Tempo di guerre online  16

Dopo Demigod, un altro titolo prende spunto da Defense of the Ancients, mod per Warcraft III, per cercare di rinnovare il mondo degli strategici online.

League of Legends: Clash of Fates è ispirato nemmeno troppo velatamente a Defense of the Ancients, un mod molto popolare per Warcraft III che ha già ispirato altri titoli commerciali come Demigod o Heroes of Newerth (ancora in fase di beta testing, come League of Legends del resto).

Il concept di gioco è di una semplicità estrema: nei panni di un potentissimo campione il giocatore deve guidare le sue truppe alla conquista degli edifici dell'avversario. La particolarità sta nel fatto che l'esercito è guidato dall'intelligenza artificiale, così come le infrastrutture difensive (ad esempio le classiche torrette), mentre all'intelligenza umana è affidato il ruolo di gestire e far crescere il leader. È da questo punto di vista che bisogna sbizzarrirsi. Gli sviluppatori di League of Legends hanno infatti creato una ventina di personaggi selezionabili (e probabilmente ne verranno aggiunti altri in caso di successo) dotandoli di una quantità spropositata di abilità diverse in modo da garantire una grandissima varietà nelle scelte fattibili in fase di sviluppo. È proprio dalla varietà delle abilità che deriva la ricchezza strategica del titolo.
All'inizio gli scontri sono piuttosto lineari, quasi monotoni, perché si dispone di pochi poteri dagli effetti limitati e le truppe base sono molto deboli. Con il crescere dell'eroe diventano disponibili poteri incredibilmente più potenti, spesso in grado di spazzare via nemici che prima erano capaci di impegnarci per qualche secondo. Gli effetti disponibili sono così tanti che ci è impossibile elencarli tutti. Sappiate che si va da poteri passivi che influenzano l'attacco e la difesa dell'eroe e delle truppe, ad attacchi magici che fanno danni spropositati.

La versione 1.0 della nostra recensione di League of Legends

Splendore online

Provato in modalità giocatore singolo, League of Legends non riesce ad esprimere tutte le sue potenzialità: i bot sono stupidi e non offrono una grossa sfida, anche perché sono decisamente prevedibili e ci vuole poco a capire come affrontarli. Ovviamente per spremere il meglio dal gioco occorre andare online ed entrare in una partita.

Magicamente vi troverete a non percepire più lo scorrere del tempo e in breve sarete completamente assorbiti dal come far crescere al meglio il vostro eroe. League of Legends è uno di quei titoli che cancellano il mondo circostante. Dopo molte ore passate online abbiamo visto moltissime strategie differenti, più o meno efficaci a seconda degli eroi in campo, ma mai si sono ripetute identiche a una partita precedente. Le possibilità di intreccio tra gli eroi che vanno a comporre una fazione sono innumerevoli e, grazie alle già citate abilità, può capitare che due eroi simili diano vita a situazioni completamente diverse. Peccato soltanto che le mappe disponibili non siano moltissime, nonostante ne siano state promesse di nuove con i futuri aggiornamenti.
Il lavoro tecnico non è di primaria grandezza, come prevedibile, però tanto le unità quanto gli eroi sono dotati di uno stile fumettoso piuttosto ispirato che resta piacevole anche dopo molte ore passate a osservarlo. Bene anche l'interfaccia che è intuitiva al punto giusto, supportando a dovere l'azione frenetica e l'esponenziale comparsa di nuove possibilità all'interno di ogni singolo scontro.

Abbiamo avuto modo di mettere le mani anche sulla versione a pagamento, disponibile a circa trenta euro nei negozi nostrani così come, in digital delivery, via Steam. Oltre al client, lo stesso disponibile gratuitamente online, sono disponibili 20 nuovi "Campioni" da impersonare - alcuni anche piuttosto interessanti - oltre a delle rune speciali, una skin esclusiva e 10 dollari da spendere all'interno del negozio virtuale del gioco, dove comprare altri oggetti o potenziamenti altrimenti inaccessibili. I contenuti non mancano quindi, risultando però accessori alla fuibilità di un'esperienza che resta sostanzialmente immutata. Una spesa valida solo per gli ultra appassionati, tutti gli altri dovrebbero semplicemente raggiungere questo indirizzo e mettersi a giocare.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova
  • Processore: Intel Core 2 Quad Q6600
  • RAM: 4 GB
  • Scheda video: GeForce 250 GTS
  • Sistema operativo: Windows Vista
Requisiti minimi
  • Sistema operativo: Windows XP/Vista/7
  • Processore: Pentium 4 da 2,0 GHz/AMD Athlon 2000+ o superiore
  • RAM: 512 MB
  • Scheda video: qualsiasi compatibile con le DirectX 9.c
  • Spazio su disco: 750MB
  • DirectX: 9.0c
Requisiti consigliati
  • Processore: 3,0 GHz
  • RAM: 1 GB
  • Scheda video: GeForce 8800 o equivalente
Multiplayer.it

9.0

Lettori (460)

8.0

Il tuo voto

League of Legends: Clash of Fates è un titolo molto interessante per diversi motivi. Intanto non costa nulla. In realtà ne esiste una versione a pagamento, ma aggiunge poco rispetto alla versione gratuita, se non qualche contenuto extra. Inoltre ha un gameplay rifinito ed equilibrato, caratteristiche vere sin dal lancio e molto rare nei giochi online. Gli unici difetti potrebbero essere la mancanza di una modalità single player degna di questo nome (i bot implementati fanno abbastanza ridere) e una certa carenza di mappe, problema quest'ultimo che probabilmente verrà risolto con gli aggiornamenti. Insomma, un gioco online gratuito, profondo e divertente, cosa volete di più?

PRO

  • La versione gratuita consente di giocare senza limitazioni
  • Molti personaggi selezionabili con molte abilità da sviluppare
  • Gameplay molto profondo, soprattutto ai livelli più alti

CONTRO

  • Qualche mappa in più non avrebbe guastato
  • Il single player è praticamente inesistente
  • Paradossalmente secondo noi la versione a pagamento dovrebbe dare qualcosa in più