[E3 2007] Guitar Hero: Rocks the 80s - Anteprima  0

Rivivere gli anni '80 - almeno musicalmente parlando - sarà presto possibile grazie a quello che, letteralmente, è l'ultimo Guitar Hero di Harmonix.

Un'add- on o poco più?

La prima nota positiva arriva dopo pochissimi secondi che si è imbracciata la chitarra e viene dai nuovi lay out offerti dai menù tanto quanto dalle schermate di caricamento, tutti a tema e sempre ricchi di una fortissima dose di umorismo. Questo, che sembra e forse è un elemento di contorno, farà comunque molto piacere agli appassionati, essendo da sempre stato rilevato come motivo di immedesimazione e sintomo di una maniacale cura per il particolare.
Le modalità sono le medesime di sempre: la Carriera offre prove di crescente difficoltà, che vedranno il giocatore suonare, uno dopo l'altro, tutti pezzi inseriti, partendo da Metal Healt dei Quiet Riot ed arrivando a Play with me degli Extreme. Aumentando la difficoltà si renderà necessario l'utilizzo della sezione dedicata all'allenamento, dove rallentare lo scorrere delle note e provare senza avere la pressione del pubblico, mentre qualora si trovasse un amico con una seconda chitarra, ci si potrà confrontare in una sfida competitiva o lo si potrà relegare al basso in una prova cooperativa. Nulla di inatteso o di non già visto, quindi.
Saltando da una canzone a quella successiva e sperimentando i livelli di difficoltà, da facile ad esperto come sempre, è stato possibile notare come l'impegno richiesto si attesti forse a livelli leggermente inferiori rispetto al passato per quantità di note, maggiori per la presenza di più accordi. In ogni caso ed ancora una volta, si tratta di sfumature, tra l'altro da confermare in sede di recensione dopo un maggior numero di ore di gioco.
La grafica e le scenette offerte sul palco dal nostro alter ego ed il suo gruppo sono molto piacevoli da guardare, così come ottime sono le tracce audio. Proprio riguardo queste ultime, Blake Hennon, responsabile di molte presentazioni operate da Activision sul suolo europeo, ci ha confidato come si sia fatta una gran fatica per ritrovare gli originali, essendo spesso ostaggi di band oramai passate, trapassate, morte e sepolte.
Quasi uno sciogli lingua, il lunghissimo titolo di Guitar Hero Encore: Rocks the '80s nasconde quello che rappresenterà: un piacevole, sempre divertente ma non originalissimo intermezzo, tra GHII firmato Harmonix e il terzo di Neversoft. Comunque lo si guardi questo crocevia, previsto negli Stati Uniti durante l'ultima settimana di luglio e qualche tempo dopo nel Vecchio Continente, la classe non è acqua e, anche quando un po' riciclata, si vede.

L'anello di passaggio tra le due ere di Guitar Hero

Harmonix Music System è ora in mano ad Elettronic Arts, intenta a creare quel simulatore di gruppo musicale che risponde al nome di Rock Band. Prima di lasciarsi il passato alle spalle, però, ha terminato la sua ultima collaborazione con RedOctane, completando lo sviluppo di questo Guitar Hero Encore: Rocks the '80s, in uscita esclusivamente su PlayStation 2.
Il titolo in questione altri non è se non una variazione sul tema alla serie regolare di Guitar Hero, accostando l'oramai celeberrimo gameplay ad una track-list presa direttamente dagli anni che vanno dall'uccisione di John Lennon alla caduta del Muro di Berlino, dalla nascita del genere musicale metal a quella del pop- metal. Una sorta di operazione nostalgia, che cercherà di bissare il successo precedentemente sperimentato, puntando sulla fedeltà degli utenti più giovani e sulla voglia di rimembrare i tempi andati da parte dei trentenni o più.
I principali dubbi a proposito del titolo in questione vengono dall'effettiva profondità che è in grado di offrire: se le canzoni inserite sono inedite per la serie, potrebbe lasciar perplessi l'assenza di qualsivoglia modifica nella giocabilità, che ne giustifichi il prezzo pieno.
Per fugare – o confermare – questo e altri dubbi, Multiplayer.it lo ha provato in anteprima, vestendo gli oramai desueti panni di un rocker di venti e più anni or sono.