Ace Combat: Assault HorizonAce Combat rinasce 

Nelle vicinanze delle strutture che ospitano il Tokyo Game Show 2010, per la precisione al settimo piano dell'enorme hotel Manhattan, abbiamo scambiato qualche parola con Kazutoki Kono.

Il termine "rinascita" nei videogame viene spesso utilizzato in maniera impropria: talvolta per definire la natura di una reinterpretazione che alla fine dei conti non si discosta più di tanto dalle idee di partenza del prodotto, talaltra per descrivere semplicemente un sequel dotato di qualche nuovo elemento. Nel caso di Ace Combat: Assault Horizon, che sulla parola "rebirth" praticamente basa tutto il trailer di lancio, la situazione è un po' differente. Ace Combat rinasce Ci troviamo infatti di fronte a un episodio realmente destinato a cambiare il corso della popolare serie creata da Namco Bandai, un nuovo inizio non solo dal punto di vista della trama (che del resto si presenta con tratti indipendenti e autoconclusivi ogni volta) e dello scenario, ma anche e soprattutto dal punto di vista della struttura e del gameplay. La breve chiacchierata che abbiamo fatto con Kazutoki Kono, produttore e direttore del gioco nonché capo del team di sviluppo Project Aces, ha chiarito alcuni importanti questioni che riguardano questo nuovo episodio e che sono senza dubbio destinate a modificare e arricchire in modo sostanziale il tipo di esperienza a cui la serie ci ha abituato. Il trailer si apre subito con una grossa novità, ovvero un inedito grado di interazione con l'ambiente: alcuni aerei si inseguono a bassa quota, un missile non raggiunge il bersaglio e centra invece un grosso palazzo, le cui pareti esplodono e si sbriciolano per la violenza del colpo subito. Ace Combat rinasce In Assault Horizon le conseguenze delle nostre azioni potranno dunque riflettersi sullo scenario? Kono ha risposto di sì, che chiaramente il nostro obiettivo nel gioco non è quello di seminare distruzione all'interno delle città ma che le raffiche di mitra e i missili produrranno una evidente reazione su case e palazzi, che dunque smettono di essere una sorta di cartolina indistruttibile e con la loro interagibilità donano un sapore tutto nuovo all'azione. Ci viene mostrata anche una visuale alternativa, che a detta di Kazutoki Kono contribuirà ad offrire un nuovo genere di feedback durante i combattimenti, assecondata oltretutto da un sistema di controllo modificato per l'occasione. Abbiamo nominato HAWX e la sua modalità OFF per sapere se questa nuova feature riprenda in qualche modo a quanto visto nel titolo Ubisoft, ma in tal senso Kono è stato piuttosto chiaro (dimostrando, oltretutto, di aver ben analizzato il lavoro della concorrenza), dicendoci che il nuovo approccio implementato in Assault Horizon non avrà nulla a che fare con un controllo in terza persona; al contrario, metterà il giocatore ancora più a contatto con l'aereo che comanda. Ace Combat rinasce

Orizzonte perduto

La storia di questo nuovo Ace Combat ruota attorno a un pilota di caccia di nome Bishop, che si trova al centro di un sanguinoso conflitto combattuto su più fronti. Seppure già da qualche anno la serie abbia mostrato un maggiore attenzione per la trama e i personaggi, in questo caso le vicende di Bishop andranno a costituire una modalità in single player davvero intensa e priva di zone morte, perfettamente integrata con una serie di sequenze predeterminate che lasceranno comunque al giocatore una certa capacità di interazione. Ace Combat rinasce Nel trailer si vede il protagonista costretto ad abbandonare l'aereo in quello che a una prima occhiata sembra un quick time event, ma che ci è stato detto essere semplicemente uno dei tanti tasselli che andranno a comporre il gioco nella sua interezza, privo com'è della solita struttura a missioni in cui ci sono briefing e debriefing a cui prestare attenzione. Niente QTE, insomma: chi li odia potrà tirare un sospiro di sollievo. Bishop non sarà comunque l'unico personaggio che controlleremo durante il gioco, visto che in alcuni stage ci troveremo a pilotare un elicottero o a vestire i panni di un mitragliere: anche questa è una grandissima novità per la serie, peraltro tutta da verificare dal punto di vista dei controlli e dello spessore. Abbiamo chiesto se fosse stato già calcolato il numero di ore necessarie per completare lo story mode, ma Kono si è limitato a dirci che il gioco sarà davvero intenso e che non ci deluderà dal punto di vista della durata. E in tal senso non potevamo esimerci dal chiederci qualcosa circa un'eventuale modalità multiplayer: ci ha risposto che sarà inserita, ma che al momento non ci sono ancora dettagli al riguardo. Ace Combat: Assault Horizon uscirà per Xbox 360 e PlayStation 3 l'anno prossimo, e non vediamo l'ora di poterlo vedere all'opera per capire quanto effettivamente le nuove feature riusciranno a trasformare il prodotto solido e avvincente che ben conosciamo.

Certezze

  • Tante novità di grande rilievo
  • Un nuovo sistema di controllo
  • Scenari interattivi...

Dubbi

  • ...ma non è chiaro fino a che punto
  • Veicoli alternativi da verificare

TI POTREBBE INTERESSARE