Diario del CapitanoDiario del Capitano 

Diario del Capitano

E' l'ultimo guerriero. L'ultimo samurai, alla faccia di Tom Cruise. L'ultimo vero combattente nell'industria dei videogiochi. Alla veneranda età di settantasette anni Hiroshi Yamauchi continua a dire la sua, con il suo stile da uomo dell'800 proiettato nel giappone moderno, e son bacchettate per tutti, come sempre. L'ex imperatore di NCL, nonchè sovrano assoluto dell'industria dei videogames, non smette di stupire e spara nuovamente a zero in un'intervista concessa proprio oggi in Giappone, di cui trovate la traduzione a quest'indirizzo:

Silenzio: parlano Iwata e Yamauchi

E c'è una bella differenza tra il 'nonno d'acciaio' (ringrazio Kero-Chan dal forum per la fantastica definizione) e Satoru Iwata, attuale, e ben più pacato e riflessivo, presidente di NCL. E proprio per la sua indole sanguigna il grande vecchio è una persona che o si odia o si ama: non le manda a dire, le dice e basta. E le dice in modo tutto suo. Ma al di là delle simpatie e antipatie personali, è impossibile ignorare le sue dichiarazioni. Perchè Yamauchi è ancora oggi il personaggio più importante e influente dell'intera industria dei videogiochi. Con buona pace per i detrattori.

Mauro Fanelli, responsabile editoriale area Console.

- Commenta questo Diario sul nostro Forum! -

TI POTREBBE INTERESSARE