Transformers 3Bayformers, atto terzo 

A Luglio vedremo al cinema Transformers 3: poteva mancare l'adattamento videoludico del nuovo blockbuster estivo?

Michael Bay è un regista che suscita sentimenti contrastanti negli appassionati di cinema ma, lasciando stare la discutibile profondità dei suoi lavori, è impossibile negare quanto siano dannatamente divertenti e fracassoni. La scelta di affidare uno dei franchise più amati di tutto il mondo alle mani di questo regista fu accolta con molta perplessità ma quando il primo film raggiunse le sale cinematografiche nel 2007 i giudizi non furono affatto negativi. E' innegabile che i Transformers siano nel cuore di grandi e bambini: da più di venticinque anni si susseguono serie animate, fumetti e sopratutto giocattoli su giocattoli, sempre più affascinanti, elaborati, in grado di ammaliare ora come allora ogni fascia d'età. Bayformers, atto terzo Il secondo film di Bay, La Vendetta del Caduto, è stato accolto molto più freddamente da un po' tutti quanti e le aspettative nei confronti del terzo sono quantomeno traballanti: minestrone di effetti speciali privo di sostanza o degna conclusione di una trilogia che possa mettere il cuore in pace anche ai fan? Forse i primi indizi li avremo proprio con il tie-in videoludico...

Da Cybertron alla Terra

Per lo sviluppo del tie-in Transformers: Dark of the Moon Activision ha scelto uno sviluppatore che ha già avuto a che fare con i robot della Hasbro: sono stati proprio i ragazzi di High Moon Studios a firmare infatti l'ottimo Transformers: La Battaglia per Cybertron uscito lo scorso anno, un divertentissimo sparatutto in terza persona che ha messo d'accordo sia gli amanti del genere che i fan del franchise, grazie a un ottimo connubio tra gameplay, storia e design originale. Considerata l'ottima reazione di critica e pubblico alla precedente opera di High Moon Studios, è stato praticamente logico affidar loro il compito di trasportare su console le vicende del prossimo film, sfruttando il già consolidato gameplay de La Battaglia per Cybertron come base di partenza. Ma c'è anche un colpo di scena, Transformers: Dark of the Moon non sarà un semplice tie-in, non riprenderà cioè le vicende del film ma racconterà una storia antecedente, farà dunque da prologo alla nuova battaglia tra Autobot e Decepticon, come anello di congiunzione con il prequel La Vendetta del Caduto. Il gioco introdurrà infatti la figura di Shockwave, un Decepticon che i fan di vecchia data conoscono bene e che farà la sua prima comparsa cinematografica proprio con il nuovo film: i particolari sono ancora piuttosto oscuri ma sembrerebbe che, dopo la sconfitta subita in Egitto, Megatron si sia dato alla macchia insieme all'infido Starscream e il comando dei Decepticon su Cybertron sia stato assunto dal machiavellico Shockwave, intenzionato a lanciare un attacco definitivo al pianeta Terra, difeso da un manipolo di eroici Autobot. Bayformers, atto terzo Come si svilupperà la storia lo sapremo soltanto a Luglio, intanto High Moon Studios ci ha fornito un trailer piuttosto evocativo e qualche dettaglio sul sistema di gioco, che non si limiterà soltanto a ricalcare quello de La Battaglia per Cybertron, ma aggiungerà alcuni elementi inediti, primo fra tutti la modalità Stealth Force che consentirà ai Transformers di assumere una terza forma intermedia, sfruttando la potenza e l'arsenale umanoide anche nell'agile forma veicolare. "Non potremmo essere più entusiasti di espandere l'epico universo cinematografico nel gioco Transformers: Dark of the Moon e permettere ai giocatori di vivere gli eventi e i retroscena che si svolgono prima del nuovo film" ha detto Paul Wright, Head of Marketing for Licensed Propertiers di Activision Publishing, "I talentuosi sviluppatori di High Moon Studios sono dei grandissimi fan dei Transformers e non vedono l'ora di svelare alcune nuovi personaggi del film e di introdurre l'inedito sistema di gioco Stealth Force". Insomma, tra giungle sudamericane, complessi militari in Siberia e strade di Detroit, pare proprio che ne vedremo delle belle, e non soltanto al cinema.

Intervista a High Moon Studios

Multiplayer.it: Transformers: La Battaglia per Cybertron è un'idea originale basata sulla serie originale G1 ma che trae ispirazione dai film di Michael Bay e dalla serie animata Transformers Animated. Il nuovo gioco sarà ispirato al film Transformers: Dark of the Moon o alla nuova serie televisiva Transformers Prime?
High Moon Studios: In effetti il nostro nuovo gioco è proprio Transformers: Dark of the Moon - Il Gioco! Piuttosto che creare un'esperienza del tipo "Guarda il Film - Gioca al Gioco" siamo felici di poter sfruttare la nostra passione per i Transformers allo scopo di creare un vero e proprio prologo al nuovo film, presentando alcuni personaggi fondamentali e colmando il vuoto tra il secondo e il terzo film.

M.it: Transformers: La Battaglia per Cybertron si sviluppa quasi interamente sul pianeta Cybertron e lo spazio circostante. La fine del gioco lasciava intendere che avremmo visto nuove ambientazioni. Dato che Transformers Prime e Transformers: Dark of the Moon si svolgono sopratutto sulla Terra, dobbiamo aspettarci che il prossimo gioco sia ambientato proprio sul nostro pianeta?
HMS: In quanto gioco ufficiale del film, la storia si svolgerà interamente sulla Terra. Proprio come nei film, vogliamo sviluppare l'idea dei Transformers ormai stabiliti sul nostro pianeta. Il concetto di questi enormi robot che combattono tra di loro sulla Terra è uno degli elementi chiave del gioco. Vedrete questi personaggi in una gran varietà di ambientazioni terrestri.


M.it: Transformers: La Battaglia per Cybertron praticamente narra da capo le origini di Optimus Prime, dei suoi alleati e dei suoi avversari. Quale sarà la storia del prossimo gioco? Seguirà la trama originale del film o si svolgerà in modo completamente diverso?
HMS: Abbiamo lavorato a braccetto con Aaron Archer, il direttore creativo di Hasbro per la licenza, per creare una storia inedita ambientata proprio prima dell'inizio del nuovo film. In questo modo abbiamo avuto l'occasione di presentare dei personaggi importanti che vedrete nel film Transformers: Dark of the Moon.

M.it: Hasbro ha prodotto alcuni giocattoli basati su Transformers: La Battaglia per Cybertron [nella linea Transformers Generations, ma solo Optimus Prime e Bumblebee sono stati distribuiti in Italia, NdR] che hanno riscosso un grande successo. Sapevate che Hasbro avrebbe prodotto dei giocattoli basati sul vostro design originale dei personaggi? Bayformers, atto terzo Se sì, questo che impatto ha avuto sulla creazione di nuovi robot, veicoli e trasformazioni per il prossimo gioco? HMS: Stiamo cercando di dar vita ai robot e ai veicoli del film proprio nelle mani del giocatore. Possiamo ispirarci ai film per creare un fantastico arsenale, inclusa la nuova forma ibrida chiamata "Stealth Force". Questa modalità da combattimento vi rende letali in forma veicolare proprio come se foste in modalità robot, fondendo la mobilità e la difesa di cui avete bisogno in modalità veicolo con una potenza letale e armi aggiuntive senza che siate completamente trasformati in robot.

M.it: Transformers: La Battaglia per Cybertron propone un'ottima componente multigiocatore con diverse sfide e modalità per tutti i giocatori. Cosa dovremmo aspettarci dalla modalità multigiocatore del nuovo gioco?
HMS: Purtroppo non possiamo ancora parlare di questo aspetto del gioco. Ne riparleremo nei prossimi mesi!


M.it: Pensate che ci sia qualcosa che non siete riusciti a fare con il gioco precedente e che state cercando di fare con questo nuovo progetto?
HMS: Il nostro obiettivo è ricreare proprio quel tipo di azione e frenesia presente nei film di Michael Bay. Stiamo cercando di creare un tipo diverso di esperienza per ogni livello della campagna, creando le missioni sulla base delle abilità e armi peculiari di ogni specifico personaggio del film.

M.it: Transformers: La Battaglia per Cybertron presenta una realizzazione tecnica molto buona anche se alcuni elementi non sono della stessa qualità del resto, perlopiù la risoluzione delle texture. Che aggiornamenti tecnici dobbiamo aspettarci nel prossimo gioco?
HMS: Stiamo facendo del nostro meglio per realizzare la miglior resa grafica possibile. C'è sempre un equilibrio in gioco tra la complessità del mondo e i dettagli che possono essere mostrati. Vogliamo realizzare della ambientazioni ricche e varie e stiamo proprio basandoci su quanto abbiamo imparato con Transformers: La Battaglia per Cybertron. La Terra presenta le sue belle sfide ma c'è già un enorme contrasto tra il freddo metallo dei robot e la natura organica del nostro pianeta.

TI POTREBBE INTERESSARE