ArchivioEditoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 

La console war infiamma le spiagge di Santa Monica. Si preannuncia un inverno di fuoco!

Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3

Tagliare o non tagliare?

Problemi che Nintendo non ha. Reggie Fils-Aime, presidente di Nintendo America ha detto che il Wii ha venduto sempre ininterrottamente per le 33 settimane in cui è stato sinora in vendita. L'azienda si aspetta di vendere 14 milioni di macchine nell'anno prossimo, diventando quindi in breve tempo la console più venduta.
Il Nintendo Wii ha il prezzo giusto, inoltre attira non giocatori e i cosiddetti casual gamer, con circa un terzo del suo pubblico composto da giocatrici. Mentre Sony e Microsoft stanno combattendo per accaparrarso gli hardcore gamers, Nintendo ha scelto come obiettivo il crescente mass market, un mercato questo di utenti che non compra normalmente videogiochi se non sino alla fine del ciclo vitale di una console.

Dean Takahashi è da 17 anni un giornalista finanziario di alto livello, che ha collaborato con, tra gli altri, il Wall Street Journal e il Los Angeles Times, comparendo anche su emittenti televisive quali CNN e CNBS. Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 Ultimamente, si è occupato in maniera approfondita anche dell’industria videoludica, in particolare per quanto riguarda Microsoft e il suo progetto Xbox, scrivendo sull’argomento il libro Opening the Xbox, riguardante la prima console della casa di Redmond, e recentemente The Xbox 360 Uncloaked sulla seconda piattaforma da gioco americana. Quest’ultimo libro è stato pubblicato anche in Italia con il titolo Il Fattore X, edito proprio da Multiplayer.it, e fornisce ai lettori una visione approfondita del team di Microsoft che si è occupato della progettazione e dello sviluppo della macchina, descrivendo tutti gli eventi chiave e i retroscena che hanno portato Xbox 360 nei negozi di tutto il mondo, a partire dalle idee di Bach, Allard e tutti gli altri personaggi coinvolti nell’opera.

Dalle pagine di Multiplayer.it, Dean racconta ogni mese i principali avvenimenti del mondo dei videogiochi.

Ne resterà soltanto uno

Non è chiaro chi arriverà secondo. Forse il gioco migliore mostrato da Microsoft alla sua press conference è stato Call of Duty 4: Modern Warfare, ma questo gioco uscirà anche su PS3. Halo 3 è sembrato interessante, ma Microsoft non è riuscita a mostrare qualcosa che scaldasse veramente gli animi. Fortunatamente, Microsoft ha anche in catalogo giochi clamorosi come Mass Effect, RPG di ambientazione fantascientifica in uscita a Novembre.
Sony ha finalmente mostrato il gameplay di Killzone 2, ma Metal Gear Solid 4 è stato posticipato all'anno prossimo. Jack Tretton, presidente di Sony Computer Entertainment America, ha detto che la sua azienda non ha un Halo-Killer per contrastare il titolo Bungie, aggiungendo però che Sony ha 15 esclusive per PS3 e che la libreria di titoli per PS3 è globalmente superiore a quella Microsoft. [C] Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 COD4 Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 KZ2 Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 Halo3 [/C] Ci saranno circa 200 giochi per PS3 in uscita entro la fine dell'anno. Ce ne saranno più di 300 per Xbox 360 e più di 160 per il Wii. Questo in un anno che vedrà l'uscita di Madden NFL 08 in agosto, Halo 3 in settembre e Grand Theft Auto IV in ottobre. Quando questi tre titoli uscirono nel 2004 collezionarono un terzo di tutte le vendite complessive. Questo significa che ci sarà una saturazione di uscite verso la fine dell'anno e che solo i migliori riusciranno a sbancare il botteghino.
Questa saturazione sarà esacerbata da uno dei trend in atto, ovvero nella volontà dei publisher terze parti di trasferire risorse da titoli PS3 verso titoli per Nintendo Wii. Stessa cosa anche sui portatili, passando da PSP a Nintendo DS.
Samantha Ryan, senior VP della Warner Bros. Interactive Entertainment, dice che diventa sempre più difficile mettere in piedi progetti per PSP e dal momento che programmare giochi per DS e Wii non richiede grossi investimenti di risorse, questa tendenza da piattaforme Sony a quelle Nintendo potrebbe avere conseguenze sempre più importanti. Se smantelli un team PS3, puoi riuscire a crearne più d’uno per Wii e questo significa che potrebbe aversi un’ondata ancora più grande di giochi per la console Nintendo.

Idraulica e fitness domineranno il mondo?

Halo 3 da solo non riuscirà a garantire a Microsoft un incremento di vendite tale da raggiungere lo stesso livello del Wii e quello che entrambe le concorrenti devono fare per appaiare Nintendo è tagliare il prezzo in maniera più decisa. Sony non può farlo a causa dell'alto costo di produzione di PS3 e Microsoft non può farlo fino a quando non verrà rilasciata la Xbox 360 con chip a 65 nanometri, denominata Falcon. Sony non potrà competere con Nintendo fino a quando non taglierà di più il prezzo della sua console.
Nintendo ha grandi titoli in uscita come Super Mario Galaxy, Super Smash Bros, Metroid Prime 3 e il nuovo Wii Fit e nuove interessanti periferiche come Wii Zapper e la Wii Balance Board.

Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3 Editoriale di Dean Takahashi - La console war infiamma l'E3

Idraulica e fitness domineranno il mondo?

Queste periferiche verranno supportate da una forte line up di giochi di Electronic Arts e di molte altre terze parti. Questi giochi avranno il compito di avvicinare il nocciolo duro degli hardcore gamer, ma la speranza più grande è quella di far sì che l'utenza mass market compri più giochi di quanti non faccia di solito.
Questa volta la sfida è veramente bollente, come non lo è mai stata sinora nell’industria dei videogiochi. Per ora Nintendo sembrerebbe uscirne vincitrice, grazie alla presa sull’utenza mass market, ma il punto debole di Nintendo è che il tipico giocatore mass market non necessariamente compra molti giochi.
Ma almeno fino a quando Nintendo continuerà a vendere più console delle concorrenti, la sfida sarà davvero gomito a gomito.

Tagliare o non tagliare?

Né Microsoft, né Sony sono riuscite a portare il colpo del k.o. a Nintendo alle conferenze del recente E3 di Santa Monica e, stando così le cose, lo slancio del Nintendo Wii dovrebbe continuare la sua corsa incessante. Poco prima che iniziasse la fiera, Sony ha tagliato il prezzo di PS3 negli Stati Uniti di 100 dollari e ha introdotto un modello con hard disk da 80 giga a 599 dollari con una mossa che definire non molto eccitante è dire poco.
Al contempo, Microsoft ha ammesso che la qualità costruttiva di Xbox 360 è sotto la media, annunciando un’estensione al terzo anno della garanzia per gli acquirenti che porterà ad una spesa di 1 miliardo di dollari, senza, tra l’altro annunciare un calo di prezzo per contrastare l’ascesa del Wii. Entrambe queste mosse sono sembrate solo mezze misure. I consumatori volevano un taglio al prezzo di PS3 più netto e volevano che Microsoft facesse lo stesso. Invece, entrambe le aziende hanno solo richiamato più attenzione verso i loro problemi.