Diario del CapitanoDiario del capitano 

Diario del capitano

Postmortem alla bistecca perduta

Oggi si decide il futuro di uno dei beni più cari dell'umanità. Una di quelle cose scoperte dell'uomo dall'alba dei tempi, quando andava in giro con il coltello di selce. Di cosa sto parlando? Sto parlando della bistecca con l'osso. Abbiamo qui oggi con noi un testimone del dramma che vige a Firenze da qualche giorno, Leonardo Miliani. Ci raccontava poc'anzi l'immagine bucolica di mucche pascolanti che brucavano erbetta verde lungo l'autostrada A1. Ebbene oggi verrà decretato dal Ministro della Sanità se spolpare un osso con la carne intorno fa male. Rendiamoci conto subito delle difficoltà che ci si parano di fronte nelle prossime settimane. Il nostro cane non sarà più felice, non potremo più alzarci dalla sedia impugnando una bistecca come un martello, non sarà più possibile continuare a rosicchiare gli ultimi grammi di carne rimasti nascosti in qualche pertugio dell'osso. Non più. Oggi non potremo più distinguere tra fettina e bistecca e tutto sembrerà uguale. Vorrà dire che all'E3 di Los Angeles mangerò una bistecca all'americana in qualche fast-food. Non sarà uguale, ma l'osso ci sarà ancora. Ed è fondamentale.