A Volte li ScontanoA Volte li Scontano Vol.4 

Una rubrica che farà la felicità dei videogiocatori meno facoltosi che spesso non se la sentono di acquistare i titoli appena usciti a prezzo pieno. Un meraviglioso excursus approfondito e ricco di dettagli, attraverso i giochi in edizione economica.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Quake IV


Linea: Best of Range

Prezzo: 14,99€

Storico: Un breve filmato presente su YouTube propone per immagini la storia di Quake, dagli albori fino alla sua terza evoluzione in multiplayer.

Primo Voto Multiplayer.it: 8.9 - Link all'articolo

Questo commento non lo voglio scrivere, perché stiamo navigando nelle tormentate acque della soggettività o per lo meno più del solito. Vediamo comunque di gettare l’ancora del raziocino, tanto per quindici miseri euro il rischio che si corre è tutto sommato limitato. Della stessa raccolta Best of Range di Activision come vedete fa parte anche DooM 3 e già che siamo in tema di spara-tutto diciamo pure che Quake IV è senza dubbio un altrettanto degno esponente. Anche questa è una saga “storica”, ricca di orrore e di onorificenze meritate sul campo; dunque cosa rimane dopo due capitoli geniali e un multiplayer che ha dettato legge per eoni? Da un lato si è salvato il pregio della campagna per giocatore singolo, discretamente articolata e spettacolare nella sua veste, mentre il comparto multigiocatore soffre per un ristagno di idee. Possiamo concordare che in quanto a innovazione F.E.A.R. gli fa le scarpe e non è probabilmente l’acquisto ideale per chi ha perso ogni malizia, ma non per questo Quake IV smette di essere un titolo solido, corposo e impreziosito dal prezzo incoraggiante. Ha mancato la possibilità di scrivere un capitolo nuovo nella storia degli sparatutto, ma come tutti i vecchi maestri si conferma una gioia da guardare e un bell’esempio al quale ispirarsi.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Call of Duty (Deluxe Edition)


Linea: Best of Range

Prezzo: 14,99€

Storico: Nulla da segnalare.

Primo Voto Multiplayer.it: 8.5 - Link all'articolo

C’era una volta Medal of Honor, poi è sbarcato Call of Duty e la Seconda Guerra Mondiale si è fatta ancora più vicina a come possiamo immaginarla noi che non l’abbiamo conosciuta. Al di là dei suoi pregi più evidenti, come l’impatto grafico e la spettacolarità di alcune location, ricreate con grande attenzione per la storia, ciò che resta impresso a tutti quelli che l’anno provato è il sonoro. Spesso considerata una voce minore, grazie a Call of Duty riprende il posto che gli spetta. Se chiudiamo gli occhi e proviamo a figurarci cosa può voler dire trovarsi su di un tale campo di battaglia, sentiamo prima le esplosioni e le grida e solo dopo visualizziamo le immagini. Aggiungiamo pure una campagna più ricca di situazioni intriganti rispetto a quelle presenti nella vecchia serie targata EA e una componente strategica allargata alla gestione dei compagni e il mix è pronto, decisamente hollywoodiano nella sua pomposità. Non si può certo affermare che Call of Duty sia rivoluzionario, ma tutt’ora è un punto di riferimento da cui partire per la critica dei titoli dedicati alla Grande Guerra perciò, se vi siete distratti, questa è l’occasione buona per rifarvi.DooM 3 e Quake IV dal canto loro vivono alle spalle dei propri antenati mentre Call of Duty è il fondatore di una serie, che per l’occasione si presenta in veste Deluxe con espansione annessa. Non fatevi pregare, vale i soldi che costa.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

The Movies


Linea: Best of Range

Prezzo: 14,99€

Storico: Se la parola machinima vi lascia con il vuoto della mente vale davvero la pena di esplorare questo sito e non solo per capire cosa offre The Movies.

Primo Voto Multiplayer.it: 9.0 - Link all'articolo

Peter Molyneux ha creato un videogioco diseducativo, che spinge giovani ragazzi e ragazze a competere lasciando gli studi e il posto di lavoro per confezionare pellicole virtuali nella speranza di essere riconosciuti come degni film-maker da una giuria di propri pari largamente presente sulla rete. Che dire, è troppo bello per essere vero. Non importa quanto tempo è passato, anzi meglio ancora perché potete così godere di espansioni, colonne sonore personalizzate e altro ancora per il vostro film. Forse qualcuno vi ha detto che c’è una modalità gestionale con la quale ripercorrere da un lato la storia del cinema e dall’altro le fasi della produzione ma chi ne vuole sapere di tutto questo quando il trionfo aspetta solo voi! The Movies offre infatti la possibilità di realizzare le vostre sceneggiature e allestire i filmati che successivamente possono essere montati con un programma specifico, così da renderli ancora più appetibili per le fauci del leone, nella fattispecie un pubblico in carne ed ossa, benché connesso alla rete. Solo la votazione pubblica potrà infatti dare credito o meno al vostro lavoro e se proprio volete sbizzarrirvi c’è un’editor dal quale pescare a piene mani dalle casse dello stato e partire con budget degni di un colossal. Unire in un solo prodotto un videogioco (piacevole anche se a tratti ripetitivo) e una tavolozza con la quale dare vita alle proprie idee è un gesto degno di Molyneux, considerato un ciarlatano dai detrattori e un genio dagli ammiratori, ma per noi un visionario con l’unico limite di avere idee al di sopra delle possibilità tecniche con le quali si confronta.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Gun


Linea: Best of Range

Prezzo: 14,99€

Storico: Nulla da segnalare.

Primo Voto Multiplayer.it: 7.9 - Link all'articolo

Ecco un titolo che mette con il sorriso quando siete alla ricerca di qualcosa di buono, che quasi sicuramente vi soddisferà e per giunta senza sentire un senso di colpa affliggervi al momento di oltrepassare la cassa. Tanto per cominciare il West non è un’ambientazione esausta anzi, abituati come siamo alla guerriglia metropolitana nelle vesti di qualche S.A.S. di passaggio, è utile ricordare com’erano le cose quando sparato un colpo il fucile era più utile come mestolo. Non tralasciamo poi che avrete la possibilità di andarvene in giro come ottusi mandriani senza dover sempre concentrarvi sulla storia principale: c’è tanto da fare quando si vuole fare il cow-boy, partendo proprio dalle mucche che ci hanno dato il nome, che di tanto in tanto sfuggono ai confini del recinto. Purtroppo però, tra un poker e l’altro, il Far West non è un posto lieto in cui prosperare; troppe sparatorie, anzi una gran quantità di sparatorie anche se abbiamo il sospetto che questo di sicuro non vi rovinerà la festa. Da non sottovalutare l’ebrezza delle corse in sella all’inseparabile destriero (fatelo bere di tanto in tanto eh) e una sorta di bullet time per fare quello che in fondo nessun uomo è mai riuscito a fare (no sul serio, Max Payne non esiste). Se proprio odiate sellare i cavalli e passare il tempo nel saloon va bene, comprate un titolo Maxis, ma in caso contrario potrebbero essere i quindici euro del weekend spesi meglio.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Terrorist Takedown: War in Colombia


Distributore:City Interactive

Prezzo:19,90€

Storico: Il titolo è inedito nel nostro paese. Sito Ufficiale

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

C’è una guerraccia in Colombia. I malvagi terroristi stanno facendo proprio i malvagi terroristi (sapete… sparare contro i turisti, mettere bombe, cercare di conquistare un territorio a Futurisiko utilizzando un solo carro armato… e altre cose del genere). Chi inviare per arginare questa mostruosa situazione? Ovvio: un marine duro e crudo capace di disfarsi di un esercito mentre mangia un gelato alla fragola. Dopo una lunga selezione, in cui i candidati hanno dovuto dimostrare di saper sparare, correre, schivare i proiettili e saper fare battute tamarre, siete stati selezionati voi, uomini capaci di guardare per sei ore di fila i programmi di Maurizio Costanzo mantenendo inalterato il numero delle vostre cellule cerebrali (siete troppo forti o ne avete troppo poche?).
Appena arrivati in Colombia scoprirete che si tratta di uno strano paese in cui si sollevano continuamente nuvole polverose dal terreno (anche da quello erboso… sarà la droga che coltivano… chi può dirlo) e in cui i terroristi sono dei perfetti incapaci. Terrorist Takedown: War in Colombia, è un mediocre prodotto di propaganda, non in grado di rivaleggiare con uno qualsiasi degli ultimi FPS usciti (tranne uno… vi basterà leggere il paragrafo sottostante per sapere quale). Il ritmo è lento ma non ragionato e si riduce ad essere un susseguirsi di scontri a fuoco con dei pupazzi incapaci di opporre una qualsiasi reazione, non diciamo realistica, ma quantomeno impegnativa. Si striscia, s’individua il nemico, si fa a scambio di piombo e si prosegue nello strisciare (sembra un simulatore di direttore di telegiornale). La grafica non è niente di che, con modelli 3D legnosi e texture discrete e nulla più. La presenza di una fitta vegetazione è poco funzionale al gameplay, visto che i nemici godono di una vista eccezionale e riescono ad individuarci anche dietro i cespugli. All’inizio abbiamo provato a fare un po’ di stealth, come consigliato anche dal gioco… ma, a parte che è difficilissimo passare inosservati, tale pratica è sostanzialmente inutile, visto che sparando si risolvono meglio e più velocemente tutte le situazioni.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

America’s Secret Operations


Distributore: City Interactive

Prezzo: 19,90€

Storico: Il titolo è inedito nel nostro paese. Sito Ufficiale

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Maledetti Marxisti, relativisti, post comunisti mangia bambini… vogliono minare l’ordine mondiale minacciando le libere democrazie occidentali. Ma noi non glielo permetteremo! Sorbole! Rubbini! Prepara la tuta da soldato scelto e prendi un paio di ricariche telefoniche per chiamare mammà quando siamo in missione! Non sia mai che al nostro ritorno si dimentichi di prepararci i cannelloni, che dopo una missione così difficile mettono tanta allegria.
Pare che la guerra al terrorismo sia diventata una delle fonti d’ispirazione primarie di molti sviluppatori. In questo brutto gioco, tanto per esplicitare, dovremo vedercela con dei rivoluzionari marxisti con l’hobby di piazzare le bombe un po’ ovunque (vanno al bagno? Piazzano una bomba. Sono al cinema? Piazzano una bomba. Festeggiano il loro compleanno? Come potrebbero vivere senza mettere una bomba nella torta?). A parte la trama da romanzo di serie C2 con punti di penalizzazione, ci troviamo di fronte ad un FPS che definire mediocre è usare un eufemismo. Sin dall’inizio sarà chiaro che il dramma non sono tanto i terroristi, quanto quello che hanno intorno. A parte la bruttezza della grafica, sfruttante in modo ignobile l’ormai vetusto motore di Unreal 2 (i modelli 3D sono veramente da brividi lungo la schiena… sembrano uscire da un gioco di 6 anni fa), è anche tutto il resto a far gridare allo scandalo. Fortunatamente il gioco è stato pubblicato a prezzo budget altrimenti ci sarebbe stato da piangere per i prossimi sei mesi. La nostra missione inizierà su una piattaforma petrolifera pullulante di nemici che, per l’occasione, sono stati scelti riciclando i partecipanti a qualche reality show, visto quanto sono stupidi. È bello vedere gente che esce allo scoperto e si fa sforacchiare senza pietà non opponendo alcuna resistenza. Certo, fortunatamente possono sparare anche loro (ma dai?)… In effetti il gioco si riduce ad un girare per le varie locazioni sforacchiando nemici sempre uguali e risolvendo qualche enigma piuttosto elementare. Parlando proprio di enigmi, come non citare il sistema d’interazione veramente geniale? Ogni volta che si compie un’azione, apparirà una barra che indica il tempo necessario allo svolgimento della stessa. Ora, capiamo che per esaminare un cadavere ci voglia qualche secondo… ma ci vuole lo stesso tempo anche per passare una scheda magnetica nell’apposito lettore? Probabilmente il nostro eroe ha dei grossi problemi di artrosi… lasciatelo perdere, anche se non costa molto.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Marble Mayhem


Distributore: Blue Label Entertainment

Prezzo: 9,90€

Storico: Alcuni di voi conosceranno già questo gioco con il titolo di Hamsterball. Si tratta di un clone del classico Marble Madness, di cui, se volete saperne di più, vi invitiamo a visitare questo link.

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Va bene, lo ammetto… sono un fan di questo gioco sin da quando venne pubblicato come shareware con il nome di Hamster Ball. Ora, dopo qualche anno, arriva nei negozi con un nuovo nome e ad un prezzo veramente interessante. Come farselo sfuggire?
I giocatori di vecchia data avranno già capito, guardando gli screenshot, che Marble Mayhem è un clone del classico Marble Madness: il vostro scopo è quello di condurre un criceto, rinchiuso dentro una sfera trasparente, attraverso dei lunghi ed intricati livelli disseminati di ostacoli di varia natura; rampe strettissime, piattaforme semoventi e nemici surreali più o meno agguerriti. Si tratta quindi di un prodotto completamente centrato sull’abilità del giocatore che strega per la sua immediatezza e per l’incredibile capacità di coinvolgere. A sorprendere non è tanto il gioco in sè, quanto la lezione di stile che gli sviluppatori sono riusciti a dare pur partendo da un progetto apparentemente così limitato. Livelli disegnati in modo incredibile, una grafica funzionale ma pulita e utilizzata in modo esteticamente notevole (alcuni livelli ricordano le visioni di Escher), giocabilità ad altissimi livelli, oltre che un elevato fattore rigiocabilità, molto raro di questi tempi. Se fossi in voi un pensierino ce lo farei seriamente… scoprirete un titolo con il sapore dei tempi andati che riesce a far sua la lezione dei grandi classici.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4
A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Sprint Car Challenge


Linea: Liquid Games

Prezzo: 19,90€

Storico: Il titolo è inedito nel nostro paese. Sito Ufficiale

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Lasciatelo perdere. È inutile girarci intorno. Sprint Car Challenge è un gioco insufficiente sotto tutti i punti di vista. Si tratta di un simulatore di macchine che non riesce a trasmettere altro che noia. Le gare sono tutte molto simili tra loro e il mordente è generalmente basso dall’inizio fino alla fine. Come ottenere risultati così negativi? Semplice, basta creare un senso di velocità praticamente nullo, un sistema di guida scivoloso e poco controllabile, che non è simulativo e non è arcade ma è semplicemente fatto male, contornare il tutto con una grafica mediocre e condire, tanto per aggiungere la ciliegina sulla torta, con un sonoro fatto così bene da costringere il giocatore a spegnere le casse e a staccare le cuffie per non ascoltarlo. Lo sforzo di andare avanti nel gioco lo abbiamo fatto, e siamo stati ricompensati da piste realizzate in modo pessimo e dal design blando e da auto extra che sulla carta hanno caratteristiche diverse dalle altre, ma che nella sostanza sembrano tutte uguali. Il discorso è molto semplice: quando si ha un budget limitato si deve mirare al divertimento puro e non a fare cose che vanno oltre le proprie possibilità. Sarebbe bastato rendere quantomeno controllabili i veicoli (che hanno la tendenza a finire in testa coda continuamente) e aumentare un po’ la velocità, per riuscire a strappare qualche minuto di sano divertimento. Ma niente, si è scelta una via ibrida che non ha portato da nessuna parte. Peccato.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

Pinball Master 3D


Linea: Revival

Prezzo: 9,90€

Storico: Il titolo è inedito nel nostro paese. Sito Ufficiale

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

I videogiochi che simulano i flipper hanno il loro perché. In primo luogo è come un tributo ad un cugino nemmeno troppo lontano. In secondo luogo hanno sempre permesso di puntare a realizzare la simulazione perfetta senza costringere gli sviluppatori a realizzare titoli troppo tecnici. In questo senso la vecchia serie ProPinball ha raggiunto vette di puro lirismo (almeno all’interno di questo sottogenere)… Pinball Master 3D tenta di simulare tre flipper d’epoca, cercando di replicarne il feeling e la semplicità. Purtroppo c’è qualcosa che non va. I tre tavoli disponibili sono disegnati piuttosto bene, anche se risultano fin troppo semplici (soprattutto quello ambientato nello spazio); ma non è questo il problema. La verità è che a dare fastidio è più di tutto la fisica della palla. Definirla approssimativa è farle un complimento, visto che spesso le biglie di metallo reagiscono in modo abbastanza inconsulto alle sollecitazioni dei flipper e dei respingenti. Oltretutto, in più di un occasione, abbiamo notato qualche scatto di troppo, oltre ad una certa imprecisione generale nelle collisioni. Insomma, un disastro? No, un disastro no. I flipper sono comunque divertenti… la verità è però che esistono prodotti amatoriali gratuiti, o prodotti commerciali ormai nella stessa fascia di prezzo di questo Pinball Master 3D, molto migliori.

A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4 A Volte li Scontano Vol.4

DooM 3


Linea: Best of Range

Prezzo: 14,99€

Storico: Dieci anni di storia sono tanti ma valgono il tempo che richiede il racconto. Per questo vi segnaliamo lo speciale di Fabio Cristi dedicato al libro Masters of DooM.

Primo Voto Multiplayer.it: 8,5 - Link all'articolo

Mi viene in mente un solo motivo per il quale dovreste giocare a DooM 3, approffittando di questo appetibile taglio di prezzo, ed è anche molto semplice: DooM 3 gela il sangue, e lo fa in più di un’occasione. Non avrete nessuna storia elaborata da svelare, sapete fin da subito che su Marte sta per trasferirsi l’inferno e che ci sarete voi ad accoglierlo con il fucile, come accadeva dieci anni or sono in quello che sarebbe divenuto il titolo forse più famoso nella storia dei videogiochi. Banale e ritrito che possa sembrare, questo terzo capitolo funziona proprio per l’onestà con la quale si presenta; non promette nulla rispetto a quello che può dare, che però vi sarà servito su di un piatto d’argento. Giocare a DooM 3 è un po’ come entrare nel tunnel degli orrori di un luna park situato a Silent Hill, dove i carrelli recano il marchio dell’Umbrella: il percorso è già stato stabilito e proprio per questo non potete mai essere sicuri di esservi lasciati il peggio alle spalle. Al contrario, in un gioco che sfrutta un raffinato sistema d’illuminazione come eccezione al buio più totale, tirare il fiato significa solo perdere una buona occasione per guardarsi dietro alle spalle e questo sì potrebbe rivelarsi un errore fatale.