Assembla che ti Passa #117  35

Celebriamo un finale di settimana importante con gli annunci ufficiali della GTX 1070 Ti e dei potenti processori Ryzen Mobile

RUBRICA di Mattia Armani —  3 settimane fa

Assembla che ti Passa è una rubrica settimanale che raccoglie le principali novità legate all'hardware da gioco PC e propone tre configurazioni, divise per fasce di prezzo, pensate per chi desidera assemblare o aggiornare la propria macchina. Come al solito i suggerimenti e le correzioni sono ben accette a patto che i toni siano adeguati. Un ulteriore consiglio è quello di leggere i paragrafi che presentano le configurazioni prima di dare battaglia nei commenti.

Come ipotizzato nell'Assembla che ti Passa della scorsa settimana, l'indiscrezione sul possibile blocco delle frequenze della GeForce GTX 1070 Ti si è rivelata infondata, come l'ipotesi che non esistesse una versione Founder invece in preordine a 469 euro, al contrario delle altre specifiche, tutte confermate ufficialmente in vista del debutto fissato per il due novembre. Debutto che aspettiamo con parecchia curiosità, al pari di quello dei primi ultrasottili basati su APU Ryzen che promettono di dare anche un pizzico di spazio al lato gaming. AMD ha infatti presentato Ryzen Mobile, la nuova famiglia di APU un tempo conosciuta come Raven Ridge che punta alla vetta del panorama dei portatili ultrasottili e convertibili. Non a caso mette in campo CPU da quattro core e otto thread, sotto le quali ci sono gli stessi core Zen utilizzati per i processori desktop. Certo, il consumo di 15 watt ne riduce le possibilità, ma parliamo comunque di un arsenale non da poco per un prodotto di questo tipo che incorpora anche GPU Vega. Nello specifico quella montata sul Ryzen 7 2700U, protagonista della presentazione online di Ryzen Mobile, è il chip Vega 10, mentre il Ryzen 5 2500U, sostanzialmente identico al fratello maggiore ad esclusione delle frequenze, è equipaggiato con il modello Vega 8. Il primo, dunque, parte da 2.2GHz per arrivare a 3.8GHz e può contare su 10 compute unit, mentre il secondo parte da 2.0GHz per arrivare a un massimo di 3.6GHz e si accontenta di compute unit. Per il resto le specifiche non cambiano a partire dal consumo configurabile a seconda delle esigenze dei costruttori per arrivare alle tecnologie SenseMI dei processori Ryzen che tornano in campo con qualche miglioria. Il Precision Boost passa infatti alla versione due che riesce a cambiare le frequenze in base al numero specifico di thread attivi da uno a otto, svincolati quindi dai core che costringevano a saltare di due thread in due thread. Questo, oltre a permettere frequenze più elevate con un solo thread attivo, permette ai chip Ryzen Mobile di mantenere le frequenze più elevate più a lungo. Cresce, inoltre, il margine dell'XFR che nella versione mobile può superare le frequenze base di un margine maggiore in prezenza di sistemi di raffreddamento certificati come Ultimate XFR Performance. Il tutto, ovviamente, in modo completamente automatico, con i sensori che rilevando con maggiore precisione e reattività consentono di aumentare ulteriormente l'efficienza di 5.86 volte rispetto alle APU Kaveri del 2014. Considerando che Bristol Ridge era più efficiente della vecchia famiglia di chip di 3.97 volte, rispetto a quest'ultima parliamo di una riduzione dei consumi del 58% di fronte a un salto prestazionale che, secondo le dichiarazioni ufficiali, può arrivare fino a 3 volte per quanto riguarda la CPU e fino a 2.3 volte per quanto riguarda la GPU.

Assembla che ti Passa #117
GTX 1070 Ti Founders Edition

Per il Ryzen 7 2700U parliamo, nello specifico, di 715 punti nel test multi-core di Cinebench R15 che sono sufficienti a superare i 662 di una CPU desktop da 95W come il Core i5-7600K e rappresentano un ottimo biglietto da visita per Ryzen Mobile. Certo, l'IPC è inferiore e i dati sono da verificare, ma parliamo di numeri importanti sull'onda dei quali AMD ha dichiarato a petto gonfio di avere tra le mani processore più potente in assoluto, almeno per quanto riguarda il calcolo multi-thread, tra quelli destinati agli ultraportatili. E i numeri fioccano anche per quanto riguarda la GPU che, sempre secondo quanto dichiarato da AMD, arriva a 915 punti nel test 3D Mark SPY, bruciando le GPU integrate del Core i7-8550U, Core i7-7500U e AMD FX 9800P che si fermano rispettivamente a 350, 377 e 400 punti. I chip Vega, tra l'altro, garantiscono tutta la dotazione multimediale immaginabile ai nuovi dispositivi basati su Ryzen Mobile. Parliamo di HDR, di tecnologia FreeSync 2 e di supporto per le codifiche MPEG2 e VC1 in FHD a 60 fps seguiti dagli ovvi VP9 a 8bpc, VP9 a 10bpc, H.264, HEVC 10bpc e JPEG 8bpc che possono arrivare a 240fps in 1080p e a 60 in 4K. Il giusto contorno, insomma, per la capitalizzazione della ricerca AMD che deve ancora sottostare al dominio di Intel in quanto a frequenze e istruzioni per clock, ma ha messo in campo CPU dal grande potenziale e completamente configurabili, capaci di adattarsi tanto alle soluzioni mobile quanto ai server garantendo prezzi eccellenti. Con Ryzen Mobile tutto questo si riversa nel mondo degli ultraportatili che presto accoglierà le soluzioni Acer, HP e Lenovo. Disponibili tra qualche settimana, i primi modelli costeranno dai 799 agli 899 dollari che non sono pochi, ma non sono nemmeno molti considerando che parliamo di un hardware decisamente potente, non sufficiente per farci parlare di macchine da gioco ma comunque capaci di spingere a 43 frame di media Quake Champions in 1280x720 con qualità grafica elevata. Invece CS:GO, in qualità media, di frame per secondo ne tocca 49 in 1080p mentre League of Legends, con le stesse impostazioni grafiche, sfiora i 60fps contro i 49 di Dota 2 che però deve accontentarsi impostazioni grafiche inferiori. Overwatch, infine, riesce a toccare i 66fps, ma in questo caso torniamo al 1280x720p mentre la scala di rendering è ridotta fino al 79%, riducendo ulteriormente la qualità visiva. Prestazioni del genere sono una bazzecola per la maggior parte dei portatili odierni, ma non lo sono parlando di ultraportatili che tra l'altro possono essere equipaggiati con pannelli FreeSync 2, a discrezione ovviamente del costruttore.

Assembla che ti Passa #117
Ryzen Mobile

Configurazione Budget

La configurazione budget è quella orientata al risparmio ma non è necessariamente detto che non ci sia spazio per l'upgrade laddove si presentino prospettive interessanti. Le proposte di questa fascia includono soluzioni pensate per i giochi a basso profilo tecnico e build orientate al 1080p.

Il Core i5-8100 è un po' più veloce del Ryzen 1200, ma quest'ultimo costa meno e può sfruttare l'overclock per recuperare terreno. Inoltre la mancanza di alternative alle schede madri Z370 mette fuori gioco il processore Intel, rendendo molto più conveniente l'opzione AMD. Opzione che torna in campo rimpiazzando il Pentium G4600 che la scorsa settimana si è fatto notare grazie al rapporto tra qualità e prezzo.

Una volta fatto il giro di tutte le opzioni fascia bassa, torniamo alla GeForce GTX 1050 Ti che nelle versioni reperibili a circa 150 euro mette in campo un ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Parliamo infatti di una scheda che vanta consumi eccellenti e consente di giocare in 1080p senza troppi compromessi anche a titoli piuttosto pesanti dal punto di vista tecnologico.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 105.00
Ryzen 3 1200 3.1-3.4GHz
SCHEDA MADRE € 75.00
Asrock AB350M Pro4
SCHEDA VIDEO € 150.00
Zotac GeForce GTX 1050 Ti 4GB
RAM € 85.00
Kingston HyperX Predator 1x8GB DDR4 3000MHz CL15
ALIMENTATORE € 45.00
Thermaltake TR2 S PSU 450W 80+
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 40.00
BitFenix NOVA Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 15.00
LG GH24NSD1
TOTALE: € 560.00

Configurazione Gaming

Nella fascia gaming di solito si trovano quelle componenti che consentono di affrontare il gioco su PC senza paura e di tenere duro per qualche tempo. La resa dei conti con il frame rate è dietro l'angolo ma, con una buona base, è sempre possibile vendere la GPU vecchia prima che si svaluti troppo in modo da acquistarne una nuova giusto in tempo per affrontare il prossimo kolossal videoludico spacca hardware.

Con il prezzo effettivo del Core i5-8400 ancora sensibilmente più elevato di quello consigliato, restiamo fedeli al Ryzen 5 1600 puntando sul risparmio. D'altronde, pur prendendole dalla CPU Coffee Lake nella maggior parte dei giochi, la CPU AMD può contare sull'overclock e su ben 12 thread che esaltano ulteriormente l'ottimo rapporto tra qualità e prezzo del processore a sei core Ryzen.

Purtroppo il prezzo effettivo della Radeon RX 580 da 8GB continua a essere più elevato di quello consigliato, con la sola versione da 4GB disponibile a prezzi accettabili. Per questo non molliamo la GeForce GTX 1060 da 6GB puntando, questa settimana, sulla versione EVGA che costa qualche euro in più di quella Zotac ma vanta una qualità costruttiva decisamente elevata.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 195.00
AMD Ryzen 5 1600 3.2-3.6GHz
SCHEDA MADRE € 100.00
Gigabyte GA-AB350-Gaming 3
SCHEDA VIDEO € 280.00
EVGA GeForce GTX 1060 6GB
RAM € 150.00
Corsair Vengeance LPX 2x8GB DDR4 3000MHz CL15
ALIMENTATORE € 70.00
Seasonic S12II-520 80+ Bronze
HARD DISK € 45.00
Seagate Barracuda 1TB
CASE € 75.00
NZXT S340 Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 00.00
-
TOTALE: € 915.00

Configurazione Extra

La configurazione spinta ha un senso compiuto solo per chi punta a risoluzioni elevate, consapevole che il lusso spesso non va a braccetto con la razionalità. D'altronde, diciamocelo, a chi non piace avere un bel motore sotto il cofano anche se c'è da rispettare il limite di velocità?

Con la normalizzazione dei prezzi e la disponibilità di nuove schede madri, il Core i7-8700K si impone nettamente nel panorama delle soluzioni mainstream di fascia alta. Certo, risulta sproporzionato con i giochi GPU intensive che lavorano altrettanto bene con processori più economici, ma trovandoci alle prese con una configurazione che non guarda troppo al risparmio, puntando al massimo anche in quanto a GPU, il nostro obiettivo è quello di avere il miglior equilibrio prestazionale in tutti i campi, applicazioni incluse.

Il Core i7-8700K ha il vantaggio di partire da frequenze decisamente elevate per una CPU a sei core e può raggiungere i 4.7GHz con uno solo di questi spinto al massimo. Per questo rappresenta un'opzione decisamente golosa per una configurazione di lusso, anche se questa settimana non è consigliabile acquistarlo. Il prezzo, infatti, è salito al di sopra di quello consigliato ben oltre le aspettative ed è senza dubbio il caso di aspettare qualche giorno perché l'arrivo di nuove scorte contribuisca a normalizzarlo.
COMPONENTE PREZZO
PROCESSORE € 610.00
Intel Core i7-8700K 3.7-4.7GHz / Corsair Hydro H100i
SCHEDA MADRE € 200.00
ASRock Fatal1ty Z370 Gaming K6
SCHEDA VIDEO € 900.00
ASUS ROG Strix GeForce GTX 1080 Ti Gaming
RAM € 170.00
Corsair Vengeance LPX DDR4 3200MHz CL16 Red
ALIMENTATORE € 155.00
EVGA SuperNOVA P2 750W 80+ Platinum
HARD DISK € 250.00
Samsung 850 EVO 500GB M.2 / Western Digital Black 1TB
CASE € 100.00
Corsair Crystal 460X Mid Tower
OPTICAL DISK DRIVE € 00.00
-
TOTALE: € 2385.00