e durante l'ultimo trimestre le cose sembrano essere andate piuttosto bene anche per le RX 470 e RX 480, forti di un ottimo rapporto tra prezzo e prestazione. Va detto, però, che in questa fase l'intero mercato dei PC da gioco è netta risalita e questo include NVIDIA che ha attraversato un trimestre da record tornando a recuperare a sua volta qualcosa rispetto alla concorrente. I dati del gruppo di analisti Jon Peddie evidenziano come AMD abbia tenuto botta nel campo delle GPU discrete, facendo registrare un incremento del 34.7%, ma la percentuale in casa NVIDIA arriva addirittura al 39.8%. Assembla che ti Passa #71 Quest'ultima ha inoltre dominato nel settore notebook crescendo del 38.7% rispetto al trimestre precedente mentre AMD si è invece fermata a un più modesto 23%, accontentandosi di un aumento delle GPU distribuite del 15.38%. Anche tenendo conto del fatto che parliamo di una compagnia che viene da un trend positivo, e questo limita inevitabilmente i margini di crescita, si tratta di un numero ben diverso rispetto al roboante balzo del 39.31% di NVIDIA, che ha indubbiamente arginato l'avanzata della concorrente. La cosa, tra l'altro, non ci sorprende più di tanto, consapevoli che i buoni risultati di AMD nella fascia media non bastano a colmare completamente l'assenza di Radeon Polaris di fascia alta. Le cose, però, dovrebbero cambiare a breve, con l'arrivo della Radeon RX 490 che ha fatto la sua comparsa attraverso una serie di indiscrezioni. Secondo quanto leggiamo sulle pagine di WCCFTech, la nuova Radeon sarà capace di misurarsi con il 4K e con la realtà virtuale senza compromessi, andando a insidiare direttamente la fascia alta della serie Pascal di NVIDIA. Secondo i rumor la scheda potrebbe impacchettare due GPU Polaris 10 che come abbiamo visto sono in grado di confrontarsi con la GTX 1080 anche se una dual GPU di questo tipo avrebbe senza dubbio uno svantaggio dal punto di vista dei consumi. In ogni caso sono parecchi quelli che confidano nell'arrivo di una soluzione dual GPU anche se AMD ha affermato che non avremmo dovuto aspettarci una scheda Polaris più veloce della Radeon Rx 480. Pare però che la RX 490 sia prevista per dicembre e secondo quanto sappiamo Vega non dovrebbe arrivare prima del 2017. Qualcuno inoltre ha fatto notare come la menzione del pieno supporto per il VR possa essere un ulteriore indizio di una scheda composta da due chip grafici, ognuno dei quali sarebbe dedicato a una lente del visore 3D. I nuovi rumor, insomma, vanno a rimarcare le indiscrezioni di inizio luglio e proprio per questo acquistano una discreta credibilità. Speriamo però che non si rivelino accurate le previsioni sul prezzo che parlano di una cifra vicina a quella della GeForce GTX 1080 e quindi di una somma più che doppia rispetto a quella di due Radeon RX 480. Meglio aspettare, comunque, per parlare di prezzi, visto il probabile arrivo di informazioni più dettagliate durante l'ormai prossimo dicembre. Tra l'altro l'ormai tiepido mese delle festività natalizie porterà un dono ai possessori di Oculus Rift e Xbox One che potranno finalmente lavorare in tandem. Assembla che ti Passa #71 Purtroppo non parliamo di pieno supporto VR, anche se possiamo supporre che si tratti di un passo verso questa direzione vista la vicinanza tra le due compagnie, ma della possibilità di sfruttare il visore per giocare a titoli come Gears of War 4, Forza Horizon 3 e Halo 5: Guardians utilizzando un massiccio schermo virtuale. L'applicazione arriverà sull'Oculus Store, in via del tutto gratuita, in data 12 dicembre e consentirà di giocare immersi in tre ambienti simulati chiamati Citadel, Retreat e Dome, lanciando al contempo la corsa di Microsoft verso la realtà virtuale che dovrebbe portarci titoli dedicati e svariati visori compatibili con PC, console e altri dispositivi. Ovviamente i nuovi visori di punta avranno specifiche più elevate e richiederanno quindi maggiore potenza hardware mentre Oculus ha fatto di tutto per abbassare al minimo i requisiti hardware del Rift, in modo da adattarsi alle necessità economiche del maggior numero di giocatori. Per raggiungere questo obiettivo, Oculus ha sfruttato sia l'ottimizzazione delle nuove GPU, sia tecnologie proprietarie come l'Asynchronous Spacewarp che, potenziando le possibilità dell'Asynchronous Timewarp, genera un frame extra senza pesare sull'hardware, sfruttando le informazioni ottenute dai due frame precedenti. Così facendo il refresh rate necessario per mitigare motion sickness e altri problemi del genere si abbassa da 90Hz a 45Hz, portando a una diminuzione sensibile dei requisiti hardware. Già annunciati a inizio ottobre, i nuovi requisiti minimi dell'Oculus Rift prevendono un Intel Core i3-6100 oppure un AMD FX-4350 in combinazione con una GeForce GTX 960. Questo significa che, volendo puntare alla nuova generazione di GPU, una GTX 1050 Ti è sufficiente e consente di mettere piede nella realtà virtuale con una spesa decisamente bassa anche se il rapporto tra qualità e prezzo della scheda non è dei migliori. Per quanto riguarda Polaris, invece, l'opzione minima resta la RX 470 visto che la RX 460 riesce a superare la GTX 960 solo con il nuovo Hitman, un titolo ottimizzato fino all'osso per le schede AMD.

Il protagonista del Nuovo Assembla che ti Passa parliamo è senza dubbio lo scontro tra NVIDIA e AMD

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

Sfruttiamo l'abbassamento dei requisiti dell'Oculus Rift per proporre una configurazione economica ma capace di misurarsi con la realtà virtuale. Con questo obiettivo abbiamo finalmente l'occasione di scegliere la GTX 1050 Ti e nel farlo puntiamo alla versione mini di Zotac che, attualmente reperibile a poco più di 150 euro, vanta un rapporto tra qualità e prezzo migliore rispetto a quello delle altre versioni della scheda.

Pur rientrando nei requisiti dell'Oculus Rift, una configurazione di questo tipo comporta qualche inevitabile compromesso, con i titoli più pesanti, puntando ai 60 frame al secondo in 1080p, ma il comportamento complessivo della scheda è più che buono considerando che riesce a spingere The Division a oltre 35 frame al secondo in qualità Ultra, si aggira attorno ai 50 frame al secondo con Battlefront, supera i 70 frame al secondo con Doom e si comporta più che bene anche con Rise of the Tomb Raider nonostante qualche calo di fluidità evidente.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 110.00
Intel Core i3-6100 3.7 GHZ
SCHEDA MADRE € 55.00
MSI H110M PRO-VD
SCHEDA VIDEO € 155.00
ZOTAC GeForce GTX 1050 Ti 4GB Mini
RAM € 40.00
Crucial 8GB (1 x 8GB) DDR4-2133 Memory
ALIMENTATORE € 45.00
XFX ProSeries 450W PSU 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 3.5" 7200RPM 1TB
CASE € 35.00
Zalman T1 PLUS Mini Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 500.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Reduci da una configurazione mini-itx non troppo economica, tiriamo a risparmiare anche nella fascia media puntando alla Radeon RX 470 che rappresenta l'opzione più conveniente per il 1080p senza compromessi, o quasi. Visto il tenore tutto sommato modesto di questa build rinunciamo al disco fisso ibrido e torniamo a un classico hard disk da un terabyte.

Liberi dalle necessità del form factor compatto, cambiamo scheda madre e torniamo a un case robusto ed economico, impreziosito da un'ampia finestra laterale pensata per mettere a nudo il nostro hardware. Al centro di questo, per una questione di risparmio complessivo, torniamo a piazzare un Core I5-6400 che ci consente di limare qualche altro euro dal conto complessivo.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 185.00
Intel Core i5-6400 2.7-3.3GHz
SCHEDA MADRE € 110.00
ASUS H170-PRO
SCHEDA VIDEO € 190.00
Sapphire RX 470 Nitro 4GB
RAM € 90.00
Patriot Signature Line 2x8GB DDR4-2133 CL15 (PSD48G21332)
ALIMENTATORE € 60.00
Seasonic S12II 520W 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 3.5" 7200RPM 1TB
CASE € 55.00
Corsair Carbide 100R Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 750.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Il probabile arrivo a breve termine della Radeon RX 490 ci porta a sconsigliare l'acquisto di una GPU costosa in questo frangente, visto che i prezzi potrebbero variare nel prossimo futuro anche se non ci aspettiamo stravolgimenti. Dovendo scegliere, comunque, la GeForce GTX 1080 rimane l'opzione obbligata puntando al massimo con una singola scheda, escludendo ovviamente la Titan X a causa del rapporto insensato tra prezzo e prestazioni.

La versione più economica della GTX 1080 è ancora la Galax EX OC che si accontenta di un overclock di fabbrica piuttosto ridotto ma vanta un rapporto tra prezzo, qualità e prestazioni invidiabile. Visto che anche in questo caso puntiamo a ridurre la spesa, andiamo a scegliere un case senza fronzoli, identico al precedente con l'esclusione dell'insonorizzazione. All'interno ci piazziamo un Core i5-6600K, meno potente dell'i7-6700K ma più che sufficiente per sostenere la GTX 1080, combinato con un dissipatore Cryorig H7 che vanta un ottimo rapporto tra prestazioni e prezzo.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 300.00
Intel Core i5-6600K 3.5-3.9GHz + CRYORIG H7
SCHEDA MADRE € 150.00
Asus Z170-PRO GAMING
SCHEDA VIDEO € 575.00
Galax GeForce GTX 1080 EX OC
RAM € 110.00
G.SKill Ripjaws V 2x8GB DDR4-3000 CL 15 (F4-3000C15D-16GVR)
ALIMENTATORE € 120.00
EVGA SuperNOVA G2 650W 80+ Gold
HARD DISK € 140.00
Western Digital Caviar Blue 7200 RPM 1TB / Samsung 850 EVO M.2 256GB
CASE € 70.00
Corsair Carbide 100R Silent Edition Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
Samsung SH-S223Q
TOTALE: € 1480.00