4.0

Redazione

7.8

Lettori (311)


  • 403
  • 31
  • 112
  • 0

Final Fantasy XIVSi torna online 40

Attualmente in beta, Final Fantasy XIV era giocabile all'interno dello stand di Square-Enix all'E3 2010

Versione testata: PC

Provare un gioco di ruolo di massa online in uno dei padiglioni di una fiera come l'E3, con centinaia di persone ad accalcarsi attorno alle postazioni e un tempo limitatissimo a disposizione, non permette di fare delle rilevazioni particolarmente significative. Ciò detto e dopo una prova di circa quindici minuti, Final Fantasy XIV è riuscito ad apparire assolutamente convincente anche in un così breve lasso di tempo, proponendo un mix di elementi visivi e suggestione relative alla giocabilità che ci hanno lasciato in fervida attesa di poterne avere di più, magari attraverso la beta attualmente in corso d'opera. Avevamo avuto modo di introdurre il seguito spirituale dell'undicesimo capitolo in un paio di occasioni e non approfondiremo quindi in questa sede il concept di base, concentrandoci unicamente sulle suggestioni evocate dai due spezzoni sperimentati.

A perdita d'occhio

Finito il caricamento ci siamo ritrovati a Limsa Lomasa, una città portuale caratterizzata da palazzi di roccia chiara e un'incredibile vista sul via vai di navi, marittime o volanti che siano, in continuo movimento. Camminare per le strade di una delle tre capitali del gioco, con il sole alto nel cielo e un panorama perfettamente in grado di valorizzare lo stacco tra il mare e poi le distese verdi del terreno, è stato particolarmente suggestivo sia per l'ottimo lavoro artistico, coerente a quanto visto in Final Fantasy XI che sembra si voglia richiamare in più parti, che da quello prettamente tecnico, con ottimi effetti di luce e un orizzonte visivo impressionante, soprattutto considerando come ogni punto a cui si arriva con lo sguardo può essere altrettanto raggiunto fisicamente. Si torna online In tal senso gli unici problemi di quella che è sembrata essere una versione già piuttosto avanzata, sono stati quelli relativi al framerate, non elevato e soggetto a rallentamenti, soprattutto - ma in modo comprensibile - quando ai tre schermi messi uno accanto all'altro utilizzati per la prova veniva aggiunto l'uso della tecnologia 3D stereoscopica, un salto ulteriore per l'immedesimazione ma un peso dal punto di vista delle risorse nonché uno sforzo per la vista. Sempre sotto il fronte artistico si può anche far ricadere la rapida panoramica avuta sull'editor del personaggio, una carrellata di opzioni che hanno evidenziato un buon monte di possibilità per personalizzare il proprio alter ego, tanto nella corporatura quanto nei dettagli del viso.

Granchi giganti

Tanto per non farsi mancare nulla, abbiamo avuto modo di sperimentare qualche istante di azione pura, trasportati all'interno di una rete di caverne in compagnia di altri due avventurieri e con l'obiettivo di uccidere un paio di granchi giganti. La navigazione funziona a dovere e l'interfaccia grafica in sé per sé è ben costruita; purtroppo alcune interazioni sono ancora macchinose e ad esempio, per aprire un forziere, è necessario selezionarlo e quindi dare la conferma manuale sul fatto che lo si voglia schiudere. Si torna online Similmente quando si attacca, nel nostro caso nei panni di un mago, bisogna scegliere il nemico, premere un tasto per confermare la volontà di volerlo attaccare e quindi decidere l'abilità da usare: nulla di drammatico o di non utilizzato anche da molti altri giochi di massa recenti, sia ben chiaro, però chi scrive spera vengano snellite queste operazioni, così da renderle più rapide e coerenti con il frenetico sistema di utilizzo della stamina, consumato ad ogni azione ma in costante ricarica. In tutto questo si inserirà la gestione del personaggio, qui non analizzata, che abbandonerà l'uso dei livelli classici a favore di una crescita delle singole abilità, e dei job che verranno sostituiti dall'armory system, interamente legato al tipo di arma utilizzata. Infine i controlli, buoni con il mouse la tastiera, come prevedibile, ma anche attraverso il pad che a questo punto dovrà però essere affiancato da qualche strumento per facilitare l'uso degli strumenti social, come la chat. Attualmente Final Fantasy XIV non dispone di una data d'uscita definitiva ma visto il buon punto raggiunto e sperando non si sollevino grosse problematiche in fase di beta, dovremmo poterci mettere le mani sopra entro la prima metà del 2011.

Certezze

  • Visivamente ottimo
  • Le novità legate alla crescita del personaggio
  • Tantissimi elementi tipici della serie già consolidata

Dubbi

  • Alcune meccaniche ancora un po' macchinose
  • Il sistema di quest e la quantità dei contenuti andranno vagliati con cura