Kirk e Spock all'avventura  16

Prima di gridare allo scandalo per l'ennesimo tie-in spazzatura, provate a continuare a leggere: potreste rimanere sorpresi...

Dopo essere stato mostrato per qualche secondo nella conferenza Sony relativamente ai futuri titoli che supporteranno Move, Star Trek si è fatto vedere sotto forma di presentazione hands-off nello spazio privato di Paramount: ovviamente non ci siamo lasciati sfuggire l'occasione di dare un'occhiata a questo titolo interessante, che sotto alle apparenze di mera operazione commerciale sembra poter contare su numeri di tutto rispetto.

Spazio co-op

Prima di mostrarci il gioco, i ragazzi di Digital Extremes ci hanno tenuto a sottolineare il fatto che Star Trek non è un tie-in motivato esclusivamente da ragioni economiche, adducendo come motivazione il fatto che il gioco non esce per cavalcare l'ondata di successo di un film in particolare, ma piuttosto come collegamento tra l'originale reboot diretto da J.J. Abrams ed il suo sequel, attualmente in pre-produzione. Lo sviluppo è dunque cominciato oltre un anno fa ed è proseguito in tutta calma senza micidiali deadline, garantendo al team la tranquillità necessaria per poter realizzare il progetto seguendo le loro idee. Che, per inciso, riguardano uno action game in terza persona pesantemente sbilanciato verso la componente co-op con protagonisti Kirk e Spock. Poco si sa ancora della trama, ma sicura è la forte connessione tra la produzione del videogioco e quella dei film: Digital Extremes ha avuto infatti accesso a tutti i disegni ed i progetti per le scenografie della pellicola allo scopo di ricreare degli scenari estremamente coerenti, ed i personaggi avranno le fattezze e la voce originale degli attori. La demo che ci è stata mostrata cominciava con Kirk e Spock che raggiungevano una Enterprise occupata da una misteriosa razza aliena facendo una frenetica corsa nello spazio evitando meteoriti e mine: gli sviluppatori ci avevano preannunciato che i due protagonisti avranno un piglio totalmente diverso nell'affrontare le varie situazioni, e infatti l'atterraggio ha visto Spock arrivare al traguardo in maniera impeccabile e Kirk franare a destinazione finendo addosso ad un mucchio di casse. La caratterizzazione ovviamente non si ferma qui, e coinvolgerà anche diversi elementi del gameplay, con Kirk più orientato all'azione pura e Spock maggiormente incline a dinamiche stealth, cosa che si rifletterà anche sull'equipaggiamento a disposizione dei due. Nel corso della demo sono stati mostrati un paio di esempi in tal senso, inseriti nel contesto di uno shooter in terza persona a la Gears of War per intenderci: abbiamo visto dunque Kirk sfondare le linee nemiche, mentre Spock utilizzava le sue capacità per stordire gli avversari o attaccarli alle spalle ed altre situazioni analoghe che sembrano davvero promettenti nell'ottica della varietà di gioco.

Star Trek poi, sembra non volersi risparmiare quando si parla di spettacolarità e di integrazione delle cutscenes con l'azione vera e propria: in una particolare occasione, Kirk è stato infettato da un nemico, e Spock l'ha dovuto portare a spalla fino alla più vicina stazione medica per curarlo, il tutto mentre il capitano -con la visuale che si annebbiava con l'aggravarsi del morbo- sparava ai nemici per difendere l'operato del compagno. Insomma, le peculiarità interessanti al prodotto Digital Extremes non mancano, segno che l'affermazione iniziale circa il distacco di questo progetto dai convenzionali tie-in potrebbe essere davvero credibile. Ancor più perché il gioco, nonostante sia ancora in piena fase di sviluppo, dà già sfoggio di una grafica molto piacevole, forte di un frame rate fluido, modelli poligonali solidi ed una cura quasi reverenziale nel riprodurre fedelmente le atmosfere del film. Come piccola nota di colore, segnaliamo la periferica che ci è stata mostrata a corredo della presentazione, e che presumibilmente accompagnerà una limited edition nei negozi: una riproduzione del Phaser di Kirk nella quale incastonare il Move, completamente supportato dalla versione finale del titolo.

CERTEZZE

  • Molto fedele al film
  • Le dinamiche co-op sembrano intriganti
  • Tecnicamente valido

DUBBI

  • Il gameplay di base è tutto tranne che originale