[E3 2008] La Conferenza Nintendo  7

Il resoconto completo della conferenza Nintendo all'E3 2008 di Los Angeles.

Animal Crossing e GTA

La parola passa quindi a Katsuya Eguchi introduce Animal crossing City Folk per Wii, un annuncio tutt’altro che a sorpresa per un gioco di cui parleremo in dettaglio col nostro playtest nelle prossime ore. Le novità fondamentali sono comunque la possibilità di inviare i messaggi anche al cellulare o al pc dei propri amici, oltre che sulla message board, e l’inclusione della periferica Wiispeak ovvero un microfono con cui i giocatori potranno interagire vocalmente. Graficamente invece non sembra essere un particolare progresso. Sale quindi sul palco l’immancabile Reggie Fils Aime che snocciola un po’ di cifre. 10 milioni di wii e 20 di DS venduti negli States, per un totale di 5 miliardi di guadagno; alla fine dell’anno fiscale è previsto il raggiungimento dei 100 milioni di DS worldwide. Il brand leader e maggiormente trainante resta Pokemon, che ha raggiunto i 180 milioni di pezzi complessivi. Il Wii sarà invece semplicemente la console più venduta nel mondo, e le statistiche dimostrano una crescita esponenziale nelle vendite nel corso degli anni. Inizialmente brand come Metroid e Mario sono stati utilizzati per rassicurare e soddisfare i veterani, mentre allo stesso tempo venivano sviluppati nuovi brand per i non giocatori. E anche per le terze parti c’è gloria, dato che ben 19 prodotti da 11 società hanno avuto prodotti in grado di vendere oltre 400mila copie negli Usa. Sono state poi mostrate tre brevi filmati di titoli appunto prodotti da software house esterne come da esempio e riassunto per le centinaia in cantiere; questi erano i già conosciuti Star Wars: the Clone Wars, Rayman Raving Rabbids tv party e Call of Duty World at War. Carrie torna in scena affermando che giochi per portatili stanno rosicchiando una fetta sempre maggiore del mercato complessivo grazie all’ingresso di nuovi utenti, che nella maggior parte dei casi sono di sesso femminile. Infatti le donne giocatrici erano solo il 30% nel 2005, per poi passare al 46% nel 2006 al 48% del 2007. E’ quindi il momento di dedicare una parentesi a Guitar Hero on Tour, capace di vendere 300.000 copie negli states in una settimana. Ecco quindi che appare scontrato l’annuncio di un seguito, sottotitolato Decades, in grado di supportare la condivisione delle canzoni tra le varie versioni. Qualche parola anche per Spore Creatures che sarà ovviamente diverso dall’edizione per PC, concentrandosi su di un creature creator facile e intuitivo e sulla possibilità di scambiarle con gli amici. Ma non mancano le novità inedite, come Pokemon Rangers Shadows of Alma e soprattutto un GTA esclusivo, chiamato Chinatown Wars in uscita questo inverno, e ambientato in una Liberty City moderna.

MotionPlus delle mie brame

Si è aperta poi una interessante ma fumosa parentesi in merito a nuove funzioni di cui dotare il Nintendo DS all’interno degli aeroporti, per ottenere tramite wi-fi informazioni su orari dei voli, stato di consegna dei bagagli, servizi vari come prenotazione di ristoranti ecc. Un esperimento pilota simile è stato condotto nello stadio dei Seattle Marines, dove gli spettatori possono vedere i risultati delle altre partite di baseball in tempo reale e ordinare il cibo. Tutta roba insomma che in Italia con ogni probabilità non vedremo mai. Reggie prende nuovamente la parola per confermare finalmente dal vivo l’accessorio che -testuali parole- permetterà al Wii remote di essere ridefinito, ovvero il MotionPlus. In sintesi si tratta di un add-on da inserire nella parte terminale del controller, e che consente di aggiungere ad esso una ulteriore precisione potendo così rilevare ogni movimento del polso o braccio. E il primo titolo destinato a sfruttarlo sarà Wii Sports Resort, che lo includerà in bundle nella confezione. Il gioco non è esattamente un seguito di Wii Sports, quanto piuttosto uno spin-off ambientato sulla spiaggia. Con l’aiuto di Carrie, Reggie dà quindi dimostrazione di tre delle prove presenti. La prima, che richiede di lanciare un frisbee in maniera tale da farlo raccogliere al volo da proprio cagnolino; la seconda sulle moto d’acqua, una specie di Wave Race per i casual in cui si usano wiimote e nunchuck per controllare il manubrio, e di conseguenza quindi lo sterzo e l’acceleratore come nella realtà. L’ultimo invece è una battaglia con delle spade di plastica all’interno di un ring sospeso, dove ovviamente perde chi esce dai limiti dello stesso. Secondo Reggie molti sviluppatori stanno studiando come implementare il WiimotionPlus nei propri futuri progetti, anche se comunque non sarà una cosa istantanea.

La musica che (non) ti aspetti

Il finale, in perfetto stile Apple con la “one more thing” finale, fa per un attimo tenere il fiato sospeso ai presenti. Le luci si spengono, salvo alcuni proiettori che illuminano il palco in maniera convulsa. E mentre già si stavano sussurrando nomi come Zelda o il più volte vociferato nuovo DS, ecco che invece appare un tizio (poi si scoprirà essere un musicista professionista) impegnato a suonare una batteria con wiimote e nunchuck a mo’ di bacchette e la balance board a terra a simulare i pedali per cassa e piatto. Dopo un po’ freestyle ecco apparire il solito Miyamoto che, assieme al logo di Wii Music, entra sul palco suonando un sax sempre con i controller della console. Il gioco, di cui si parla fin dall’inizio dell’avventura del Wii, parte da un presupposto: i giochi musicali richiedono di premere bottoni con tempismo quando compaiono sullo schermo, con destrezza e abilità comuni a pochi, mentre Wii Music permette invece di far musica anche a chi non ha nessun tipo di conoscenza in tal senso. Non è necessario seguire linee ritmiche, ma solo impugnare il controller e muoverlo come se si tenesse realmente lo strumento. Per suonare il sax ad esempio lo si deve avvicinare alla bocca e premere i bottoni col tempo che si preferisce senza preoccuparsi se si fanno errori. Ci saranno oltre 50 strumenti di ogni tipo tra cui il piano, il violino, la chitarra e il tamburone giapponese. La modalità iniziale dimostrata dal batterista è invece una opzione separata che crea un completo drum simulator con tanto di lezioni per imparare a suonarla davvero in poche settimane. Nel gioco non ci sarà una valutazione della performance ma si potranno registrare i video e creare clip musicali con porzioni varie. Lo stile grafico è quello “alla Wii Sports” con tanto di Mii sempre presenti. Una dimostrazione finale con 6 membri di Nintendo sulle note del tema di Super Mario (con 2 fiati, uno xilofono, una chitarra e 2 percussioni) chiude una conferenza robusta, priva di sbavature, ma a cui è evidentemente mancato il grosso annuncio a sorpresa così come la tanto attesa gratificazione per la comunità di harcore gamer della vecchia guardia. Ma la fiera non è ancora finita e la speranza è l’ultima a morire...