EA Sports Active 2EA come allenatore 

Torna il personal trainer di EA e questa volta è addirittura compatibile con Kinect

Versione mostrata: Xbox 360

Uno dei titoli training di maggior successo degli ultimi anni per Wii è stato senz'altro Ea Sports Active che, a differenza di quanto faceva WiiSports, approfondiva il concetto di allenamento domestico con la console Nintendo, mettendo a disposizione un vero e proprio sistema di training personalizzato e personalizzabile con schede, ripetizioni e obiettivi da raggiungere. EA come allenatore Questo nuovo capitolo che arriva anche su PlayStation 3 e Xbox 360 ne rappresenta la natura evoluzione con una serie di aggiunte che ne fanno davvero un prodotto sopra le righe, se si pensa al tipo di possibilità offerte. Le tre versioni saranno identiche per quel che riguarda il tipo di esercizi praticabili, mentre diversa sarà la modalità di fruizione, viste le diverse caratteristiche dell'hardware. La novità più importante è l'inclusione di un cardio frequenzimetro da apporre su un braccio e munito di giroscopio su Wii e PlayStation 3, visto che il Move non sarà compatibile, in modo da rilevare i movimenti dell'arto stesso. Ci sarà un giroscopio da apporre su una coscia e un altro sull'altro braccio, sempre su PS3, visto che per Wii basterà impugnare un Wiimote. Su Xbox 360, invece, basterà il cardiofrequenzimetro con Kinect che si occuperà di rilevare i movimenti di tutto il corpo.

Un cardio frequenzimetro

Proprio la versione per X360 e Kinect è stata oggetto della presentazione della personal trainer, poveretta, che ha passato tutti i giorni di fiera a fare piegamenti e flessioni in continuazione per mostrare ai giornalisti il funzionamento di questo nuovo capitolo di EA Sports Interactive 2.0. Ci ha mostrato un allenamento personalizzato (ma, come detto, ci sono programmi standard differenziati per obiettivo desiderato, come la perdita di peso piuttosto che la tonificazione dei gruppi muscolari), comprensivo di un paio di esercizi, uno incentrato su una gara di bike in cui bisognava stare piegati lavorando sugli adduttori durante le discese per poi distendere le gambe, saltando, per supera in elevazione una serie di cunette, nonché correre sul posto per accelerare durante le salite. Il cardio frequenzimetro registrava i battiti del cuore, ovviamente, segnando la fascia cardiaca nella quale si trovava la personal trainer, risultando prezioso per capire se si trovasse, a seconda del ritmo sostenuto, in fase aerobica o anaerobica. Ovvero se il ritmo fosse quello giusto a far sì che l'allenamento fosse effettivamente profiquo. Il secondo esercizio mostrato era invece quello delle estensioni laterali delle braccia per fare esercizio con le spalle, mentre l'istruttrice si piegava in avanti su una delle due gambe. Questi esercizi, per permettere di avere una giusta resistenza, su Wii si svolgono con le fasce elastiche da passare sotto i piedi mentre si tirano le estremità con le braccia. Qui, visto che le mani sono completamente libere, non dovendo il giocatore impugnare un controller di alcun tipo, si possono usare anche dei pesi.

Un manager per amico

La parte più sofisticata del software è quella relativa alla registrazione degli esercizi fatti, i cui dati, comprensivi, tra le altre cose, di calorie bruciate, ripetizioni e risultati ottenuti, vengono uploadati su Internet direttamente dalla console, in modo che siano poi consultabili sul sito dedicato al gioco. I propri dati possono essere confrontati con quelli degli amici della lista Xbox Live, in un ambiente competitivo, o anche semplicemente di confronto, che può senz'altro fornire un ottimo stimolo per perseverare nell'esercizio. EA come allenatore Il software, tra l'altro, nell'impostare il programma di allenamento permette di inserire le informazioni relative ad altre attività che si stiano svolgendo al di fuori da quelle effettuate con EA Sports Active 2.0 e, soprattutto, tiene conto di un eventuale regime alimentare o di dieta che si stia osservando, in modo da calibrare in maniera ancora più precisa la tipologia di allenamento. A prescindere, quindi, dalla piattaforma su cui si deciderà di utilizzare questa nuova incarnazione del personal trainer di EA, i passi avanti sembrano tali da poter rappresentare un vero step evolutivo del genere e, probabilmente, un acquisto da tenere in considerazione per chi volesse tentare la strada dell'allenamento domestico, non avendo il tempo di andare in palestra o a correre fuori di casa.

Certezze

  • Allenarsi con le mani libere
  • Il sistema online
  • Il cardiofrequenzimetro
  • La varietà degli esercizi

Dubbi

  • Speriamo offra stimoli per un allenamento continuo