Football Manager: Campionato 2004  0

Codemasters si appresta a rilasciare la nuova edizione del suo calcio manageriale: Football Manager Campionato 2004. L'abbiamo provato per voi.

No no, nessuna polemica. L’importante è lavorare bene durante la settimana per farsi sempre trovare pronti dal mister.

La versione a noi pervenuta, completa all’80%, presenta pressochè i medesimi crismi dei predecessori. S’inizia con la pratica selezione della lingua, fra cui ovviamente non manca l’italiano, per arrivare a dover scegliere fra le modalità di gioco presenti. Oltre alla possibilità d’intraprendere una carriera e l’avvio rapido, non snobba l’appuntamento nemmeno la consueta, e rinomata, possibilità di cimentarsi in due stagioni contemporaneamente studiata ad hoc per il multiplayer. Tentando la fortuna nella modalità carriera si potrà scegliere a priori fra un team presente nei sei campionati disponibili, fra cui ovviamente anche la nostra serie A. Inoltre, al fine di farsi le ossa, saranno presenti anche le leghe minori di ogni campionato. Come nei predecessori ogni team fisserà, agli albori di ogni stagione, determinati obbiettivi, generalmente consoni al blasone della squadra che si vorrà allenare. Da qui inizia l’avventura d’allenatore-manager. Bisognerà fronteggiare tutte le cirostanze prettamente calcistiche, quali allenamenti e tatticismi, ma anche situazioni di tipo economico, come il calciomercato e tutto ciò che concerne il merchandising. Bisognerà accontentare i dirigenti, mantenendo un bilancio in attivo e centrando gli obbiettivi prefissati, ma anche i tifosi, particolarmente attenti ai movimenti di mercato ed alle vittorie conseguite sul campo. In caso di fallimento arriverà logicamente l’esonero, oppure, in caso di buoni risultati, club di maggiore spicco potrebbero avanzare proposte lavorative di sicuro interesse. Di statistiche ed informazioni ce ne sono a volontà, e servirà ben più di una stagione per poter arrivare a gestire l’intera, e complessa, struttura di una squadra calcistica. Basti pensare all’iperbolica cifra di oltre 19000 giocatori presenti in 778 team.

Sono molto contento per il goal segnato. Lo devo soprattutto al mister ed alla dirigenza che hanno sempre creduto in me. Inoltre ringrazio i miei compagni per avermi dato la possibilità di andare in rete.

Football Manager Campionato 2004 si presenta esattamente come i predecessori. Una schermata non molto dissimile ad un desktop Pc farà da centro nevralgico per ogni nostra operazione, coadiuvata egregiamente da un sistema di controlli semplice e funzionale. Grazie ad un elaborato menù a tendina potremo infatti muoverci agilmente fra le varie icone di gioco, tanto da non dover rimpiangere il buon vecchio mouse. Basteranno difatti poche transazioni per impratichirsi a dovere e destreggiarsi fra tutte le possibilità offerte da Codemasters, che ha inoltre riesumato per l’occasione una fantomatica tv interattiva in grado di emulare le più famose trasmissioni a tema. Nonostante l'affascinante possibilità di poter guidare vocalmente la propria squadra con il Communicator, abbiamo purtroppo notato qualche lacuna una volta scesi in campo. Infatti, in più di una circostanza, palpabile è stata la sensazione che il risultato fosse deciso a priori. Non da meno, nella riproduzione cinematica delle partite alcune distrazioni veniali ne intaccano il risultato complessivo, comunque tutt’altro che irrisolvibile. Sul piano tecnico ci troviamo dinanzi ad un buon prodotto, che con le sue chiare schermate ed una scelta degli sfondi calibrata riesce ad essere sempre ben comprensibile. Si difende anche la controparte poligonale di Football Manager Campionato 2004, concentrata tutta nella visione di ogni partita. Qui denotiamo una cura altalenante, comprensibilmente meno meticolosa per l’esclusiva parentesi cosmetica che rappresenta.

Rigore c’è quando arbitro fischia

Codemasters sembra voler andare decisamente sul sicuro con questo suo nuovo operato calcistico-manageriale, badando più a consolidare che ad innovare. I numeri parlano chiaro, ed il database di giocatori risulta notevolmente elevato. Inoltre, a detta degli sviluppatori, sarà totalmente aggiornato al mercato di Gennaio appena trascorso e godrà di contenuti scaricabili via Live. Una prova d’impegno forte, a delineare la volontà di voler presentare, il prossimo 12 Marzo, un prodotto quanto più completo possibile. Certo, qualche spigolo da smussare è rimasto, ma confidiamo che da qui all’uscita Codemasters riesca in un’ottimizzazione adeguata.

Partiamo da una semplice equazione: l'Italia sta al calcio come il pomodoro sta alla pizza. Ora aggiungiamo qualche numero, tanto per rimpinguare la dose. Sono circa 60 milioni gli abitanti del nostro bel paese, ed almeno la metà di loro si attribuisce doti tecnico- calcistiche spiccatamente sopra la media. Risultato? 30 milioni di allenatori professionisti che ogni domenica imprecano, soffrono e si dimenano sulle scottanti panchine (leggasi divani). In un contesto del genere è prevedibile che un qualsivoglia gioco calcistico ottenga attenzione dai palati ludo-pallonari dei videogiocatori nostrani. Come per il gioco a zona e quello a uomo, anche qui troviamo due correnti divergenti: gli strenui sostenitori del calcio giocato e gli amanti delle alchimie tecnico-tattiche derivate da un contesto manageriale. Codemasters in questo senso ha visto lontano chilometri, introducendo già su PsOne questo ambito genere da sempre delizia per i giocatori Pc. Ogni anno arriva il momento dell’upgrade del caso, rinvigorito per l’occasione dalle nuove rose e dai database giocatori sempre più ampi. Abbiamo dunque avuto l’opportunità di provare l’ultima fatica di questi intramontabili britannici: Football Manager Campionato 2004.