Capcom Gamers Day - Coverage  15

Il Capcom Gamers Day ci ha finalmente mostrato diversi titoli di cui si era visto ben poco e soprattutto ha esplicitato il mantra dell'azienda di Osaka per gli anni a venire: più giochi (e più conversioni) per tutti!

Il CGD è stato l'occasione per toccare con mano titoli molto attesi, nuovi franchise di sicuro successo, porting obbligati, un mucchio nutrito di vecchie conoscenze e sequel di prammatica pronti ad invadere impietosamente cellulari e console portatili.
Non c'è stato purtroppo nessun annuncio bomba. Il gentilissimo PR Capcom Sam Brace, nonostante fosse stato ammorbidito da numerosi mojito, ha rivelato nulla di quanto tutti speravamo venisse mostrato. Presenti quindi Devil May Cry e Resident Evil: Umbrella Chronicles, assenti (ingiustificati) Dead Rising 2 e Resident Evil 5.
Questo non vuol dire che l'evento non abbia avuto nulla da dire, tutt'altro! Abbiamo potutto giocare con due dei titoli più attesi per Nintendo Wii, il già citato Umbrella Chronicles e Project Treasure Island Z, testare la bontà del remote controller per Resident Evil 4, ammirare le pregevolezze DirectX 10 di Lost Planet PC e letteralmente non vedere l'ora che siano disponibili per il download Super Street Fighter II Turbo HD Remix e Super Puzzle Fighter II Turbo HD Remix.
Inoltre sul lato delle nuove acquisizioni di proprietà intellettuali sono stati annunciati MotoGP per PS2 e Harvey Birdman Attorney at Law, quest'ultimo remake in chiave parodistica del best seller Ace Attorney.

Capcom Invasion Day

Ma oltre ai titoli presentati, il CGD è stato importante perchè attraverso le parole di Mark Beaumont, executive vice president, Christian Svensson, senior director di Capcom Digital Initiative e soprattutto Keiji Inafune, capo del settore ricerca e sviluppo e producer di (tra i tanti) Dead Rising, Lost Planet e Onimusha, si sono finalmente palesate le linee guida dei prossimi anni di Capcom. Il futuro della casa di Osaka si riassume in un semplice concetto: arrivare a tutti, aumentare al massimo il proprio mercato.
Mark Beaumont ha detto che Capcom cercherà di fare ciò producendo giochi sempre più western driven, titoli cioè più vicini alla sensibilità e a tematiche delle nostre parti che della terra del Sol Levante.
Inoltre ha confermato la strategia di produzione di titoli multipiattaforma (Devil May Cry 4 e Lost Planet ne sono un esempio) e quella dell'acquisizione di proprietà intellettuali per lo sviluppo di titoli su licenza.
L'intento quindi è solo uno. Diversificare il più possibile il proprio portfolio di prodotti. [C]

Capcom Gamers Day - Coverage
Mark Beaumont

Capcom Gamers Day - Coverage
Christian Svensson

Capcom Gamers Day - Coverage
Keiji Inafune

[/C] Keiji Inafune, con un piglio a metà tra il guru e il general manager, ha ovviamente confermato questo indirizzo strategico, aggiungendo che il core business di Capcom è quello di fare giochi per tutti i continenti, per incontrare il gusto di tutti i giocatori, affidandosi per questo a team di sviluppo sia interni che esterni.
Ha poi affermato il valore dei prodotti multipiattaforma che beneficiano dell'internal framework di Capcom, per lo sviluppo simultaneo di titoli per tutte le piattaforme.
Ma la parte più controversa del suo discorso è stato quando ha ricordato la missione di Capcom, cioè quella di rischiare e creare sempre e comunque nuovi titoli.
Ma allora come si concilia tutto ciò con le conversioni di tutto il convertibile, sequel a pioggia e giochi su licenza?

I giochi, parte 1

Per quello che riguarda i titoli (ovviamente seguiranno articoli dedicati), nonostante la brevità delle demo a disposizione, si sono potuti fugare molti dubbi e apprendere succose novità.
Il piatto forte, Devil May Cry 4, pietra dello scandalo e emblema del nuovo corso Capcom era giocabile. Purtroppo solo a partire dal primo maggio si potrà parlarne più estensivamente.
Umbrella Chronicles e Resident Evil IV Wii Edition hanno mantenuto le promesse fatte.
Il primo è (solo) un solido sparattutto su binari, ottimamente realizzato e sinceramente terrorizzante. Il secondo è la conversione definitiva del bestseller per il Cubo.
Principe dell'evento è stato Project Treasure Island Z di Masachika Kawata, vera sorpresa dello show. Chi ha giocato allo sfinimento le vecchie avventure Lucas non potrà non amare alla follia questo gioco che sembra essere un capolavoro di inventiva e giocabilità.

I giochi, parte 1

Altri titoli interessanti sono stati i due giochi di MegaMan per DS, Megaman ZxAdvent e Megaman Starforce, entrambi sviluppati dal variopinto e biondissimo Takeshi Horinouchi.
I due titoli celebrano il 20° compleanno della simpatica mascotte Capcom.
Zx Advent è un classico platform bidimensionale che fa delle trasformazioni del protagonista il punto forte delle meccaniche di gioco. Starforce invece, sulla scia di Pokemon, invoglia il giocatore a giocare in multiplayer affidandosi al brother band system, coordinando una squadra di 6 amici.

I giochi, parte 2

Lost Planet per PC, besteseller di Inafune su X360 è planato su PC mostrando i muscoli corroborati da pesanti iniezioni di DirectX 10 sotto Windows Vista. Il gioco che girava su un enorme case Dell dotato di 8800 GTS con 2 GB di ram, era ad una prima occhiata indistinguibile dalla controparte console.
Giocandoci invece si constatava come la potenza bruta della scheda video viene messa al servizio di effetti di luce e effetti particellari meglio realizzati e di fori di proiettile non più semplici bitmap ma interamente poligonali. Poca roba ma di sicuro effetto.

I giochi, parte 2

La folta pattuglia di titoli handheld comprendeva due seguiti molto attesi, Ace Attorney Trials and Tribulations in cui potremo nuovamente vestire i panni dell'avvocato dalla folta chioma e Monster Hunter 2 Freedom, RPG per PSP di straordinario successo che ci permette di creare i nostri hunting parties per cacciare la fauna più disparata.
La regola del sequel è sempre quella, more of the same! e in questo MH2F non si batte: 700 nuove armi, un migliaio di nuove componenti per le armature e soprattutto più di 100 ore di gioco per sviscerare il titolo fino in fondo. Se a questo aggiungiamo contenuti extra scaricabili, ne esce fuori un quadro decisamente positivo.
Anche i cellulari sono terra di conquista per Capcom, che ha presentato titoli come Street Fighter 2, Mega Man II e ShadeII, interessante e vastissimo MMORPG.

E in download?

Il multipiattaforma era presente anche per i titoli in download per Xbox Live Arcade, Playstation Network e PC con titoli come Super Street Fighter II Turbo HD Remix, Super Puzzle Fighter II Turbo HD Remix, Rocketmen: Axis of Evil e Talisman.
I primi due hanno bisogno di poche presentazioni. In questa loro nuova incarnazione hanno subito un revamping grafico ad opera dei disegnatori di Udon Comics, autori del fumetto ufficiale.
Inoltre entrambi gireranno a 1080p.

E in download?

Talisman è invece un remake di un vecchio boardgame uscito più di 20 anni fa. Fino a quattro giocatori potranno sfidarsi in questo singolare RPG di stampo fantasy.
Sempre gli anni '80 lasciano il segno con Rocketmen: Axis of Evil, sparatutto realizzato dai ragazzi di Crimson Skies, in cui il gameplay ben collaudato di uno Smash TV viene mixato con blande pretese RPG come la scelta della classe e della razza del protagonista e il levelling progressivo dello stesso.
Alla fine il Capcom Gamers Day ha mantenuto quanto promesso. E' mancato però il botto finale visto che i seguiti più attesi hanno malinconicamente disertato lo show.
Comunque, oltre ad alcune chicche più o meno annunciate, si sono definitivamente rese chiare le strategie di Capcom.
I fanboy sono avvisati.
E ora, rullo di tamburi... nella prossima pagina c'è la nostra intervista a Keiji Inafune!

Due chiacchiere con Keiji Inafune

Multiplayer.it: Finalmente la PS3 è disponibile in tutto il mondo. Sony ha annunciato il Playstation Home Network. Pensi che questa potrebbe essere la chiave per riguadagnare quelle posizioni perse da Sony negli ultimi tempi?
Keiji Inafune: Voglio rispondere da semplice utente. Il vero problema sta nel prezzo. La PS3 è troppo costosa. Il costo è decisamente un limite. Sony dovrebbe concentrarsi nel fare più giochi possibili e diffondere la console.

Multiplayer.it: Allora sei contento del prezzo del Nintendo Wii...
Keiji Inafune: E' di sicuro un ottimo prezzo, diciamo che sono felice del price tag scelto da Nintendo. A parer mio però dovrebbe costare ancora un pochino di meno.

Multiplayer.it: Devil May Cry è ufficialmente un prodotto multipiattaforma. Vedremo mai Dead Rising e Lost Planet su PS3?
Keiji Inafune: Il nostro obiettivo è quello di vendere più giochi possibili su tutte le piattaforme possibili. Non abbiamo convertito LP e DR solo perchè Sony non ci ha fornito in tempo i kit di sviluppo. Riguardo a future conversioni purtroppo non posso dirti nulla.

Multiplayer.it: Tra tutti i titoli presenti oggi, qual è il tuo preferito?
Keiji Inafune: Di sicuro Project Treasure Island Z. E' certamente il titolo più originale, coinvolgente e divertente, e propone un elevato tasso di sfida. Ma la cosa più importante è che il titolo è quello che sfrutta meglio le enormi potenzialità del controller.

Multiplayer.it: Su cosa stai lavorando ora?
Keiji Inafune: Attualmente non ho nessun progetto in lavorazione. Il mio compito in Capcom è quello di insegnare ai giovani producer lo sviluppo di titoli sempre più originali e coinvolgenti.

Ringraziamo Keiji Inafune per la disponibilità e la cortesia.

All the way to Frisco

Dopo 13 ore di volo e con pochissimo tempo a disposizione per digerire le 9 ore di fuso di differenza è scattato l'evento primaverile della casa di Street Fighter.
Percorso a piedi, un salitone dove tutti aspettavamo un inseguimento serrato tra una Dodge Charger nera e una Mustang verde del 69, nella elegante (?!) cornice del Broadway Studios tra uno stripbar e un cinema osè, Capcom ha mostrato alla stampa mondiale tutti o quasi i nuovi titoli in uscita nel 2007.