A Volte li ScontanoA Volte li Scontano Vol.5 

Una rubrica che farà la felicità dei videogiocatori meno facoltosi che spesso non se la sentono di acquistare i titoli appena usciti a prezzo pieno. Un meraviglioso excursus approfondito e ricco di dettagli, attraverso i giochi in edizione economica.

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Baldur's Gate + Tales of the Sword Coast

di Simone Tagliaferri

Baldur's Gate 2 + Throne of Bhaal


Linea: Replay

Prezzo: 9,99€

Storico: Oltre ai siti già segnalati per Baldur’s Gate (che riguardano anche Baldur’s Gate 2), eccovene alcuni altri dedicati soltanto a quello che, per alcuni, è il miglior cGDR che sia mai uscito: Return to Trademeet, total conversion tutta italiana che espande di molto l’esperienza di gioco; The Darkest Day, altra eccellente total conversion, questa volta in lingua inglese.

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Baldur’s Gate 2 è semplicemente la versione perfezionata di Baldur’s Gate in cui il nemico diventa il malvagio mago Irenicus (nella versione base… nell’espansione dovrete vedervela con altri figli di Bhaal e con… vabbé, non è bello svelare certi colpi di scena) e, soprattutto, in cui gli elementi di contorno rispetto alla trama principale diventano così preminenti da rendere l’esperienza di gioco vasta ed immersiva a livelli difficilmente raggiunti altrove. Solo Planescape Torment poteva competere, a livello di profondità, con questo seguito che fece letteralmente innamorare gli appassionati. Sarebbe impossibile citare le decine di sottotrame presenti, le molte quest secondarie che spesso s’intrecciano con quella principale, l’emozione di gestire un gruppo di personaggi che, grazie al sistema di script intelligente e dinamico, sono finalmente interessanti e non dei meri compagni di “botte” come succede altrove. In Baldur’s Gate 2 c’è tutto: battaglie contro creature fantastiche e potenti, storie d’amore fra i personaggi, luoghi vasti e interessantissimi da esplorare, nemici nascosti in antri misteriosi… insomma, nulla è lasciato al caso e le situazioni che si presentano al giocatore lungo tutto il corso del suo peregrinare, sono varie e interessanti e, soprattutto, non fanno mai insorgere la noia.
Ah, dimenticavamo di dirvi che è possibile importare i personaggi utilizzati nel primo episodio, cosa buona e giusta che vi permetterà di continuare a far crescere il personaggio che avevate portato avanti con tanto amore (vabbé, non esageriamo).

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Baldur's Gate 2 + Throne of Bhaal

di Simone Tagliaferri

Fahrenheit


Linea: Best of Elite PC

Prezzo: 14.99€

Storico: Delle discussioni infinite scoppiate in seguito all’uscita del gioco ne parliamo nell’articolo. Per il resto c’è poco altro da dire, visto che non esiste materiale extra riguardante Fahrenheit.

Primo Voto Multiplayer.it: 9.2 - Link all'articolo

Di Fahrenheit si è discusso per mesi sui forum di mezzo mondo (e, a dirla tutta, ogni volta che viene citato le discussioni si riaccendono). C’è chi lo ha criticato per la troppa linearità rispetto alle promesse fatte, quando in realtà gli sviluppatori non avevano mai parlato di “struttura non lineare” o altre cose del genere che, invece, furono il frutto di una cattiva comprensione delle parole di David Cage (il game designer del gioco), da parte della stampa specializzata. Insomma, la struttura ad elastico di cui parlava Cage, che consente delle variazioni all’interno di una trama comunque lineare, è stata fatta diventare tutt’altro negli articoli delle varie riviste e siti così da far nascere una serie di aspettative che, ovviamente, non sono state mantenute (perché fasulle, come già detto… ma è sempre meglio specificare). Questo ha fatto nascere una serie di pregiudizi intorno ad un’opera che, comunque la si voglia vedere, ha in sè degli interessantissimi elementi di sperimentazione. In primo luogo la narrativa, con una storia appassionante per almeno la prima metà del gioco (nella seconda parte scade abbastanza, diventando un po’ troppo frettolosa… ma rimane comunque una spanna sopra la maggior parte delle storie narrate in molti videogiochi ben più blasonati), portata avanti con mezzi intelligenti e interessanti (ad esempio l’aver trasformato la claustrofobia di Carla, uno dei protagonisti, in un vero e proprio sottogioco ben integrato nel gameplay). Certo, alcuni problemi ci sono e, volendo, molti aspetti possono indisporre (come ad esempio le sequenze filmate interattive che ricordano dei laser game… anche se, va ammesso che, nonostante la loro elementarità, sono divertenti), è anche vero che si poteva aggiungere qualche enigma in più, ma la sostanza cambia poco… cercate di procurarvi una copia di questo gioco, soprattutto ora che è stato pubblicato a prezzo budget. Non ve ne pentirete e vi troverete a giocare un’avventura grafica appassionante capace di tenervi incollati allo schermo fino alla sua conclusione (che purtroppo arriverà abbastanza presto).

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Fahrenheit

di Simone Tagliaferri

Daemon Vector


Linea: Microforum

Prezzo: 6,99€

Storico:Si tratta di un gioco inedito nel nostro paese.

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Daemon Vector? Che gioco è? Rubbini, ne sai qualcosa? Niente? Me lo sono inventato? Sarà che ultimamente ti ho sognato. Ma no, eppure la scatola è qui davanti a me, quindi in un modo o in un altro dovrà pure esistere. Dopo una ricerca su internet ho scoperto che il gioco esiste, ma che non ha avuto una grande risonanza internazionale. La versione italiana è distribuita da Microforum, società che da anni pubblica giochi a prezzi molto bassi. In effetti ciò che rende interessante questo semplice gioco d’azione che strizza l’occhio ai vari Devil May Cry è proprio il prezzo concorrenziale, che aggiunge valore a quello che, altrimenti, sarebbe un prodotto scarsino sotto diversi aspetti.
In effetti Daemon Vector mostra animazioni sotto la media, texture di qualità altalenante, nemici piuttosto tordi e più di qualche bug… ma al contempo è piuttosto divertente andare in giro ad affettare mostri così come superare i diversi livelli, selezionabili in modo non lineare e conducenti a due possibili finali (4, se consideriamo entrambi i protagonisti). Per il resto c’è tutto quello che normalmente caratterizza il genere: nemici sempre più potenti, armi extra, la crescita dei livelli, gli oggetti bonus da trovare, un negozio in cui fare acquisti di pozioni o armi da lancio e dei boss belli grossi introdotti da filmati di fattura mediocre. Insomma, non dura nemmeno moltissimo, ma per questo prezzo si può acquistare.

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Daemon Vector

di Simone Tagliaferri

Heavyweight Thunder


Linea: Revival

Prezzo: 7€ circa

Storico:Si tratta di un gioco inedito nel nostro paese.

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Un gioco di boxe per PC? Erano anni che non ne vedevo uno… e forse era meglio così. Definire Heavyweight Thunder un prodotto mediocre è falso… Heavyweight Thunder è semplicemente orrendo. Prima di giocare, dato che nella confezione non c’è assolutamente alcun manuale, faccio partire il training accluso nel gioco… peccato che non sia interattivo e, quindi, serva a poco. Capite comunque le combinazioni basilari necessarie per giocare, partiamo con una bella sfida per fare pratica. Dopo l’introduzione dei pugili sul ring, inizia lo scontro e… mmmmm… ma… il mio bestione non risponde ai comandi. Dopo aver preso la prima scarica di mazzate, torno al menù principale con la speranza di essermi completamente bevuto il cervello e di non aver capito cosa stava succedendo sul ring e quali erano i tasti da premere per eseguire alcune mosse. Faccio partire nuovamente il training e tutto diventa chiaro: avevo capito benissimo. Torno al gioco avviando una nuova partita, ripeto alcuni dei movimenti indicati e scopro non solo che il training era incompleto, ma anche che definire il sistema di controllo impreciso è come chiamare Pierpaolo capellone… a fatica riesco a finire il primo match (al tappeto), visto che l’avversario non da tregua e difficilmente riesco a provare i vari tasti di cui ho preso nota. Le combinazioni non funzionano. Riavvio una partita contro un avversario fantoccio… alcune combinazioni non funzionano lo stesso… torno al menù, riguardo per la terza e ultima volta il training… mmmmm… c’è qualcosa che non torna. Avvio un nuovo match… la situazione migliora di poco. Il grosso difetto di Heavyweight Thunder è che stiamo parlando di un gioco arcade e che quindi, dovrebbe fare dell’immediatezza e del divertimento i suoi cavalli di battaglia… peccato che entrambi siano elementi alieni a questa produzione infima che non riesce a fare altro che frustrare il giocatore.

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Heavyweight Thunder

di Simone Tagliaferri

Icewind Dale


Linea: Replay

Prezzo: 9,90€

Storico: Nulla da segnalare.

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Questo mese avremmo anche potuto intitolare la rubrica “A Volte Ritornano”, visto che prenderemo spesso in considerazione primi capitoli e sequel dello stesso marchio. Inoltre riesumare Icewind Dale per riproporlo in formato economico mi fa presagire che il mercato mondiale del marketing videoludico prevede, o forse precede, una nuova ondata di amore per il fantasy classico occidentale.
Naturalmente nulla di tutto questo ha senso e non sapremo mai i motivi per i quali Icewind Dale è nuovamente tra noi, ma cerchiamo per lo meno di capire di cosa si tratti. Ispirato al celebre Baldur’s Gate, reperto archeologico custodito vicino al “metro” a Sèvres, Icewind Dale si propone come un classico GDR dove è l’azione a farla da padrone. Potrei tentarvi citando una narrazione sottile e melliflua, anche se in realtà la trama si mantiene nella media del genere: inizio incerto, un crescendo di minacce e il fatidico epilogo. Dal momento che l’uomo è volubile di natura potete aspettarvi qualche piccolo tradimento, ma per il resto procederete con il vostro party seminando morte, prevaricazione e terrore.
Potendo contare su numerose armi, tecniche d’attacco e misteriosi incantamenti, non è da escludere un certo grado di divertimento per l’immediatezza e la possibilità di gestire i membri del gruppo con comandi personalizzati: no, non cose del tipo “apri la cassa, occhio al goblin, saccheggiala, ti ho detto occhio al goblin, ecco ora fuggi”, ma comunque ben accetti per spaziare oltre la modalità one man army. Per quanto a suo tempo potesse offrire un valido diversivo nei freddi martedì sera invernali, Icewind Dale interesserebbe ora solo i collezionisti o i giocatori in cerca di qualcosa da completare in un weekend privo d’inventiva.

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Icewind Dale

di Andrea Rubbini

Icewind Dale 2


Linea: Replay

Prezzo: 14,90€

Storico: Nulla da segnalare

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

Se avete gradito il primo capitolo o siete in cerca di una sfida più sostanziosa, diciamo che avete davanti una settimana a letto con l’influenza e l’unica cosa che funziona è un piccolo Blueberry, ecco in quel caso sarete felici di sapere che a prezzo da aiuto umanitario è in arrivo Icewind Dale 2. In realtà c’è sotto molto di più, perché con quasi tre anni di anticipo Black Isle Studios ha previsto il celebre “indulto”, da poco attuatosi nel nostro paese. Dovete infatti sapere che la trama prevede nuove minacce che i regnanti credevano oramai sopite, così che per fronteggiarle liberano manigoldi e tagliagole dalle carceri per formare un esercito d’”elite”.
Voi da dove arrivate? Che domande, dovrete creare un party di sei dubbi soggetti (occhio che ci sono pure le mezze razze e ora vi sveleremo il motivo), con i quali viaggiare insieme alla cricca criminale per liberare le città assediate. Come per il precedente episodio, anche questa volta il sistema di gioco segue quelle che erano all’epoca le regole di AD&D, un fattore molto interessante non solo per le implicazioni strategiche che tutta quella mole di dati comporta, ma anche per il valore storico che gli appassionati potrebbero conferire all’uscita di Icewind Dale 2 a distanza di tanto tempo. Da qui la possibilità di selezionare mezze-razze da aggiungere al proprio party, per confrontarsi con lo sconfinato bestiario fieristico che infesta il mondo di AD&D.
Questo naturalmente potrebbe comportare qualche problema per il giocatore contemporaneo che con tutta probabilità si è dimenticato che i giochi di ruolo sono nati sulla carta, in particolare perché non è proprio un’impresa immediata terminare Icewind Dale 2, anche se il pizzico di strategia nel gestire le statistiche e gli incantesimi a disposizione sono un buon antidoto contro l’appisolamento che un titolo così datato potrebbe magari comportare. In definitiva si tratta di una scelta ancora una volta più appetibile per chi già conosce il mondo di AD&D e vuole esplorare una delle sue incarnazioni videoludiche.

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Icewind Dale 2

di Andrea Rubbini

Il Tempio del Male Elementale


Linea: Replay

Prezzo: 14,90 €

Storico: Le regole di D&D alle quali si rifà Il Tempio del Male Elementale sono quelle dell’edizione 3.5
Primo Voto Multiplayer.it: 7,5
Con un nome cosi non so proprio dove vogliano andare quelli di Atari in edizione da mercatino, ma il contenuto ha qualche elemento di pregio che vale la pena analizzare. Avrete capito che a Novembre qui siamo in piena “memorabilia” da Gioco di Ruolo e Il Tempio del Male Elementale è un buon vettore per i nostalgici dell’era passata. In particolare sembra indirizzarsi ai fedelissimi della carta e matita, che hanno passato lunghi inverni alle prese con Dungeons and Dragons e poi di colpo hanno visto un ammutinamento del tavolo da gioco: il titolo Atari è infatti una riproposta il più possibile fedele delle allora vigenti regole che formavano il pilastro normativo di D&D. Parliamo dunque di combattimenti a turni con tabelle, menù, azioni da selezionare e molte, moltissime variabili. Sebbene il tutto risulti macchinoso, com’era d’altronde prevedibile, il fascino resta intatto anche dopo tanto tempo, soprattutto ora che sempre più spesso vengono proposti modelli di gioco nei quali l’azione sembra essere l’unica componente essenziale e la velocità ha spesso la meglio sul pensiero razionale.
Con questo non vorrei incendiare troppo gli animi, perché comunque ore di bui sotterranei e regole per lo più astruse ai profani non sono certo la soluzione che salverà il moderno mercato dei videogiochi, ma conservano comunque un sapore di autenticità apprezzabile. Purtroppo la trama è qualcosa che a malapena terrebbe in stato di veglia un bambino di pochi anni, e questo è piuttosto grave per un gioco che prende ispirazione dal padre dei giochi di ruolo, ma ci sono abbastanza razze da sterminare per non farvi troppo concentrare sugli scarni passaggi narrativi. Interessante per chi ama i combattimenti a turni e il mondo di Dungeons and Dragons.

A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5 A Volte li Scontano Vol.5

Il Tempio del Male Elementale

di Andrea Rubbini

Baldur's Gate + Tales of the Sword Coast


Linea: Replay

Prezzo: 9,99€

Storico: Della saga Baldur’s Gate si è scritto moltissimo e molti la rimpiangono confrontandola con gli ultimi esponenti del genere dei cGDR. Esistono un gran numero di siti dedicati alla saga di Baldur’s Gate in cui sono stati sviscerati tutti gli aspetti del gioco. Eccovene alcuni: il sito ufficiale; Planet Baldur’s Gate , portale omnicomprensivo dedicato a tutta la saga (compresi gli episodi per console); Blacklinx, sito in italiano con moltissime informazioni sulla saga e su molti altri giochi tratti dal mondo di D&D.

Primo Voto Multiplayer.it: N/D

In un’epoca già ampiamente dominata dai giochi 3D (stiamo parlando del 1998), solo Bioware poteva riuscire a proporre un GDR bidimensionale di una tale vastità e raffinatezza. Scenari completamente disegnati a mano, una storia appassionante, decine di ore di gioco e una profondità complessiva degna dei grandi classici del genere. All’epoca della sua prima uscita Baldur’s Gate fu accolto come una specie di messiah per un genere che, ravvivato qualche anno prima da Diablo, stava subendo una svolta action poco gradita dagli appassionati abituati a capolavori come la saga di Ultima. Nonostante il passare degli anni, gli appassionati non hanno mai dimenticato l’emozione dell’entrata a Baldur’s Gate e gli scontri all’ultimo sangue contro gli sgherri di Sarevok, personaggio malvagio quanto carismatico che diverrà utilizzabile nel secondo capitolo della serie, dopo aver installato l’espansione Throne of Bhaal. Il fallimento di Interplay aveva fatto temere la scomparsa di questi capolavori, sempre più difficili da recuperare sul mercato regolare (qualcosa si trovava su Ebay… ma raramente e a prezzi allucinanti)… fortunatamente Atari ha rilevato i diritti di tutta la saga (e in generale di tutti i giochi basati sul motore grafico Infinity) e la sta ripubblicando per la gioia di chi l’aveva persa all’epoca della sua prima uscita (e per la mia che, pur avendoli originali, li tengo come reliquie per cercare di limitare i danni dovuti al passare del tempo). Baldur’s Gate può essere acquistato singolarmente, o all’interno di una raccolta che comprende anche il suo seguito, con relativa espansione. Gli appassionati di giochi di ruolo elettronici che vogliano continuare a definirsi tali, non dovrebbero lasciarsi sfuggire l’occasione di provare questa immensa saga (che prossimamente godrà anche di un terzo capitolo… speriamo all’altezza dell’ottimo Neverwinter Nights 2, il seguito ideale di Baldur’s Gate).
Tales of the Sword Coast è l'unica espansione ufficiale esistente per Baldur's Gate e va ad aggiungere alcune locazioni al mondo di gioco alzando il limite dei punti esperienza. Non essenziale ma un'aggiunta interessante, soprattutto se volete continuare ad utilizzare i vostri personaggi nel secondo episodio.

TI POTREBBE INTERESSARE