PC Magazine #30  30

Alter ego virtuali, una manciata di download e lo Strigo in versione economica!

C'è una relazione tra chi gioca ai MMORPG, chi vi dedica centinaia e centinaia di ore - quando non migliaia - e il suo personaggio? E' visibile? E che storie, quali significati e quanti livelli di complessità si celano dietro modelli poligonali intenti a lanciare magie, svuotare dungeon e raccogliere loot? Sono alcune delle domande che Robbie Cooper, un fotografo americano, si è posto per realizzare un libro uscito oramai nel lontano 2007 ma di cui oggi sono reperibili online parte delle immagini e dei testi.

Li trovate a questo indirizzo, seguendo il percorso Simulations, Alter Ego e Photos (in basso a destra), selezionando poi di volta in volta le fotografie e le relative descrizioni. Restando sull'extra giocato - ma a tema videoludico - invitiamo a osservare questi paper craft che tale Constable ha realizzato per riprodurre le unità di StarCraft II. Sono semplicemente eccezionali e sul blog d'origine - in coreano - si possono vedere alcuni passaggi della loro modellazione e quindi realizzazione. Gli amanti degli approfondimenti dovrebbero invece iniziare ad aprire Gamasutra perché due articoli di recente pubblicazione meritano il molto tempo necessario a portarne a termine la lettura. Il primo è un'analisi comparata dei diversi siti di crowdfounding - come Kickstarter - che rappresentano una delle grandi novità dell'ultimo anno, per quanto ancora molto debbano dimostrare. Il secondo un post mortem dedicato ancora una volta al Potato Sack ARG di Valve, che ne approfondisce l'ideazione e lo sviluppo da parte di alcuni dei dev indie coinvolti. Ci sentiamo, poi, di chiudere la lunga ma doverosa dittatura Valve su queste pagine nelle ultime settimane, invitandovi ad aprire due link: il lunghissimo approfondimento sulla società pubblicato da Develop Online, il Valve Manifesto, e il video della serie Game Center Lecture con protagonista Erik Wolpaw, uno dei papà di Portal 2 che si dilunga in quasi un'ora e mezza di approfondimento e gameplay. Prima di passare ai download, qualora qualcuno fosse sopravvissuto dall'enorme quantità di materiale delle righe precedenti, segnaliamo che Wired Online si è interrogata in un bel pezzo sulle implicazioni legali ma non solo dei progetti fan-made come Streets of Rage Remake, di cui è qualche tempo che parliamo anche in questa sede.
Corposa infine la parentesi mod-aggiunte-curiosità. Intanto oramai dovreste essere stati raggiunti dalla notizia relativa al nuovo rilascio di Darkest Hour, storico mod per Red Orchestra che raggiunge la versione 5.0. Se ancora non foste venuti a conoscenza delle novità, ci sono diverse mappe inedite, veicoli e una quantità di modifiche al bilanciamento che lo dovrebbero rendere ancora più imperdibile. Poi consigliamo di provare, anche solo per curiosità, la demo di Panzer Command: Ostfront: a questo indirizzo trovate il file contenente due scenari per questo strategico ultra hardcore che Matrix Games ha rilasciato da pochissime ore, nuovo capitolo di una fortunata serie in circolazione oramai da un lustro. Qualche tempo fa, invece, avevamo segnalato un texture pack per Minecraft che trasferiva il suggestivo stile visivo di Portal nel capolavoro indie. Oggi possiamo spingerci un passo oltre e linkare una mod che ne riprende anche la giocabilità e le meccaniche, rappresentando un deciso passo in avanti e un'ennesima dimostrazione delle potenzialità del titolo in termini di modding. Chi poi volesse improvvisarsi level designer di un titolo che ha avuto grande successo ma ancora deve ingranare sul fronte custom maps, Super Meat Boy, consigliamo di vedere questi interessantissimi sei videotutorial rilasciati sul blog ufficiale. E chiudiamo con una mappa per Counter Strike: Source piuttosto atipica e realizzata a tempo di record: si chiama fy_abbottabad e riproduce il complesso di costruzioni dove gli americani hanno scovato e ucciso Osama Bin Laden. A voi ogni giudizio e l'ultima parola sull'iniziativa.



di Umberto Moioli

PC Magazine #30

The Witcher e... The Witcher 2

Mezzo uomo, mezzo Rocco Siffredi, Geralt di Rivia è un Witcher, o Strigo, creatura sovrumana dedita al massacro dei demoni e all'inseminazione di qualsiasi essere di sesso femminile che incontra sulla sua strada, Maria de Filippi compresa. In realtà a volte si sbaglia e insemina anche i demoni, unendo le due attività in cui è maestro, ma non crediamo che sia il caso di indulgere nei particolari di certi rapporti contro natura.

Geralt è il protagonista di The Witcher e, a breve, di The Witcher 2, dove da solo si prodigherà a ripopolare una terra martoriata dalle guerre e dal bromuro. Intanto, nel primo capitolo, se la deve vedere con una brutta epidemia che sta facendo crescere la barba alla popolazione femminile locale, cosa che lo turba particolarmente. Riuscirà a scoprire le cause del male e a riportare l'ordine in città? In realtà, la prima fatica di CD Projekt è un gioco di ruolo che ha riscosso un enorme successo e che ora potete trovare a prezzi stracciati un po' ovunque, GOG compreso (per chi non lo sapesse, GOG è un'appendice di CD Projekt), dove per qualche giorno si potrà acquistare l'edizione speciale a poco più di tre euro (al cambio attuale con il dollaro).

Qualcuno a questo punto si chiederà cosa centra The Witcher 2 in una rubrica dedicata ai titoli economici, visto che deve ancora uscire. Presto detto. Preordinando il gioco su GOG, oltre a poterlo scaricare in anticipo in modo da giocarlo immediatamente all'uscita si otterranno una serie di vantaggi che vale la pena elencare:

- Un gioco gratuito a scelta tra Divine Divinity, Beyond Divinity, Gothic 2, Realms of Arkania 1+2 e Realms of Arkania 3.
- Un buono per acquistare un gioco a scelta del catalogo di GOG dal valore di 5,99$
- Un buono per acquistare un gioco a scelta del catalogo di GOG dal valore di 9,99$

Riassumento: acquistando The Witcher 2 su GOG.com si ricevono ben tre giochi in regalo. Come mai, vi chiederete voi? È presto detto: per compensare il prezzo maggiore della versione Europea causato dalla conversione euro/dollaro. Insomma, prendi uno e intanto giochi altri tre. Molto da A Volte li Scontano, vero?

Titolo: The Witcher
Linea: GOG
Prezzo: 9.99$
Storico: Nulla di rilevante da segnalare.
Voto originale Multiplayer.it: 9.0 - LINK

PC Magazine #30

La nostra fascia di prezzo preferita, quella sufficientemente potente da godersi tutti i titoli recenti e futuri al massimo del dettaglio e in full hd, pur senza dissanguarsi, vive della solita grande sfida. Radeon HD 6950 o GeForce GTX 560Ti? Guardando i numeri la scelta è davvero difficile perché la scheda AMD vince su alcuni giochi - Crysis, Metro 2033 e S.T.A.L.K.E.R. Call of Prypiat - mentre quella Nvidia su altri - Dirt 2, Bad Company 2 e Civilization V - con addirittura alcuni titoli dove si avvicendano a seconda della risoluzione, come Mass Effect 2. Temperature e consumi non segnalano un vincitore netto e i prezzi a cui sono reperibili online sono pressoché identici. Quindi? Quindi le consigliamo entrambe, a voi la scelta. Diciamo che il 3D Vision è un'aggiunta di tutto rispetto che potrebbe far pendere molti per Nvidia, qualora si fosse disposti alla spesa per uno schermo adatto, ma la scheda firmata AMD riesce a staccare la concorrente di un pugno di punti percentuali quando si sommano i risultati di tutti i benchmark. Poca roba, in entrambi i casi; probabilmente conviene decidere in base ai gusti, alle esperienza pregresse e alla dotazione dei modelli reperibili. Per il resto processore, scheda madre e le altri componenti non subiscono modifiche restando saldamente ai vertici delle rispettive fasce di prezzo. Un generale abbassamento di questi ultimi, infine, ha portato il sistema sotto la soglia dei 900 euro, come al solito guardando alle cifre proposte dagli aggregatori online e non a uno specifico negozio.

Componente
Caratteristiche
Prezzo
Processore
160€
Scheda Madre
110€
Scheda Video
190€
Ram
90€
Alimentatore
100€
Hard Disk
100€
Lettore-Masterizzatore Ottico
30€
Case
80€
Prezzo Computer da Gioco
860 Euro


di Umberto Moioli

PC Magazine #30


Uno schermo a prova di miopia

PC Magazine #30

Con 57 operai, che si sono divisi 11 mila ore di lavoro per montare 158 pannelli e 9.000.000 di lampade LED, ci saremmo aspettati qualcosa in più della risoluzione di 720p. In ogni caso il mostruoso schermo Panasonic è utile per le manifestazioni, come quella che ha visto il pilota Nascar Dale Earnhardt Jr. misurarsi con una simulazione di guida nei pressi del circuito Charlotte Motor Speedway che con tutta probabilità si trova a Charlotte, nel Nord Carolina. Purtroppo l'inumana finestra digitale non è facile da spostare visto che l'intera struttura usata per sostenere il tutto pesa qualcosa come 332.5 tonnellate.

John Carmack sceglie Nvidia

PC Magazine #30

Secondo il celebre programmatore le nuove GPU ormai hanno poche differenze e sono mostruosamente potenti quindi è praticamente impossibile sbagliare acquisto comprando una scheda video moderna. Ma i ragazzi di Nvidia rispondono al telefono, ha rivelato Carmack, quindi il guru dei motori poligonali non ha dubbi e resta con le GeForce. Ma il celebre sviluppatore guarda anche al futuro e nel futuro vede le soluzioni integrate che sono già potenti come le console e sono pronte a spiccare un ulteriore salto in avanti. Carmack è convinto che in futuro, avendo accesso all'hardware a basso livello, le soluzioni integrate consentiranno di sfruttare al meglio anche le CPU arrivando a risultati sorprendenti. Magari questa rivoluzione non avverà l'anno prossimo, ma entro 5 anni ogni CPU, secondo Carmack, andrà a braccetto con una GPU adeguata.

Computer di bordo

PC Magazine #30

"Mi piace SuperCar ma sono nato cent'anni troppo presto. Che posso fare? Ecco, si! Devo infilare un PC in macchina!". Immaginiamo che sia più o meno questa la concatenazione di pensieri che ha portato un redattore di ocia.net (OverCLock Intelligence Agency) a montare un pc nel suo van Chevy Express 1500. Ovviamente il nostro eroe non si è limitato a infilare un PC sopra al posto di guida del veicolo ma ha integrato comandi e prese con il cruscotto e come tocco finale ha reso tutto telecomandabile a distanza. Stranamente non è stato considerato un sistema di riconoscimento vocale che avrebbe dato un senso al tutto e questo ci fa pensare che le nostre supposizioni iniziali fossero sbagliate. Quest'uomo ha semplicemente infilato un PC nella sua macchina. Alla faccia del case (la pronuncia inglish lo fa semprare cosi delicato).

SSD economiche in arrivo?

PC Magazine #30

Gli analisti della Gartner hanno previsto che dal prossimo anno il mercato delle SSD cambierà radicalmente con un rapido aumento nelle vendite che porterà a un crollo dei prezzi. Secondo la previsione infatti già nel 2012 le memorie SSD dovrebbero raddoppiare l'installato arrivando a costare 1 dollaro a GB. Facendo un rapido conto dunque il prezzo delle attuali memorie di buona qualità risulterebbe più che dimezzato. Ma già per la finde di quest'anno è previsto un calo del 30% nei costi rendendo molte unità di memorizzazione appetibili già per il prossimo Natale.

Arriva l'ULTRA HD

PC Magazine #30

Il broadcasting nipponico ha già raggiunto il prossimo passo nell'evoluzione della qualità video. Il nuovo standard Super Hi-Vision può infatti trasmettere in 7.680 x 4.320 pixel da Tokyo a Londra e poi indietro di nuovo verso Tokyo con una latenza di soli 3 decimi di secondo. Ovviamente l'implementazione di una rete capace di trasmettere video in qualità cinematografica sarà conclusa solo nel 2020, ma già dal 2015 alcuni fortunati potranno godere degli sforzi compiuti dalla rete nazionale nipponica. E la NHK non sarà l'unica a permetterci di vedere ogni pelo di ogni star costringendo migliaia di minorenni a trattamenti di bellezza mortali e ritocchi analogici e digitali di ogni sorta. A quanto pare infatti anche la BBC è interessata alla ULTRA HD Television che, come al solito, arriverà da noi in forte ritardo e con costi relativi truffaldini. Sempre che arrivi, sia chiaro.

PC e tablet in lotta? Non è vero!

Lo dice NPD aggiungendo che un computer con una connessione classica resta molto appetibile e che chi ha acquisito un tablet negli ultimi mesi non era comunque intenzionato a comprare ne un PC fisso ne un notebook. Ovviamente la ricerca si riferisce ai mesi passati e non tiene conto degli ultimi tablet che sono ormai capaci di gestire anche i videogiochi, e sono equipaggiati con una dotazione di porte e di software sempre più simile a quella dei PC. Ed è proprio questo il vero cambiamento del mercato ovvero la trasformazione del notebook in qualcosa di veramente portatile ed al contempo utilizzabile in casa senza perdere preziose diottrie. Dunque possiamo aspettarci tablet con una dotazione sempre più completa che in questi mesi si è già arricchita delle porte USB e presto includerà porte Ethernet e schede video sempre più potenti.

PC Magazine #30

Final Fantasy XI Online
Le cose non sono state facili negli ultimi mesi per Square Enix e tra i problemi causati da Final Fantasy XIV prima e i tragici terremoti e tsunami che hanno colpito il Giappone dopo, la situazione finanziaria della compagnia al momento è decisamente preoccupante.

Gli investitori sono stati avvisati dalla società stessa di una perdita di 148 milioni di dollari nell'arco dell'ultimo anno fiscale, a fronte di un profitto di 117 milioni circa. Di conseguenza, Square Enix mirerà a contenere il budget di alcuni suoi progetti; in che modo questa strategia influenzerà il traballante quattordicesimo Final Fantasy non si sa, ma gli avventurieri di Vana'diel, in compenso, possono stare tranquilli: Final Fantasy XI gode di ottima salute. Lo dimostra il nuovo "version update" di Maggio che aggiungerà nuovi contenuti al MMORPG uscito quasi dieci anni fa, il quale conta ancora oggi un vero e proprio zoccolo duro di fedeli appassionati. Con la nuova patch saranno introdotte le inedite battaglie Voidwatch, i nuovi Ground of Valor all'interno di zone per il leveling e una serie di aggiornamenti per Dynamis. Non mancheranno nuovi Notorious Monster e qualche novità anche per il crafting sinergico. A tutto questo si aggiungono i consueti aggiornamenti dei vari "job" e qualche ritocco a punti esperienza, depositi e trasporti. Insomma, nonostante si ipotizzasse che questo fosse l'ultimo anno di vita per il MMORPG Square Enix, sembra proprio che in questi mesi difficili l'attenzione della softco sia tutta rivolta al suo primo Final Fantasy online.

World of Warcraft
Restando in tema di crisi, il colosso di Activision Blizzard ha perso 600.000 utenti nel corso dei cinque mesi successivi al rilascio dell'espansione Cataclysm, passando dai 12.000.000 del 2008 agli 11.400.000 calcolati a Maggio 2011: la notizia ha destato un certo scalpore perché sostanzialmente il numero di utenti di World of Warcraft è rimasto inalterato per anni e a quanto pare l'ultima espansione non è bastata a mantenere solido l'interesse dei giocatori.

PC Magazine #30

Secondo gli sviluppatori, gli utenti hanno giocato i nuovi contenuti in troppo poco tempo, inoltre World of Warcraft è una realtà importante da almeno sei anni e cali di questo tipo si sono verificati già altre volte in concomitanza del lancio di nuovi concorrenti. Non a caso, neanche due mesi fa Trion Worlds ha lanciato l'ottimo Rift: secondo Mike Morhaime, comunque, le pecorelle torneranno presto all'ovile e per attirarle i devs hanno già un piano di riserva che consiste nel rilasciare contenuti ed espansioni ancora più frequentemente che in passato. Basterà questo Piano B a sostenere il colosso di Blizzard nei prossimi, difficili mesi, quando sarà attaccato su più fronti da sfidanti del calibro di The Old Republic, Guild Wars 2 e TERA?

Rift
A proposito di Rift, Spoils of War è il titolo del secondo "major update" rilasciato da Trion Worlds e gli avventurieri di Telara saranno felici di sapere che la nuova, titanica patch aggiunge al client la tanto agognata feature per cercare gruppo, una vera spina nel fianco che avevamo sottolineato anche in fase di recensione e che ora, fortunatamente, è soltanto un ricordo del passato.

PC Magazine #30

Oltre al sistema Looking for Group (con tanto di premi per i dungeon casuali, viva l'originalità) arriva anche un sistema per memorizzare l'equipaggiamento che farà felici i giocatori con ruoli multipli e borse piene di oggetti, nonché un dungeon per dieci giocatori chiamato Slivers, neanche a dirlo ricco di boss inediti e nuovi loot. Immancabile la tonnellata di fix e modifiche alle classi del gioco, tra l'altro i giocatori potranno acquistare un quinto ruolo per giocherellare ulteriormente con le loro Soul, magari proprio allo scopo di rigiocare i dungeon Expert, resi più appetibili grazie alle rinnovate loot-table dei boss. Chiude il cerchio Riftconnect, un nuovo menu che consente di personalizzare la connessione tra il client e servizi come Facebook, Twitter e YouTube. Spoils of War è un aggiornamento veramente corposo: leggere le patch notes per credere.

Star Trek Online
Chiudiamo l'appuntamento settimanale con una notizia mirata a un altro zoccolo duro, quello dei fan del MMORPG targato Cryptic e ispirato alla strafamosa serie fantascientifica che non ha bisogno di presentazioni.

Per farla breve, Cryptic ha deciso di ricompensare tutti quei giocatori che hanno deciso di credere nel suo titolo con i cosiddetti premi "veteran" e finora si è parlato di regali fino al quattrocentesimo giorno di gioco: titoli nobiliari, costumi, punti abilità e perfino astronavi bonus. Adesso Cryptic ha svelato anche il premio dei fedelissimi giocatori che raggiungeranno l'encomiabile traguardo dei cinquecento giorni di gioco in Star Trek Online: 250 emblemi da spendere a piacimento, uno slot aggiuntivo per l'astronave, due costumi e il titolo speciale "Relentless".

di Christian La Via Colli

PC Magazine #30

Avadon: The Black Fortress

Dopo avere giocato a Fallout 2, Planescape: Torment e Baldur's Gate 2, ci siamo fatti ibernare, con la promessa da parte dei nostri custodi di scongelarci non appena fosse stato sviluppato un altro grande gioco di ruolo occidentale. Ora che abbiamo riaperto gli occhi, qualcuno in vena di scherzi ci ha fatto vedere Dragon Age 2. Stavamo per ucciderlo. Poi ci hanno mostrato Avadon: The Black Fortress, primo capitolo della nuova saga realizzata dalle menti senza padrone di Spiderweb Software, e allora abbiamo sorriso. Non tutti condivideranno questa passione per un gioco del genere, dove i combattimenti si svolgono a turni e le interfacce richiedono addirittura di fermarsi un minuto a pensare a quello che c'è scritto sopra, ma ogni giocatore che legge questa rubrica dovrebbe almeno provare l'immensa demo disponibile sul sito ufficiale. La storia, potente e aperta, narra di un Patto tra cinque nazioni per difendersi dagli assalti dei tanti nemici esterni. Custode del Patto sembra essere Redbeard, signore della Fortezza Nera, conosciuta come Avadon - i nomi li abbiamo tradotti noi in italiano, ma il gioco è tutto in inglese. Per proteggere questa santa alleanza Redbeard si serve di Occhi, con il compito di raccogliere informazioni, Cuori, i suoi consiglieri, e infine Mani, esecutori del suo volere. Noi saremo una Mano, con fin da subito poteri illimitati in fatto di applicazione delle leggi. Più avanti nel gioco, potremo perfino trasgredire gli ordini di Redbeard e tramare contro di lui.

È quindi chiaro che le scelte morali diventano molto più difficili da prendere, e si collocano quasi sempre in quella vasta zona grigia tra giusto e sbagliato nella quale si tormentano gli esseri umani. Perciò anche che il finale di questo epico viaggio è aperto e ancora tutto da scrivere. Saremo noi a forgiare il destino dei cinque regni, senza poterne prevedere fin da subito le conseguenze, a differenza di quello che accade in quasi tutti gli altri giochi che pretendono di lasciare al giocatore qualche decisione etica da prendere tra una carneficina e l'altra. E parlando di massacri, una volta scelto un personaggio tra le quattro classi disponibili, ne avremo molti da compiere. Ogni combattimento attiva una griglia lungo la quale si muovono a turno i nostri personaggi e i nemici. Ciò significa che l'elemento strategico è centrale in ogni scontro, sebbene il gioco sia molto ben bilanciato e a livello di difficoltà normale ci si possa divertire senza diventare pazzi con la pianificazione delle mosse. Anche dopo le prime fasi di gioco (proseguendo oltre la demo, insomma) gli scontri rimangono emozionanti, e sono d'altronde una fonte preziosa di punti esperienza per fare crescere il nostro personaggi e gli altri eroi del gruppo che lo accompagnano. Ci sono centinaia di oggetti diversi da raccogliere, abilità speciali, incantesimi, e attività simili a mestieri da intraprendere. Senza contare le tante quest secondarie da portare a termine. Probabilmente vi serviranno almeno 30 ore per terminare Avadon: The Black Fortress, ma sino alla fine proverete il piacere e il brivido di non sapere se state facendo le scelte giuste o sbagliate, o cosa davvero si nasconda dietro il Patto. Se potete soprassedere sulla povera veste grafica e la pazienza non vi scivola di mano come un joypad, questo è il gioco di ruolo che riporterà in vita il vostro cuore addormentato.

di Andrea Rubbini

PC Magazine #30

Titolo: Avadon The Black Fortress
Sviluppatore: Spiderweb Software
Distribuzione: Shareware
Sito di riferimento: Link
Download: Link
Da sapere per giocare al meglio: Niente di rilevante da segnalare.