S.V.

Redazione

9.0

Lettori (15)


  • 32
  • 2
  • 42
  • 7

The Sims 3: Animali & Co.Io sto con gli animali 7

Arriva un'altra aggiunta alla premiata ditta The Sims, ancora una volta tutta incentrata sugli animali, che da elementi di contorno assurgono a protagonisti nel mondo dei Sims. Vediamo di cosa si tratta...

Versione testata: Xbox 360

Con The Sims, Electronic Arts ha non solo presentato una sorta di esperimento videoludico in evoluzione ma anche una vera e propria palestra di iniziative di marketing in divenire. Lontana ormai dagli intenti pionieristici e puramente sperimentali del primo capitolo ad opera di Will Wright, la serie è praticamente diventata un microcosmo in continua espansione, una sorta di piattaforma videoludica indipendente in grado di figliare espansioni e spin-off che vanno a coprire tutti i possibili ambiti di una vera e propria simulazione di vita globale. Le possibilità ovviamente sono tante quanto le sfaccettature della realtà, potenzialmente infinite, sempre che si riesca a mantenere un barlume ludico all'interno della riduzione in digitale dei vari aspetti della vita umana. Nella foga di aggiunte e nuove focalizzazioni, capita di tornare anche più volte su un medesimo argomento, com'è accaduto con questo The Sims 3: Animali & Co., che affronta un tema già esplorato in precedenza con gli spin-off dedicati ai "Pets", ovviamente incentrati sulla creazione e la gestione degli animali, sebbene in questo recente caso il pacchetto offerto sembri decisamente più consistente rispetto a quanto visto in passato. Io sto con gli animali Il gioco si presenta in forma diversa nelle sue due espressioni PC/console: su piattaforma Windows si tratta di una classica espansione per The Sims 3, mentre su Xbox 360 e PlayStation 3 il gioco è un vero e proprio titolo stand-alone, ovvero acquistabile e fruibile a sé stante, in maniera staccata e indipendente dal possesso o meno del terzo capitolo della serie. Anche alla luce di questo pare una decisione poco consona quella di escludere dalla versione per console una buona fetta di contenuti presenti invece in quella PC, ovvero la presenza dei cavalli, stranamente eliminati dalle controparti per le macchine da gioco. D'altra parte The Sims persevera nella sua anima doppia, con le versioni PC e console caratterizzate da strutture, impostazioni e intenti diversi. L'espansione per PC è un ampliamento più coerente con il mondo simulato di The Sims 3 mentre gli spin-off per console si presentano come giochi dal concept autosufficiente, che ripropongono la rodata struttura con quest (qui divenute Misteri) e karma all'interno di una cornice completamente nuova.

L'animaletto dei sogni

Tutto parte, come da tradizione, dal classico editor, che in questo caso non si occupa soltanto della costruzione dei Sims ma anche di quella dei protagonisti specifici di questo capitolo, ovvero gli animali domestici. Il processo di creazione è strutturato in maniera del tutto simile a quella classica, fatte le dovute proporzioni. Per la costruzione di cani e gatti, ovvero gli animali domestici che nella versione testata - per Xbox 360, dunque quella "console" in senso generico - sono gli unici che possono essere inseriti nel nucleo familiare virtuale, oltre alla modifica dei vari aspetti fisici si parte ovviamente dalla scelta della razza, per arrivare poi ai dettagli più specifici come la modifica della struttura ossea o del manto. Cani e gatti nel gioco non sono trattati alla stregua di semplici complementi d'arredo o elementi di contorno per la vita del Sim, questa procede invece parallelamente quella dell'animale, che a tutti gli effetti diventa un membro della famiglia quando viene creato dall'editor o viene adottato presso i centri specializzati, consentendo al giocatore di seguire e controllare alternativamente il personaggio umano o l'animale. Io sto con gli animali Ovviamente, in quest'ultimo caso, la vita è caratterizzata dalle tipiche azioni dell'animale, che tuttavia si ampliano nel prosieguo del gioco fino a comprendere varie occupazioni di un certo livello. Si parte insomma dalla soddisfazione dei bisogni primari inframmezzata da qualche semplice pisolino o qualche "marcatura del territorio", fino a vere e proprie carriere che impegnano la bestiolina in svariati frangenti "lavorativi", ad esempio arruolando il cane nelle forze di polizia, oppure seguendo il gatto nella sua carriera "criminale", replicando l'eterna dicotomia tra le due specie. Anche i nostri pets, dunque, hanno le loro aspirazioni che devono essere seguite e possibilmente soddisfatte, tendendo verso una vita piena e non solo composta da passeggiate al parco, pipì in giro e sonnellini all'aria aperta. A movimentare l'azione concorrono anche i Misteri, ovvero delle sorte di quest sparse nella città di riferimento che vengono assegnate all'interno del Municipio e che ci permettono di sviare notevolmente dalla routine quotidiana, andando ad esplorare nuove zone e partecipare ad eventi particolari, come cacce al tesoro o altre avventure esotiche in giro per le ambientazioni, che ovviamente comprendono i nostri amici a quattro zampe come attivi comprimari, se non proprio protagonisti.

Vita da cani (e gatti)

L'interfaccia di controllo è rimasta sostanzialmente invariata da The Sims 3, salvo alcune aggiunte specifiche per quanto riguarda la gestione degli animali e una maggiore profondità generale per quanto riguarda le possibilità d'interazione e personalizzazione degli ambienti e dei protagonisti. Le scelte effettuate per rendere quanto più possibile vicina l'esperienza console a quella PC, in termini di possibilità e quantità di azioni eseguibili, sono risultate in un'evidente ricchezza e complessità del gioco, che veramente consente un controllo quasi totale sulla vita dei Sims e comunque non elimina niente dell'esperienza originale su PC, ma anche in una certa complicazione data da un'interfaccia funzionale ma non propriamente intuitiva. Io sto con gli animali Non che si potesse chiedere qualcosa di molto diverso: sostituire il controller al mouse e tastiera in un gioco che praticamente si basa in buona parte sulla navigazione tra menù non potrà mai risultare in un'esperienza immediata e snella, dunque c'è da impratichirsi un po' con l'utilizzo di finestre, menù e slide assortite prima di poter godere del pieno controllo sulla vita dei Sims. Ovviamente, chi ha già avuto modo di giocare a fondo il terzo capitolo parte avvantaggiato e si troverà perfettamente a suo agio anche in questa edizione. La versione console, come detto, non comprende l'aggiunta dei cavalli, che invece rappresentano una buona fetta di gioco per quanto riguarda l'espansione per PC, che con questi introduce un'intera nuova sezione a forma di ranch texano che consente di allevare i quadrupedi e cavalcare in fase di allenamento o partecipando anche a gare, una mancata introduzione che pesa un po' sul bilancio del gioco stand-alone. A Xbox 360 e PlayStation 3 restano dunque cani e gatti, che offrono comunque una grande varietà di azioni e avventure, sebbene non offrano forse la varietà che ci si sarebbe potuti aspettare da un titolo venduto in maniera staccata rispetto al capitolo principale. In ogni caso, bisogna pensare a Animali & Co. come ad una versione evoluta di The Sims 3, sostanzialmente, poiché offre quasi tutti i contenuti presenti in quest'ultimo più la fondamentale aggiunta degli animali, dunque di materiale per giocare ce n'è in abbondanza.
The Sims 3: Animali & Co. - Trailer d'annuncio E3 2011 The Sims 3: Animali & Co. - Trailer d'annuncio E3 2011

La vita simulata

Così come per quanto riguarda l'interfaccia e la struttura principale del gioco, anche il comparto tecnico non si discosta da quello di The Sims 3, confermando Animali & Co. come maxi-espansione più che nuovo capitolo o spin-off propriamente detto. Si tratta comunque di un'ottima cosa, considerando il buon livello raggiunto dal terzo capitolo su console al quale, considerando la particolare caratterizzazione scelta per la serie, non c'era poi molto da aggiungere. L'introduzione degli animali si porta dietro anche tutta una serie di elementi aggiuntivi che non possono mancare in un'espansione (o spin-off) della serie come edifici, arredamenti e oggetti nuovi che non mancheranno di soddisfare il vero amante dei Sims di vecchia data, oltre a tutta una nuova serie di location da visitare in questa nuova città che pare essere tratta da una qualche zona costiera del nord America, volendo provare a collocare lo stile architettonico e l'ambientazione naturale in un qualche riferimento realistico. Io sto con gli animali La versione Xbox 360 di Sims 3 Animali & Co. si caratterizza anche per la possibilità di utilizzare Kinect, che viene impiegato come integrazione dell'interfaccia utente, un supporto parziale basato soprattutto sul riconoscimento vocale. Si tratta comunque di un'aggiunta che dona una notevole fluidità all'azione di gioco, svincolando diverse azioni dal controller e quindi alleggerendo in parte quella complessa macchina di tasti, menù e indicatori vari che sottende sempre all'avanzamento del Sim e del suo animale all'interno del gioco. Non è dunque un cambiamento epocale nel sistema di controllo, ma sicuramente rende più piacevole l'esperienza su console, che dal punto di vista dell'interfaccia tende ancora ad arrancare un po' dietro alla controparte PC. Attendiamo a questo punto di provare la versione definitiva del gioco per valutare eventuali levigature ulteriori al sistema di controllo e possibili aggiustamenti al comparto tecnico, ormai il 21 ottobre - data di uscita del gioco - non è lontano.

Certezze

  • L'utilizzo degli animali apre a nuove esperienze di gioco
  • I Misteri e il karma contribuiscono a creare una progressione nella storia
  • Un'aggiunta sostanziosa alla base di The Sims 3...

Dubbi

  • ...ma forse non abbastanza da giustificare l'acquisto di un nuovo titolo stand-alone
  • Nella versione console mancano i cavalli e tutto quello che ne consegue
  • L'interfaccia resta piuttosto ostica