I dungeon di WoW: Cataclysm  27

Un approfondito sguardo ai dungeon dell'espansione, con un occhio anche alle iniziative dei prossimi mesi

Un ulteriore sguardo approfondito agli ambienti, alle atmosfere e più in generale all'offerta di World of Warcraft: Cataclysm.

Il cataclisma provocato dal ritorno di Deathwing ha cambiato radicalmente la conformazione di Azeroth. La città dei non morti Undercity è ora accessibile anche dal cielo e può essere attaccata utilizzando le creature volanti al pari di Stormwind e Ironforge. Un dettaglio importante visto che gli eroi possono finalmente librarsi al di sopra di tutti i territori di World Of Warcraft. Al contempo antiche costruzioni

sono riemerse portando alla luce miti del passato, leggende perdute nei meandri del tempo e armi incredibilmente potenti. Il luogo più interessante sembra essere Uldum, la terra dei Titani che cela le infinite conoscenze delle antiche creature della terra e dove proprio Deathwing ha trovato rifugio per tempo immemore. Ci troviamo di fronte a un ampliamento sostanzioso dell'universo di World of Warcraft, che comprende il revamp delle Deadmines e di Shadowfang Keep, al quale si accompagnano alcuni miglioramenti grafici. Non si tratta di nulla di eclatante, come innovazione tecnica, ma è comunque piacevole osservare i nuovi effetti ambientali, le anemoni di mare animate, le deformazioni dei liquidi e il generale miglioramento degli effetti di luce. Si parla inoltre dell'introduzione di oggetti distruttibili e di un generale aumento di oggetti dinamici all'interno dei dungeon, con lo scopo di incrementare la sensazione di trovarsi in un mondo vivo con cui è possibile interagire. Infine arriva la conferma che sarà introdotto il "cross server looking for groups", che aumenta il numero di utenti disponibili per le istanze consentendo di unirsi a giocatori provenienti da server di gioco differenti.

Cataclysm e i Dungeon

Abyssal Maw
Un'istanza per cinque giocatori che si trova nella Sunken City of Vashjir, terra natia della temibile Lady Vashji e punto di contatto tra Azeroth e il piano dell'acqua. Il dungeon ospita i Naga, attirati dal potere del loro piano elementale ed è ovviamente popolato da elementali e creature acquatiche. Si tratta di un dungeon non lineare che consente di affrontare i boss secondo l'ordine preferito. Al centro un enorme ascensore conduce nelle profondità dove vive Neptulon The Tidehunter.

Halls of origination
L'istanza da cinque giocatori situata nel deserto di Uldum è uno dei luoghi principali del regno dei titani. A quanto pare un'arma di terribile potenza si cela in questo antichissimo dungeon attraversato da misteriosi condotti di energia.

Anche in questo caso l'esperienza sarà non lineare e rappresenterà un tassello importante nella trama di Cataclysm, che vede Orda e Alleanza impegnati a scoprire ed ottenere i segreti dell'arma creata dai titani. A quanto pare il famosissimo esploratore Brann Bronzebeard potrebbe essersi spinto all'interno dei meandri delle Halls of Origination.

Tol'vir
Sarà quest'istanza a cielo aperto, probabilmente simile a Black Morass, a condurci lungo le linee guida di una storia che è appena cominciata eppure è più vecchia di tutto quello che abbiamo conosciuto fin'ora. Le conoscenze delle creature di questa zona sono molto importanti per tutto quello che riguarda la cultura e il potere dei titani.

Blackrock Caverns
Si tratta di una delle basi di Deathwing presidiata in forze dai nani corrotti del Twilight hammer. Ancora un'istanza da cinque giocatori, questa volta lineare, che introduce gli eroi all'interno della storyline di Cataclysm. Cosa cercano gli scagnozzi di Deathwing? E perchè hanno messo a guardia della zona la temibile Bestia che credevano di avere sconfitto molti anni or sono? Nuovi effetti magma. Bolle, lava che cola.

Blackwing Descent
Accanto al trono di Nefarian si è aperta una via che conduce alla nuova ala delle Blackrock Mountains. Finalmente un'istanza raid, nelle due modalità 10-25 giocatori,all'interno della quale gli avventurieri devono affrontare un cammino circolare che consente di affrontare ancora una volta Nefarian. Lo scopo di Blizzard è quello di rinverdire e aggiornare una delle zone più familiari ai giocatori di vecchia data. A quanto pare sarà possibile raggiungere direttamente il vecchio trono di Nefarian, che si trovava su una terrazza, utilizzando le cavalcature volanti e senza passare dal vecchio raid dungeon.

Skywall
Raid dungeon del piano elementale dell'aria. Le informazioni a riguardo sono pressochè nulle anche se è possibile presumere che abbia qualcosa a che fare con i draghi e che possa offrire un'esperienza diversa rispetto alle altre istanze.

The Firelands
Raid 10-25 che vede tornare sulla cresta Ragnaros, il primo vero boss per tutti i giocatori veterani di World of Warcraft. La sua casa è una gigantesca torre che si staglia nel piano del fuoco dovei suoi poteri sono esponenzialmente magnificati. Si tratta di un dungeon aperto dove i boss passeggiano allegramente e che richiederà una discreta dose di strategia per essere completato. Il design si ispira proprio ad una delle zone di Molten Core che da risalto alla capacità dei giocatori di attirare i nemici (pulling) in zone favorevoli al combattimento.

Grim Batol
L'enorme fortezza situata nelle Wetlands acquista finalmente un senso diventando il quarto e ultimo raid dungeon di Cataclysm. L'antico bastione perduto dal clan Wildhammer potrebbe nascondere Deathwing, il quale, dopo la sortita dalle profondità della terra, è atterrato malamente proprio nei pressi di quest'area. Poche sono le informazioni a riguardo anche se si vocifera che l'incontro finale sia piuttosto atipico e in grado di sorprendere i giocatori di WoW.

Patch 3.3

Icecrown Citadel
Finalmente il raid che tutti aspettavano e che offirà la possibilità di dar battaglia al Lich King e al suo terribile compagno alato, Sindragosa. Si tratta dell'esperienza conclusiva della storia di Arthas, il cavaliere che tradì gli uomini e uccise il proprio padre, che vedrà comparire nuovamente anche l'eroina Jaina

Proudmore e la dark lady Sylvanas Windrunner. L'introduzione più interessante di questo dungeon consiste nella possibilità di combattere a distanza con l'orda durante un tragitto compiuto su un'aeronave. Durante il combattimento alcune creature tenteranno di sabotare il velivolo rendendo l'esperienza ancor più movimentata. Come se non bastasse lo scontro finale sembra essere piuttosto difficile con i giocatori costretti ad affrontare un Arthas in gran spolvero mentre un pavimento troppo fragile sotto ai piedi minaccia di sbriciolarsi. Per fortuna torneranno i waypoints, comode scorciatoie per evitare estenuanti corse lungo tratti già percorsi dell'istanza.

Icecrown Dungeons
Un'istanza per 5 giocatori che potranno vivere uno dei capitoli più epici della guerra di Northrend. Il dungeon è diviso in tre ali, due delle quali possono essere sbloccate attraverso una quest epica. All'interno dell'area troveremo eroi dell'orda e dell'alleanza che combatteranno al nostro fianco calandoci a pie pari nell'atmosfera della battaglia.

Il quinto anniversario

A novembre, per il quinquennale di WoW, ci aspettano due sorprese. La prima è il ritorno di Onyxia. Il leggendario drago che ha ingannato la popolazione di Stormwind e abbrustolito milioni di giocatori con il suo "profondo respiro". La seconda è il festeggiamento di WoW che avrà luogo anche in Italia in occasione di Lucca Comics, una delle manifestazioni legate all'entertainment più importanti del nostro paese.
L'Onyxia Fifth Anniversary sarà un regalo per i vecchi giocatori e

un'occasione per quelli nuovi. La possibilità di sperimentare il deep breath di Onyxia non è infatti un fattore da sottovalutare, soprattutto considerando che l'enorme drago ci ha regalato uno dei combattimenti più divertenti di World Of Warcraft. Tornano dunque i cuccioli di Onyxia, le orde di whelpling che costringevano i giovani maghi a sfruttare al meglio i propri incantesimi, ma a quanto pare le meccaniche dello scontro sono molto differenti da quelle originali. Interessante il bottino costituito da oggetti particolarmente potenti ma soprattutto da un piccolo pet in grado di sbuffare fuoco e fiamme e dalla nuova cavalcatura volante costituita da uno dei figli del potente drago.