Animal Crossing: Let's Go to the CityAnimal Crossing: City Folk - Provato 

Nintendo ci riporta nel colorato e magico mondo di Animal Crossing..voi venite con noi?

Muoviti! Anzi no..

La prima cosa che infatti si nota giocando a City Folk è la totale assenza di supporto per il Wiimote, reso totalmente inutile nelle sue funzioni di movimento. Seppur questo è già accaduto con altri giochi come ad esempio Fire Emblem è impensabile che un titolo che ha nel suo gameplay azioni quali pescare, cacciare farfalle con un retino o scuotere alberi non riesca a sfruttare le potenzialità del sensore di movimento. Sarebbe bastato veramente poco pensandoci per rendere questo capitolo della saga un po’ più “next gen”, e la riprova la si ha nella grafica, rimasta invariata rispetto a quella del prequel su Gamecube: va bene che l’aspetto fumettoso ed allegro del gioco è decisamente azzeccato e piacevole alla vista, ma almeno un po’ più di cura nelle texture in generale si poteva prestare. Sia chiaro, City Folk è un gran bel gioco, i suoi problemi però derivano dallo scarso rinnovamento portato a questo capitolo della serie, che farà sicuramente storcere il naso a chi ha già giocato ai precedenti. Per il resto tutte le meccaniche di gioco rimangono fondamentalmente invariate: arriveremo nella nostra nuova città, della quale dovremo sceglierne il nome, l’ormai conosciutissimo Tom Nook (una specie di procione che gestisce il supermarket del villaggio) ci venderà a caro prezzo una piccola casetta in una locazione a nostra scelta che starà poi a noi arredare ed ampliare e faremo la conoscenza degli altri abitanti del villaggio, ognuno con i propri gusti e le proprie esigenze. Gli scopi del gioco poi sono molteplici, e variano dal fare favori ai concittadini per farseli amici e ricevere oggetti in dono, aiutare il museo collezionando pesci, fossili e farfalle ed in generale mantenere l’ordine e la pulizia nella città togliendo le erbacce e coltivando fiori. Come al solito è presente il classico ciclo giorno/notte che rispecchia quello reale, quindi l’ora effettiva nel villaggio è la stessa corrente nel nostro mondo.

Animal Crossing: City Folk - Provato Animal Crossing: City Folk - Provato Animal Crossing: City Folk - Provato

Aggiungi un posto a tavola che c'è un procione in più

Leggendo una descrizione di questo tipo Animal Crossing può sembrare il gioco più ripetitivo mai creato, invece, come può confermare chi ha avuto il piacere di giocare i capitoli precedenti, ogni giornata nello strano mondo di questa serie porta con sé una ventata di novità sotto forma di oggetti nuovi in vendita al negozio, di cittadini che partono e di altri da conoscere che arrivano, la continua voglia di rinnovamento, di riarredare la propria casa seguendo uno stile piuttosto che un altro..insomma, ogni giornata sarà sempre diversa dalla precedente. Se a ciò poi ci aggiungiamo particolari feste e sagre con determinati personaggi che compariranno ad una certa ora di un certo giorno troviamo una copertura di eventi annuale, che ci spinge a far visita al nostro paesino anche solo per vedere cosa combinano gli animali del villaggio. Ma City Folk per fortuna qualche novità la porta con se, come ad esempio il supporto del microfono per parlare con i nostri amici nelle sessioni in multiplayer: è infatti possibile visitare via Wi-Fi connection le città dei nostri amici, oppure ospitarli per qualche ora nella nostra. E' così possibile dare una valutazione alle case altrui e riceverne una, scambiarsi oggetti di arredo o di abbigliamento e molto altro ancora, inoltre per la prima volta nella serie è presente la possibilità di prendere un autobus e di fare visita ad una sorta di grande piazza nella quale troveremo molti negozi nei quali fare spese.

Animal Crossing: City Folk - Provato Animal Crossing: City Folk - Provato Animal Crossing: City Folk - Provato

Uno sguardo al futuro

Tirando le somme, Animal Crossing: City Folk con la sua collaudata formula di gioco non deluderà i fan della serie ma nemmeno i neofiti, che si troveranno di fronte una nuova esperienza di gioco e un nuovo mondo totalmente da scoprire. Rimane tuttavia per ora il rimpianto di non aver sfruttato minimamente le potenzialità della Wii, primo fra tutti il suo rivoluzionario sistema di controllo che, con un po’ di fantasia, sarebbe potuto diventare il divertimento principale del gioco. Per il resto tutto sembra funzionare, a partire dalla caratterizzazione dei personaggi fino all’azzeccatissimo supporto per l’online. Sperando di ritrovare un altro capitolo della saga su Wii, questa volta veramente rivoluzionario, non resta che “accontentarci” di questo City Folk, che scommettiamo saprà regalare nonostante tutto molte ore di divertimento a grandi e piccini.

Animal Crossing: City Folk - Provato Animal Crossing: City Folk - Provato Animal Crossing: City Folk - Provato

TI POTREBBE INTERESSARE