Tribes: AscendIl grande ritorno 

A 7 anni dall'ultimo Tribes, Hi-Rez riporta in pista la serie con un titolo digital delivery e con un MMO.

Tribes si è distinto nel panorama degli FPS grazie a mappe ampie, veicoli volanti, jetpack e grazie allo skying, un effetto collaterale della fisica del gioco che si è trasformato in uno dei movimenti più peculiari del panorama degli FPS. Lo skying sfrutta la gravità e consente di buttarsi dall'alto, magari dopo un balzo con il jetpack, per saltellare su una superficie inclinata fino al raggiungimento della velocità ottimale per saltare nuovamente e grazie all'effetto fionda decollare letteralmente verso l'obiettivo. Insomma, il gameplay di Tribes è particolare. Le possibilità di movimento estreme, l'efficacia dei colpi a enorme distanza e il gioco di squadra serrato ne fanno un titolo complesso. Non a caso Vengeance, uscito nel 2004, ha fallito nel tentativo di riaccendere la passione verso il peculiare shooter. Dunque Hi-Rez, che ha preso la serie dalle mani della defunta Dynamic, si trova di fronte a una sfida difficile e si tratta già del secondo tentativo visto che Playtribes, la riedizione per browser del primo titolo della serie, è stato abbandonato a fine 2010.

Il cuore del gameplay

Hi-Rez ha comunque deciso di mantenere il gameplay originale e non a caso ha scelto una mappa del primo Tribes per mostrare, durante la GamesCom e il PAX, che l'anima della serie è rimasta intatta in Tribes: Ascend. Tornano quindi i combattimenti inerziali che ci vedono schizzare attraverso l'aria e che richiedono una padronanza assoluta delle armi come il lancia dischi, fondamentale per bombardare i nemici che si trovano a terra. E torna anche il disk jump, versione estrema del rocket jump di quake che consente spostamente estremamente rapidi pur danneggiandoci. Ma per conquistare il cuore dei giocatori il team di sviluppo ha ovviamente introdotto alcune novità come un arsenale più ampio, che include tre varianti dello spinfusor e alcuni indicatori di velocità per rendere più tecnico, e cool, lo skying. Il grande ritorno Inoltre Hi-Rez ha introdotto nel titolo nuove armi balistiche ovvero mitra, fucile a pompa, pistola e pistola silenziata e, come dicevamo, sono state create tre varianti per lo Spinfusor, ovvero il lancia dischi. Alla modalità classica si aggiungono infatti il mortaio e l'arx buster che lancia tre granate adesive. Il risultato, in modo simile ma ancora più completo rispetto al passato, è un gameplay che fonde il clan arena di Quake, le mappe aperte di Halo e il gameplay ad ampio respiro di Battlefield. Senza dubbio una formula complessa da bilanciare, soprattutto considerando che il titolo offre ben 12 classi, ma anche potenzialmente capace di regalare un'esperienza unica. Le dodici specializzazioni sono ovviamente disegnate per assolvere a compiti specifici. La sentinella per esempio, che è lo sniper difensivo, è particolarmente utile per difendere una bandiera in capture the flag. Ma senza un jaggernaut o uno scrambler, che sono specializzati nelle le armi pesanti, può trovarsi in forte difficoltà di fronte a un veicolo.

Allo stato attuale

Tra le armi attualmente disponibili troviamo anche il fucile sniper, il lancia missili, la chain gun, le mine claymore, il fucile da combattimento e le torrette automatiche piazzabili dal giocatore. Non ci sono invece pacchetti per curarsi visto che l'energia si ricarica automaticamente, mentre le munzioni possono essere raccolte. Il titolo include inoltre la visuale in terza persona, anche nei mezzi, offrendo una maggiore visione del campo di battaglia che consente di evitare sorprese e localizzare più facilmente i nemici. Il grande ritorno Come abbiamo anticipato Tribes: Ascend include ovviamente i veicoli, altra parte integrante del gameplay della serie. Anche in questo caso non si tratta di strumenti di facile utilizzo ma un tank piazzato nei pressi di una base e protetto da un cecchino può rivelarsi letale. Al lancio saranno disponibili lo Shrike (velivolo da una persona), il Gravcycle (motocicletta da due persone), e il Beowulf (carro da due persone) e successivamente, attraverso una serie di update promessi da Hi-Rez, verranno implementati nuovi veicoli. Per quanto riguarda il comparto grafico gli sviluppatori hanno scelto uno stile molto luminoso arricchendolo con cieli convincenti e suggestivi, specchi d'acqua e texture valide. La mole poligonale è esigua, come la serie ci ha abituato, ma le mappe di Ascend sono comunque arricchite da enormi strutture, come le titaniche astronavi sospese nel cielo, e sfoggiano una distanza visiva notevole che non soffre di perdita di dettaglio. L'effetto globale dunque, anche grazie alle armi dettagliate e ai modelli convincenti, non è niente male. Inoltre gli interni sono piuttosto curati con superfici lucide, luci fantascientifiche e postazioni per acquisire i veicoli arricchite da animazioni curate.

Un nuovo inizio

Tribes: Ascend è senza dubbio un titolo promettente per gli appassionati di FPS agonistici e il digital delivery potrebbe essere la giusta dimensione per consentire alla serie di tornare ai fasti di un tempo. Hi-Rez sta senza dubbio lavorando con perizia per mantenere tutte le peculiarità della formula creata da Dynamix, mescolandole con una grafica convincente e introducendo una serie di novità volte a rinnovare e rendere più appetibile il gameplay del titolo. Presumibilmente quanto realizzato per questo capitolo sarà impiegato anche nel MMOFPS annunciato da Hi-Rez che dovrebbe espandere ulteriormente i confini dei campi di battaglia di Tribes. Tornando ad Ascend è stato annunciato che i DLC saranno a pagamento e che tra questi ci saranno anche oggetti e armature, ma gli sviluppatori hanno assicurato che non ci sarà nessun elemento aggiuntivo in grado di sbilanciare il gameplay a favore di chi paga di più. Infine sarà possibile creare il proprio server, anche se questo sarà virtuale e ospitato da uno dei server ufficiali distribuiti in tutto il mondo. Presto il titolo passerà alla fase beta, che precederà il rilascio finale con un modello Free to Play, ed è possibile essere selezinati per parteciparvi registrandosi sul sito ufficiale e compilando l'apposito questionario.

Certezze

  • Il ritorno del peculiare gameplay di Tribes
  • Comparto estetico piacevole
  • Maggiore articolazione grazie a nuovi veicoli, nuove armi e classi

Dubbi

  • Bilanciamento difficile
  • Riuscirà a convincere le nuove leve degli FPS?

TI POTREBBE INTERESSARE