La Crociata maledetta  50

Da Atlus un action GDR di stampo medievale.

A dispetto di quanto si credeva fino a un paio di decenni fa, pur con tutti i suoi difetti il medioevo è una delle epoche storiche più interessanti sotto ogni punto di vista, sia esso culturale, politico, religioso che artistico. Un periodo lunghissimo per il nostro pianeta che vide nel corso di quei secoli lo sviluppo di forme di governo, la rinascita della vita nelle città e degli interessi commerciali, e fu culla di pensatori come Tommaso d'Aquino, di teologi come Bernardo di Chiaravalle o artisti come Dante Alighieri, giusto per citare qualche personaggio importante.

Altro che periodo oscuro insomma. E visto il successo di libri, film e videogiochi a tema, essa è anche una delle più affascinanti di sempre agli occhi della gente comune. Specie quando a tenere banco in certi casi ci sono delle storie correlate ai cavalieri Templari, l'ordine monastico guerriero nato all'epoca con lo scopo di proteggere i pellegrini cristiani dagli assalti dei predoni e di qualche fanatico anti-cristiano in Terrasanta. Essi da sempre incarnano nell'immaginario collettivo lo spirito fascinoso di un'epoca e dei suoi misteri, anche a "causa" delle leggende che ruotano attorno a loro e che, al pari di quelle tuniche bianche con la croce rossa, di quegli elmi, del loro spirito cavalleresco tutto disciplina e coraggio che per alcuni storici li rendono precursori addirittura dei moderni corpi speciali, a dispetto della mistificazione di qualche pellicola poco credibile storicamente come Le crociate di Ridley Scott li rendono tutt'oggi fra i personaggi ideali di qualsiasi produzione. Anche videoludica. Non c'è da stupirsi quindi se attualmente ci sono due prodotti simili in lavorazione per PlayStation 3, Xbox 360 e PC, e cioè The first Templar del team di sviluppo dei Kalypso, e The Cursed Crusade, che il team Kylotonn sta sviluppando per conto di Atlus.

Poveri Templari

E noi proprio di quest'ultimo vogliamo parlare. The Cursed Crusade è un gioco d'azione in terza persona ambientato nel medioevo, nel periodo della Quarta Crociata, ma il contesto storico in cui si svolgeranno i fatti narrati nell'avventura servirà da sfondo a una trama che di base sarà incentrata di più sulla lotta dell'uomo per la salvezza della propria anima e della sopravvivenza del corpo. Le vicende, infatti, verranno condite con i soliti elementi fantasiosi già visti in altre produzione di genere, probabilmente demoni e altre creature simili. Nello specifico a scatenare la presenza di tali mostri dovrebbe essere una maledizione che affligge i due personaggi protagonisti del gioco, o comunque a essa dovrebbe essere correlata.

Essi saranno il cavaliere templare Denz e il ladro e mercenario Esteban e secondo quanto emerso in questi giorni, agiranno insieme in cooperativa in una avventura suddivisa in cinque capitoli e quaranta missioni sparse per diverse città europee. Tale modalità di gioco potrà essere goduta sia online che offline (in split-screen) da due giocatori in contemporanea, oppure, nel caso della campagna in singolo, il secondo guerriero verrà controllato dalla CPU. Gli ideatori del prodotto hanno sottolineato in una recente intervista come i sopraccitati protagonisti non saranno degli eroi nel vero senso della parola, ma semplicemente degli uomini, con tutti i pregi e i difetti che essi possono manifestare di fronte a situazioni estreme. Soggetti alla tentazione e al dolore, alla furia e al perdono, a momenti di paura e ad altri di coraggio. Questo ha dato di conseguenza adito a qualche speculazione da parte di qualche addetto ai lavori, come quella secondo la quale gli aspetti psicologici di Denz e Esteban potrebbero ripercuotersi sul gameplay. In che modo però, trattandosi, lo ribadiamo, di congetture, non è chiaro. Per il resto la giocabilità dovrebbe essere simile a quella già vista in altri prodotti simili: combattimenti a mani nude o all'arma bianca caratterizzati da colpi, contrattacchi, combo, salti e parate. A cambiare semmai dovrebbe essere lo stile di questi scontri. Grazie a una IA più sofisticata dei nemici, Atlus promette di rendere ogni singolo combattimento, anche il più banale, come qualcosa di unico, di credibile.

Azione con giudizio

E di garantire quindi agli utenti scontri all'ultimo sangue sempre differenti, come nella realtà. Anche affrontando in sequenza nemici dotati di stessi equipaggiamenti, insomma, le battaglie si diversificheranno sempre. Le stesse armi avranno, a dire sempre degli sviluppatori, un ruolo fondamentale e un impatto diverso sul gameplay a seconda dei casi e del numero degli avversari.

Non per niente ne sono state inserite oltre 130. Per esempio affrontare tre guerrieri armati rispettivamente uno di spadone e due di piccole asce implicherà all'interno dello stesso contesto di lotta due diversi approcci: uno tenendo conto del movimento più rapido che i due armati di ascia potranno compiere e della tipologia veloce di attacchi che gli stessi potranno eseguire, l'altro di quello più lento ma letale di colui che ha in mano lo spadone.
Decisiva infine la presenza del secondo personaggio giocabile, che dovrebbe garantire ancora maggiore profondità all'avventura, sia nei già sopraccitati combattimenti, dove sarà possibile eseguire combo di coppia, che in quelle probabili sessioni platform che verranno inserite nel prodotto finito allo scopo di variare stilisticamente la struttura di gioco. A conclusione di questa anteprima diamo un'occhiata al comparto tecnico del prodotto: per il momento ovviamente non è possibile definire con certezza come esso sarà, semmai possiamo solo abbozzare un primo commento basandoci su quel poco fino a ora che è stato mostrato da Atlus. Ebbene, dal video promozionale e dalle fotografie rilasciate dal publisher il gioco sembrerebbe promettere davvero bene. Gli scorci affascinanti, l'ambientazione d'atmosfera e i personaggi ben definiti esteticamente e che sembrano già vantare un buon livello di dettaglio, contribuiscono a dare una bella visione d'insieme e a rendere il tutto abbastanza simile alle migliori produzioni di genere su console next gen. Per l'audio invece preferiamo non esprimerci, anche se pure in questo caso gli sviluppatori promettono una colonna sonora epica a forti tinte, ma non c'erano dubbi, medievaleggiante. Speriamo presto di poter avere informazioni più approfondite e soprattutto, che le potenzialità di questo videogioco non rimangano inespresse.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

CERTEZZE

  • Trama coinvolgente ma senza esagerazioni
  • Scontri realmente variegati
  • Profondità nel gameplay

DUBBI

  • Ripetitività nei combattimenti
  • Storia approssimativa
  • Co-op non sviluppato a dovere