Eccesso di velocità  6

La GamesCom è stata l'occasione per dare un'occhiata approfondita a Nail'd, racing game estremo ad opera del team polacco Techland.

Paragonato spesso a Pure, Nail'd ha approfittato della GamesCom di Colonia per mettere bene in mostra le proprie caratteristiche peculiari: abbiamo dunque partecipato ad una conferenza a porte chiuse organizzata ad hoc per il titolo Techland, nella quale sono stati svelati gran parte degli aspetti che andranno a comporre il prodotto finale, previsto per ottobre di quest'anno su Xbox360, PS3 e PC. Ecco il report dell'evento.

ATV che volano

Tanto per chiarire subito il campo da eventuali dubbi, il producer del gioco ha sottolineato come il realismo non sia di casa in Nail'd, un arcade duro e puro ed orgoglioso di esserlo. Prima però di dare dimostrazione di tutto ciò in pista, ci è stato mostrato quello che viene prima della gara, ovvero la scelta e la personalizzazione di pilota e veicolo: nel primo caso è possibile selezionarne il sesso e il design della tuta, mentre sul fronte dei mezzi (ATV e MTX) era consentito modificare le varie parti utilizzando i pezzi sbloccati in single player, nonché ovviamente cambiare il colore della carrozzeria. E' venuto poi finalmente il momento di vedere il gioco in azione in un tracciato ambientato in Grecia, uno dei quattro setting che saranno disponibili nel prodotto finale. Visivamente, Nail'd si presenta sicuramente bene, vantando scenari di ampio respiro che ospitano 12 veicoli contemporaneamente su schermo, il tutto gestito senza alcun singhiozzo dal performante motore proprietario Krome 4. Venendo al gameplay vero e proprio, è saltata anzitutto all'occhio la fisica abbastanza permissiva -per usare un eufemismo- che regolava l'andamento dell'ATV protagonista della demo: il mezzo atterrava con minimi sobbalzi dopo voli di centinaia di metri, e soprattutto era capace di sterzare in aria, un meccanismo questo però precisamente voluto dagli sviluppatori per dare ulteriore frenesia alle gare. Tutte cose che in un arcade comunque ci possono stare, e che in Nail'd sono coadiuvate da elementi classici del genere, come l'immancabile barra del turbo, che si carica guidando a tavoletta, buttando gli avversari fuori pista, impennando e così via: manca tuttavia un vero e proprio sistema di acrobazie, anche questa una scelta precisa di Techland che ha preferito porre l'accento sulla velocità, effettivamente resa molto bene. Non a caso, il producer -incalzato da una domanda che paragonava Nail'd a Pure- ha voluto sottolineare come, in termini di chilometri all'ora, il proprio titolo farà mangiare la polvere al prodotto Black Rock, affermazione che obiettivamente è difficile non poter sottoscrivere. Conclusa la gara, l'attenzione è stata brevemente spostata sulla modalità Tournament, che si prospetta piuttosto corposa: vi faranno parte infatti 15 eventi (ognuno composto da quattro gare), nei quali si correrà lungo le 14 piste inserite nel pacchetto, apparentemente nel contesto di diverse specialità che però non sono state rivelate. Prima di concludere la presentazione, ci è stato mostrato un altro tracciato -stavolta ambientato in Arizona- che dava bene l'idea del tipo di track design che è lecito aspettarsi nel prodotto finale: oltre ad essere ricca di biforcazioni e strade alternative, la pista poteva contare anche su elementi dinamici dello scenario capaci di influenzare direttamente l'andamento della gara, su tutti un treno che passava indisturbato attraverso varie sezioni del percorso. Comprensivo di una modalità multiplayer online aperta fino ad un massimo di 12 utenti, Nail'd deve ancora dimostrare il suo valore sul lungo periodo, ma sicuramente non gli mancano i numeri per essere un arcade quantomeno spettacolare.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

CERTEZZE

  • Visivamente spettacolare
  • Piuttosto ricco di contenuti

DUBBI

  • Il modello di guida sembra un po' leggero
  • Fisica anche troppo fantasiosa