Beach Life  0

Per chi è rimasto nelle assolate città con la sola prospettiva di trascorrere l'estate troppo lontano dalle spiaggie e dal mare, Beach Life potrebbe apparire come un autentico miraggio: un gioco gestionale dove i programmatori sono riusciti a fondere gli elementi tipici dei titoli del genere con quelli che hanno fatto la fortuna di The Sims . Alessandra Tomasina, la nostra Baywatch del cuore, ha cominciato ad indagare le potenzialità del gioco e ci ha regalato una soleggiante anteprima ...

Una..."simulazione da spiaggia"...

A tale scopo, avremo a disposizione un’ampia scelta di scenari esotici e incontaminati in varie parti del mondo, almeno una dozzina di isole diverse tra loro, e tutto il necessario per rendere il soggiorno dei nostri clienti piacevole e indimenticabile: potremo costruire più di una cinquantina di strutture tra bungalows, bar e ristoranti, discoteche, negozi di souvenir, impianti sportivi e piscine. Per garantire il divertimento degli ospiti, dovremo offrire attività e attrezzature di ogni tipo, dalle escursioni subacquee al noleggio di pedalò e moto d’acqua, oltre che organizzare eventi quali tornei sportivi, party, barbecue sulla spiaggia, concorsi di bellezza, crociere e persino gare di “maglietta bagnata” (tradizionale intrattenimento estivo americano).
Il tutto condito dalla tanto agognata vita da spiaggia, magari da un amore estivo e da fiumi di alcol, perché anche una bella sbornia può fare la felicità dei nostri clienti!

Per il Voyeour che c'è in ognuno di noi

Il business, infatti, non è tutto in questo gioco: l’ideatore Ian Irving, presidente esecutivo di Eidos il cui nome è già stato reso noto da Warhammer e altri titoli di successo, lo ha descritto come una spassosa esperienza di “people watching”, ovvero di osservazione della vita artificiale alla The Sims, nonché un’irriverente parodia delle brutte abitudini dei vacanzieri. Ciò significa che, oltre a costruire il nostro villaggio turistico, fissare i prezzi e assicurare l’intrattenimento degli ospiti, potremo anche divertirci a guardarli mentre se la godono in spiaggia o in discoteca, prendendo il sole, ballando, bevendo, abboffandosi, scherzando e flirtando tra loro.
Non mancheranno neppure i rischi che comporta una vera vacanza: sbronze e indigestioni a parte, verranno simulati anche pioggia e tempeste, attacchi di squali e problemi tecnici di varia natura (come per esempio spiacevoli ingorghi dei servizi igienici!). Per poter soddisfare ogni bisogno dei nostri ospiti virtuali e garantirne la sicurezza e il benessere (in poche parole, per accertarci che spendano spensieratamente), dovremo avvalerci di staff specializzato: uno stuolo di animatori, dj, bagnini, sorveglianti, camerieri e tecnici.

Spiaggie, sole e abbronzature virtuali!

Il concept del gioco promette bene, ma cosa dobbiamo aspettarci dalla realizzazione tecnica? A giudicare dalle dichiarazioni di Eidos e dalle prime immagini messe in circolazione (che potete ammirare in queste pagine), si direbbe proprio che Beach Life non si presenti solo come una simulazione relativamente originale ma anche molto ben confezionata. Malgrado i modesti requisiti di sistema, la sua veste grafica promette di essere vivace e dettagliatissima: le strutture da costruire saranno ricche di particolari, la superficie dell’acqua rifletterà la luce del sole, col calare della notte i nostri villaggi si accenderanno di mille luci e insegne sfavillanti; gli ospiti verranno portati in vita grazie ad animazioni realistiche e divertenti: li vedremo stendere gli asciugamani sulla spiaggia, ronzare intorno alle bellezze locali e avvicinare la sedia al tavolo del ristorante quando si accomodano per mangiare.
Attraverso una semplice interfaccia punta e clicca, avremo la possibilità di accedere a tutte le opzioni del caso: in ogni momento, potremo verificare il grado di soddisfazione e le esigenze dei nostri clienti, esaminando ogni statistica possibile e immaginabile, come il livello di alcol o bruciature, l’opinione sulla qualità e i prezzi dei servizi che offriamo, i contanti a loro disposizione e addirittura una graduatoria delle tre cose che desiderano maggiormente in una vacanza! Altrettante statistiche saranno alla nostra portata per valutare il rendimento e lo stato degli edifici e delle attrezzature del villaggio. Anche la gestione del personale sarà piuttosto intuitiva.

Spiaggie, sole e abbronzature virtuali!

Per quanto riguarda il sonoro, non mancheranno realistici effetti d’ambiente che ci consentiranno di godere appieno delle splendide ambientazioni tropicali – si pensi allo sciabordio delle onde, ai richiami dei gabbiani o al caratteristico suono dei grilli nelle calde serate estive. Un ulteriore tocco di classe è dato dalla presenza di un lettore MP3 integrato, chiamato GipAmp, che permetterà di ascoltare liberamente le tracce musicali del gioco ma anche di farsi una colonna sonora personalizzata…quindi, nessuno potrà impedirvi di giocare al ritmo contagioso dei Beach Boys o di Valeria Rossi, immaginando di essere veramente sdraiati su una spiaggia assolata!
Ma non è finita qui, Beach Life ha da offrire un’altra chicca per curiosi e aspiranti paparazzi: la modalità Voyeur, che ci da la possibilità di spiare e immortalare tutti i nostri clienti in foto, con tanto di teleobiettivo. Non so se verrà contemplata anche un’opzione “Ricatto” per cavare qualche altro soldo agli ospiti colti nelle situazioni più compromettenti! Per saperlo, non mi resta che attendere con impazienza l’uscita del gioco, che un po’ di voglia d’estate me l’ha fatta venire a dire la verità, soprattutto in considerazione del fatto che nella mia città sta grandinando in questo preciso momento…

Una..."simulazione da spiaggia"...

Voglia di sole, di mare, partite di beach volley e grigliate sulla spiaggia? Se per un motivo o per l’altro vi tocca rimanere in città o siete già stati in vacanza quest’estate, non vi resta che attendere speranzosi l’uscita di questo titolo dalla tematica decisamente invitante, prevista per la seconda metà di agosto. Virtual Resort: Spring Break, che sarà distribuito sul mercato europeo col titolo di Beach Life, è un’insolita simulazione che fonde la meccanica di giochi gestionali “spensierati” come Theme Park e gli elementi che hanno fatto il successo di The Sims. Il compito del giocatore infatti è quello di creare e gestire villaggi turistici e stazioni balneari su splendide isole tropicali, con un occhio di riguardo per l’intrattenimento e la soddisfazione dei propri ospiti, che potranno essere seguiti in ogni momento delle loro spensierate giornate di vacanza.