ScraplandAmerican McGee presenta: Scrapland 

Abbiamo incontrato il mitico American McGee al momento della presentazione di Scrapland in Italia. Ecco la nostra intervista in esclusiva e la relativa anteprima.

American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland

M.it : Quindi il gioco è strutturato a missioni?
McGee : Si, Scrapland è un gioco strutturato a missioni, circa 140 in totale, alcune saranno un po’ più importanti e necessarie ai fini pratici. Non per questo, Scrapland si dimostra privo di un background o una storia, che al contrario viene sviluppata con alcuni colpi di scena, attraverso le azioni del personaggio principale, ovvero D-Tritus, durante il progredire nel gioco.

M.it : Puoi quantificare la durata del gioco?
McGee : La durata è relativa al modo in cui si gioca, come ti ho già accennato, non ci sono vincoli temporali per svolgere le missioni, ma direi che per terminare Scrapland nel modo più veloce possibile sono necessarie circa 20 ore, per godersi al massimo tutto il gioco e le varie parti si sale intorno alle 35 ore.

M.it : L’implementazione dei veicoli ci sembra una parte importante nel gioco, cosa ci puoi dire a riguardo?
McGee : I veicoli hanno più funzioni, non solo esistono mezzi necessari per raggiungere determinate aree nel gioco, e non solo potete impadronirvi di qualunque veicolo all’interno della scena, ma uno degli aspetti più interessanti riguardo ai veicoli è la possibilità di poterli modificare e personalizzare. Raccogliendo parti sparse per il mondo, comprando pezzi adatti a “truccare” il veicolo, scegliendo le armi da poterci montare e cosi via. Ovviamente potrete tenere i vostri veicoli in un garage virtuale e di conseguenza potrete anche utilizzarli nelle modalità online del gioco. Sviluppare il proprio mezzo, meglio di altri, potrebbe essere molto utile nei deathmatch..

American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland

M.it : Scrapland è previsto per PC ed Xbox, ci sono differenze tra le versioni?
McGee : Le due versioni sono essenzialmente uguali, vi sono solo differenze minori, relative alla risoluzione delle texture per quello che riguarda gli aspetti grafici, e l’introduzione (facoltativa) di un “autolock” del bersaglio, tramite il trigger destro del pad, per quello che riguarda la meccanica di gioco. Come modalità online, invece, non vi sono differenze.

M.it : Sono previste espansioni o add-on per Scrapland, tramite Xbox Live o download su Pc?
McGee : Nella versione PC, sono previste delle tools o editor, per permettere agli utenti di creare le proprie mappe, veicoli o creare nuove armi. Per la versione Xbox attualmente non ci sono download content programmati.

M.it : Puoi parlarci dell’ Intelligenza Artificiale nei vari personaggi del gioco?
McGee : Durante lo sviluppo di Scrapland, abbiamo cercato di creare un sistema di IA che permettesse ai personaggi non giocanti, nemici o compagni che fossero, di ottenere una propria personalità. In pratica vedrete che ogni tipo di personaggio o veicolo nemico avrà un particolare modo di comportarsi nei combattimenti, o di muoversi nell’area di gioco. Il risultato è veramente interessante, anche se ad esempio si resta fermi ad osservare lo schermo, il resto del mondo ricreato in Scrapland continuerà a muoversi, conversare e “vivere” attorno a voi. Ad esempio, se succederà qualche cosa di illegale, la polizia interverrà e cosi via… Le reazioni dell’ AI rispetto alle vostre azioni nel gioco non saranno sempre le stesse, ma abbiamo implementato diversi modi, diverse reazioni e non sarà semplice prevederle tutte.

M.it : Una piccola risposta “aperta” .. La tua parte preferita in Scarpland?
McGee : Difficile isolare una parte precisa da preferire alle altre, direi che tra gli aspetti che preferisco, ci sono l’attenzione ai dettagli, insieme alla cura con cui il mondo di Scrapland è stato realizzato. Tutto questo si traduce nella caratteristica basilare per un gioco, ovvero il divertimento. Giocare a Scrapland con la sua struttura aperta, fondata sulla libertà di movimento, accessibile nel suo complesso da subito, e l’eliminazione di alcuni degli aspetti frustranti presenti in altri giochi, per me è sicuramente l’aspetto più importante.

American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland

M.it : Nei prossimi mesi ci avvicineremo alla presentazione delle nuove console, per le cosiddette next generation qual'è la tua visione per il futuro nel mondo dei videogiochi?
McGee : Le prossime generazioni di console, come lo stesso mondo Pc, si stanno spingendo in maniera sempre più convinta verso il mondo online, soprattutto combinato con altri tipi di device multimediali, ad esempio il supporto delle HDTV, dei device mobile, o delle televisioni interattive. Il progresso tecnico nelle varie piattaforme sarà sempre costante, e questo permetterà di ottenere giochi sempre migliori, con grafica, fisica e IA più avanzate, ma le vere innovazioni delle prossime generazioni di console saranno basate sull’interazione con altri supporti multimediali.

M.it : Ultima domanda sempre riferita al futuro, c’è qualcosa in particolare, che i vari team di sviluppo, vorrebbero implementato o migliorato nelle prossime piattaforme?
McGee : E’ una bella domanda, dal punto di vista personale, uno degli aspetti che vorrei vedere superato, è il problema dell’ “interazione” con i giochi. Una delle differenze più evidenti tra pc e console è, ad esempio, la diversità tra le periferiche di controllo, mouse e tastiera piuttosto che joypad, ma questa è solo la punta dell’iceberg.

Stiamo arrivando al punto che i metodi di controllo disponibili non sono adeguati per interagire in un mondo realmente tridimensionale

Stiamo arrivando al punto che i metodi di controllo disponibili non sono adeguati per interagire in un mondo realmente tridimensionale. In questi ultimi anni, si sta cercando di utilizzare nuove soluzioni, come il supporto vocale in-game, o lo stesso eye toy di Sony, senza dubbio per uno sviluppatore, sarebbe importante trovare una soluzione comune tra le varie piattaforme ed altrettanto efficace per tutti i giochi e giocatori.

Ringraziamo American McGee e Koch Media per la disponibilità e per l'opportunità offertaci.

American McGee presenta: Scrapland

Dopo l’intervista abbiamo assistito alla presentazione stampa del gioco, che tra le altre cose troverete da scaricare direttamente nell’area Files, con lo stesso American McGee che giocando, mostrava alcune delle caratteristiche di Scrapland.

E ora seguiteci nell'anteprima di Scrapland (a pagina 3 dello speciale)!

Scrapland: il gioco

Il titolo sviluppato dalla Mercury Steam, e distribuito dalla KOCH Media, è ambientato in un universo futuristico, precisamente in una città denominata Chimera in cui la totalità della popolazione è formata da … robot!
Da qui non ci stupiremo nello scoprire che il protagonista di Scrapland è proprio un robot, chiamato D-Tritus. L’impostazione del gioco è basata su canoni molto simili a quelli visti in GTA, il giocatore si troverà infatti immerso in un vastissimo mondo virtuale, in cui potrà muoversi liberamente ed interagire con un numero spropositato di personaggi non giocanti.
L’ambientazione è fortemente ispirata ai più disparati racconti e film di fantascienza, genere di cui il team di sviluppo, ed in particolare lo stesso American McGee, va pazzo. In Scrapland troveremo dunque una grande varietà di ambienti, non solo limitati alla realizzazione di spazi aperti, ma anche all’interno di moltissime costruzioni, fattore che aggiunge una notevole profondità al gioco.

American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland

Lunga vita ai Pixel Shader...

La realizzazione tecnica di Scrapland è senza dubbio eccellente, sia per il risultato grafico raggiunto, sia, cosa da non sottovalutare di questo periodo, l’ottimizzazione dell’engine che non richiede pc dell’ultimissima generazione per girare ad ottimi livelli. Le aree esterne, ovviamente, sono quelle meglio realizzate, unendo una buona complessità poligonale e texture ad alta risoluzione, ad un campo visivo particolarmente vasto.
A seconda delle schede grafiche, potrete comunque godere di una considerevole quantità di dettagli, dal più classico bump mapping, alle luci dinamiche, ombre in real time, self-shadow, un sistema di skinning animation nella realizzazione di capelli e vestiti, supporto ai pixel shader e molto altro ancora. Nota di merito per gli effetti generati dai motori delle navicelle e dalle esplosioni, che sono veramente ben implementati.
Scrapland non propone solo la campagna single player, sono selezionabili anche modalità multigiocatore, dai classici deathmatch, agli scontri a squadre o capture the flag.
Inoltre potrete utilizzare nelle sessioni multi player, i propri veicoli sviluppati e personalizzati, durante la modalità offline. Il multiplayer, Lan ed Online, è supportato sia dalla versione pc che da quella Xbox, fino ad un massimo di 16 giocatori. A questo punto non resta che attendere la recensione di Multiplayer.it, che non si farà aspettare poi molto.
Stay Tuned!

American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland American McGee presenta: Scrapland

Un furto qui, un combattimento là..

Le possibilità di azione offerte al giocatore, sono numerose, e di certo non limitate al solo furto o combattimento tra astronavi, ma prevedono, anche una serie di interazioni aggiuntive tra D-Tritus ed il resto della “popolazione” di Scrapland.Citare tutte le possibili situazioni che andremo a vivere sarebbe improponibile durante questa anteprima, ma per darvi un’idea posso dirvi che il nostro personaggio potrà rapinare delle banche, rubare degli oggetti su commissione, fare gare e corse, illegali of course, tra astronavi, provocare risse, fronteggiarsi con le forze di polizia e molto altro. Un esempio, che merita di essere riportato, è la possibilità di poter, letteralmente, scaricare tramite particolari terminali sparsi nei livelli, le “identità e le caratteristiche” di altri robot, in totale 15, sfruttando quindi le loro abilità per superare determinate missioni.
Il gioco come già detto è strutturato in missioni, la particolarità interessante è la loro implementazione. Infatti come specificato da American McGee, le “quest” o “missioni”, che dir si voglia, saranno tutte orientate all’azione,senza i banali puzzle, come le ricerche di persone o chiavi e come utilizzare un certo oggetto. Caratteristica fondamentale per Scrapland è la costante informazione fornita dal gioco. Potrete infatti usufruire di notizie dettagliate, aggiornamenti sullo status della missione o mappe interattive, che eviteranno di perdersi all’interno del mondo virtuale, puntando sempre sul grado di soddisfazione e divertimento del giocatore.
Rubare i veicoli non è il solo modo di procurarsi un mezzo migliore, anzi, tra le feature di Scrapland c'è quella di poter customizzare, sia esteticamente sia nel tipo di armi o nelle prestazioni, le varie astronavi.
Un fattore aggiuntivo che spingerà il giocatore a portare a termine il maggior numero di missioni possibile, per guadagnare il credito necessario agli upgrade.
L’area di gioco realizzata in Scrapland è estremamente popolata sia nelle strade che negli edifici, vedrete numerosi personaggi e numerose astronavi, che grazie alla validissima Intelligenza Artificiale, realizzata dai Mercury Steam, offriranno un elevato grado di interazione.

La realizzazione tecnica di Scrapland è senza dubbio eccellente, sia per il risultato grafico raggiunto, sia, cosa da non sottovalutare di questo periodo, l’ottimizzazione dell’engine

[VIDEO=325.310.d.s]http://www.multiplayer.it/streaming/presentazionescrapland_streaming.wmv[/VIDEO] Pochi giorni fa, in una autunnale giornata a Milano, abbiamo avuto l’occasione di intervistare American McGee, venuto alla ribalta grazie al suo contributo nei più famosi titoli Id-Software, come i vari episodi di Doom e Quake, ma soprattutto con il recente American McGee's Alice, attualmente al lavoro su di un altro titolo decisamente interessante quanto atipico, ovviamente parliamo di Scrapland. Bando alle presentazioni pressoché banali, ed iniziamo con le domande.

Multiplayer.it : Da quanto tempo Scrapland è in sviluppo?
American McGee : Circa due anni, contando il lavoro di pre produzione e pianificazione sulla carta.

M.it : Scrapland in più di un’occasione è stato messo in relazione ad uno dei titoli di maggiore successo di questi ultimi anni, ovvero a GTA, ci puoi parlare delle similitudini tra i due giochi?
McGee : Scrapland ha molti aspetti in comune con titoli come GTA o Simpson: Hit and Run, il più evidente è la grande libertà di azione e di movimento all’interno del gioco. Tutorial a parte, in qualunque momento del gioco, il nostro personaggio sarà libero di muoversi per tutto il mondo virtuale ricreato in Scrapland. Come potrai immaginare, un tipo di struttura estremamente aperta come questa, offre notevoli possibilità al giocatore.

Scrapland ha molti aspetti in comune con titoli come GTA o Simpson: Hit and Run, il più evidente è la grande libertà di azione e di movimento all’interno del gioco
Sarete liberi di impadronirvi di qualunque veicolo presente nell’area, di combattere con qualunque personaggio, oppure di iniziare una missione quando lo vorrete, senza essere costretti da una sorta di “percorso obbligato”. Ad esempio se vi siete stancati o non riuscire a portare a termine un compito, potrete tranquillamente interromperlo, magari tornandoci in un secondo momento, senza che vi compaia li più classico dei Missione Fallita o Game Over.