Diario del CapitanoDiario del Capitano 

Diario del Capitano

Harry Potter, la favola, il videogame, il film.
Un fenomeno, non c'è altro modo per definire l'universo che gravita attorno al mistico personaggio della favola, della scrittrice britannica J.K. Rowling. All'inizio era solo un racconto per bambini, certo, di enorme successo, ma comunque un racconto. Si è rapidamente evoluto, divenendo praticamente la cosa più apprezzata dai bambini dagli 8 ai 12 anni che ora non leggono altro. Il che, naturalmente, a mio giudizio, è momentaneo come è accaduto in passato per i Pokemon o Dragonball, ma è assai, come dire, globale; ma l'entertainment per bambini è cosa molto molto seria.
La Rowling non disdegna certo il fatto che poi la Elettronics Arts abbia acquistato i diritti per farne un videogioco, presentato proprio la settimana scorsa anche qui in Italia, nella sede milanese della software house (eravamo presenti).
Passiamo poi al lungometraggio del soggetto; non un evento, di più!
Il primo film con Harry Potter, ce ne saranno altri tratti dalla serie, minaccia di portare alle casse di AOL-Time Warner, che l'ha prodotto, quasi 700 milioni in dollari di profitti netti. L'esordio è stato superiore a qualunque altro film mai proiettato in Usa: 'Harry Potter and the sorcerer's stone" ha messo assieme più soldi di Titanic e di Jurassic park, e ha chiuso i primi giorni con 140 milioni di dollari di incassi. Mai visti tanti soldi neppure per i cartoons di Walt Disney. Potenza del magico bambino, che ha fatto addirittura chiudere le scuole in Usa il giorno del debutto sul grande schermo. E' gia passato nei cinema Inglesi, prima Europea, e in Italia, arriverà il 6 Dicembre, e sarà nuovamente record, garantito.

Vi lascio a questa gelida domenica, rimandando il discorso sul bambino che va a spasso sulle scope,(beato lui,a me hanno anche fregato la bicicletta), all'anteprima, oggi online su Movieplayer.

TI POTREBBE INTERESSARE