Puzzle interdimensionale  8

Square Enix e Airtight Games tentano la via del puzzle in prima persona, segnando anche il ritorno di una delle figure alle spalle di Portal

Portal ha mostrato al mondo che la visuale in prima persona non serve solo per sparare proiettili e incantesimi. Certo, realizzare un puzzle game completamente tridimensionale è più complesso che farlo nella comodità delle due dimensioni, ma il risultato è senza dubbio capace di regalare un'esperienza nuova. Non a caso Kim Swift, la donna che ha contribuito a creare Portal, ha deciso di restare nel mondo dei puzzle in prima persona con Quantum Conudrum. Il titolo, in modo simile al puzzle FPS Valve, è diviso in stanze con trappole ed enigmi ma, invece dei buchi dimensionali, lo strumento che avremo a disposizione per progredire sarà la possibilità di cambiare dimensione. Ogni dimensione avrà le sue regole, come ad esempio la riduzione della gravità, che potremo utilizzare per superare una serie di pericolosi ostacoli.

L'utilità dell'arredamento

La magione vittoriana di Fitz Quadwrangle, che è un geniale scienziato e lo zio del bambino protagonista, è piena di attrezzi scientifici, di trappole inimmaginabili e di anomalie generate da un esperimento fallito. Esperimento che, con un'eplosione devastante, ha visto letteralmente scomparire lo studioso.

Nei panni del nipote, che non è propriamente felice di trovarsi in una situazione del genere, dovremo scoprire cosa è successo al folle parente superando barriere laser, anomalie e ostacoli di ogni tipo. Le nostre armi principali per riuscire nell'impresa saranno un guanto capace di farci saltare attraverso diverse dimensioni, il nostro intelletto e l'arredamento della casa tra cui spicca la cassaforte che, grazie al suo peso, sarà utile in diversi frangenti. Durante l'avventura non saremo soli. Ad aiutarci ci sarà Dolli (dynamic object linear litigation interface) ovvero un'enorme robofaccia ciclopica creata da nostro zio e capace di replicare oggetti per eiettarli dall'ampia bocca. Si tratta di una creazione del Professor Quadwrangle realizzata per produrre cibo in quantità per Ike (interdimensional kinetic entity), un'animale blu arrivato da chissà dove e sempre affamato che probabilmente incontreremo durante l'avventura. La capacità di Dolli di replicare gli oggetti sarà presumibilmente utile per moltiplicare oppure ottenere oggetti da utilizzare per superare il dedalo di trappole in cui nostro zio ci ha gentilmente ficcato.

Interazioni interdimensionali

Il salto interdimensionale è consentito dal summenzionato guanto che, grazie a speciali batterie sparse per le stanze di gioco, permette di infilarsi nelle spaccature che sono in ogni dove nella casa del Professor Quadwrangle. Una delle particolarità del passaggio dimensionale è il cambiamento estetico che coinvolge le dimensioni.

Alcune cambiano più di altre, come la dimensione puccetosa che vede ad esempio comparire casseforti tondeggianti, e più leggere, e nella quale anche i personaggi nei quadri si traformano in batuffoli di pelo rosa. Ma ovviamente l'elemento più importante è l'effetto che queste dimensioni hanno sul mondo di gioco. Il procedimento è istantaneo e questo significa che abbiamo la possibilità, per esempio, di tirare un oggetto dopo averlo reso più leggero e, mentre questo è nel picco della traiettoria, passare a una dimensione con gravità maggiore che vedrà l'oggetto, tornato pesante, aumentare la propria velocità di corsa. A questo punto diventa possibile, per esempio, farlo precipitare dove desiderato, rallentarlo con la dimensione slow-motion per bloccare un laser assassino, usarlo per frantumare una superficie o passare nuovamente alla dimensione con gravità inferiore per spingere l'oggetto ancora più lontano. Le dimensioni alternative saranno quattro (cinque con quella normale) e, considerando l'elevato livello di interazione che si ottiene mescolandone anche solo due, possiamo presumere che alcuni puzzle saranno piuttosto complessi.

In definitiva

Nonostante Quantum Conudrum sia un titolo destinato al digital delivery promette ben 6 ore di gioco e fa senza dubbio parte del sempre più folto gruppo di titoli scaricabili di fascia alta.

Anche dal punto di vista estetico, sebbene non ci siano effetti grafici avanzatissimi o una mole poligonale spacca mascella, ci troviamo senza dubbio di fronte a un prodotto curato che include quadri che raccontano gli esperimenti di Quadwrangle e che cambiano, in modo ironico, quando il protagonista accede a determinate dimensioni. Tra l'altro da qui all'uscita, che è prevista per l'inizio del 2012, c'è senza dubbio tempo a sufficienza per ulteriori miglioramenti. Insomma, si tratta di un prodotto interessante che esplora nuove possibilità del peculiare genere puzzle in prima persona. Lo stile è diametralmente opposto a quello dei puzzle-FPS di Valve, ma chi ha apprezzato le meccaniche di Portal e Portal 2 dovrebbe senza dubbio tenerlo in considerazione.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

CERTEZZE

  • Meccaniche intuitive e puzzle complessi
  • Un genere ancora inesplorato
  • Ironico e curato

DUBBI

  • Bilanciamento e varietà delle situazioni
  • La trama rischia di essere un mero pretesto