Frammenti di blog  0

Oggi l'editoriale siete voi.

Incazzato: E Luce fu...

Dal blog "Frammenti e pensieri"
salve a voi, miei lettori incalliti,
dunque, dopo 3 giorni di telefonate al vetriolo, ecco spuntare la meravigliosa luce rossa....e vi dirò di più....alla fine non c'era bisogno di nessun tecnico. Così come la stronza che mi aveva staccato la portante 3 sere fa, così stamattina una gentile signorina mi ha chiesto...ma la luce rossa del modem è spenta? ed io sì!....ecco...aspetti che le riallineo il modem....tre secondi e zac....ADSL a posto......
ma io dico porca #@@#**ò.......ma non potevano farlo i 4 miliardi di addetti con cui ho parlato prima???? no...certo, perchè mi trovo in italia e la gente fa solo quello per cui è pagata senza andare un mm oltre..per cui se uno è pagato solo per rispondere al telefono fa solo quello.....
vabbè....sbollita la rabbia tra qualche ora tornerò a postare qualcosa di più interessante sempre che la magica lucina rossa non decida di spegnersi di nuovo e allora so cazzi........
wildfox

P.S. E' vero strex, siamo ormai molto dipendenti dalla rete, infatti senza connessione il pc mi sembra solo un ingombrante soprammobile. cazz......una vita senza google.....nooooooooooooooooooo!!!!!!!

Metafisico: Fimosi iperconnettive

Dal blog "Infocalisse"
Rutelli bisticcia e il capo frigna, Grillo guadagna sulla critica al guadagno, mezza italia è caduta a piè pari nella mistificazione di presunti valori trash che per definizione sono indefinibili, e io sorriderei se non fossi stranito e stordito da questo caos di coerenze incoerenti e idee plusvalenti, polivalenti, parastatali e paraderetanali che troppo pochi italiani combattono, qualsiasi sia il partito (avesse più senso averne) che appoggiano, e così anche io che pensavo di aver trovato una strada invece seguo il caos, con i suoi bip, tic e led, io che pensavo di avere un obiettivo invece ho una partenza incerta, io che pensavo di essere qualcuno ho scoperto che il mio nome è nessuno

il guaio è che in questo caos non è nemmeno tanto scomodo, posso far tutto per me stesso, anche se è un'idea assai triste vivere per se stessi in mezzo a 12 miliardi di orecchie

a marzo sarò sulla terra da 10 mila giorni, ora più ora meno e ho già percorso 480 milioni di chilometri nello spazio senza aver trovato quel che cerco,
probabilmente si sta muovendo nella mia stessa direzione e non riesco a raggiungerlo

Poetico: Cattiva

Dal blog "Volevo essere una stella danzante"
Voglio diventar cattiva.
Citazione?
Anche si.
Pero'... a volte ci penso.
Insomma, io vorrei solo una cazzo di casetta in canada'.
Oh, ma vi costa tanto?
Si?
E allora bafangu'.
Me la faccio da me la casetta in canada'.
Poi, quando busserete alla mia porta, per scaldarvi al calore del camino, alla vista dei colori del cielo, delle coperte calde, dei cuscini di lana cotta... vi diro' di nuovo bafangu'.
Perche' i sogni si costruiscono, e per farlo bisogna aprirsi le vene, bisogna credere nella pastosita' del sangue.
Chi mi ama, nel mio piccolo sogno di una casetta in canada'... mi segua.
Chi non mi ama non e' benvenuto.
Peche' voglio diventar cattiva.
E cattiva saro', contro l'uomo del Tic Tac, contro tutti coloro che tentano di rubare il mio sogno, di sfruttarlo, di barattarlo con anime vuote, con tempi frettolosi, con amori fasulli.
Non si puo' essere profeti in patria.
Ma chi se ne frega?
Chi e' mai voluto essere profeta, chi ha mai avuto bisogno di profeti?
La vita e' adesso, diceva qualcuno.
Fra tante cazzate che ha detto, forse questa era l'unica giusta.
E non mi arrendo, continuo a credere nell'amore e nel mio sogno della casetta in canada', dovessi arrivare fino alla fine del mondo per averla.
Ci sara' pure uno stronzo come me li' fuori, da qualche parte, che in qualche strano modo, incontrero' sull'incasinatissimo sentiero della mia vita, no?
Perche' la mia casetta in canada' non accetta compromessi con la mia anima.
Ma non puo' nemmeno esser vuota.
Percio'... saro' cattiva.
Vi feriro' con il naso e con la spada, quando voglio.
Vi feriro' con l'amore.
Quello che non potete distruggere.
Quello che non avete.

Ma quando si tratta di amare, ragazzi, miei... siamo seri.

E cazzarolina e pofferbacco e perdindirindina...

datemi una mano, e voliamo.

Videoludiko Mobile: Chi vuole essere Milionario?

Dal Blog "Vita di bordo"
IOOOOOOOOOOOO!!!!
E adesso ce l'ho sul 3360.
Ringrazio il Kekko, il Berto e lo Zione per avermi fermato prima ke lo komprassi sullo store della Tim a 5 euro fottuti, previa rikarika a mezzo Bankomat.
Nn vale! Su vodafone kosta un eurino. :(
Però ho notato ke il mio va anke online (kon tanto di rekord skarikabili) e nn mi spiego il peso da 2,4 mega, a konti fatti il gioko è uguale kome kuello da 100kb...
Eppure la versione è la 1.0.0, identika.

mah...


EDIT: oooh, kazzo, esiste anke kuello inglese... auz!

Le puntate precedenti del Diario del capitano

Se vi siete persi le puntate precedenti del Diario del capitano (oltre 1200 editoriali), ecco le coordinate per rintracciarle:

- successive al 3 maggio 2004
- dal 2000 al 4 aprile 2004

P.S.: Prima che sia troppo tardi rimirate il lavoro svolto al Festival di Berlino da Donata Ferrario & C. Andate a questo indirizzo e godetene tutti!

ome preannunciato sabato scorso, questa mia settimana lavorativa è stata dedicata quasi interamente al 3GSM World Congress. Ho molte cose da raccontare di cose viste e di gente incontrata - lasciatemi un momento di vanità per aver stretto la mano al papà di Double Dragon nonchè fondatore della Elite Games. Ma prima devo raccogliere un po' le idee e mettere alcuni puntini sulle i. Rimando dunque ad un secondo momento le mie riflessioni su Barcellona e sulla fiera dedicata al fenomeno mobile in ogni sua forma.
L'editoriale di oggi è perciò dedicato ai blogger di Multiplayer.it, diventati ormai più di duecento. La loro home page è questa. Voglio ringraziare ufficialmente quanti, ormai quotidianamente, portano avanti i loro scritti, sempre divertenti, talvolta bizzarri, spesso poetici e ogni tanto incazzati. Ecco alcuni esempi uncensored e i link ai relativi blog. Buona lettura!