[GC 2006] Pro Evolution Soccer 6 Xbox 360 - Provato!  0

A Lipsia abbiamo messo le mani sulla prima versione per Xbox 360 del titolo più atteso in Europa il prossimo autunno. Ecco tutte le nostre impressioni
e le immagini!

Diciamo subito che il passo in avanti dalla versione per Ps2 è sì visibile, ma non marcato al punto da affermarne il pieno passaggio nella next-gen. La demo dava la possibilità di scegliere un manciata di squadre, come Italia, Spagna, Repubblica Ceca, Brasile, Spagna, per affrontare un’amichevole nello stadio di Berlino. I primi istanti di gioco mettono in contrapposizione, nell’occasione dell’ingresso dei giocatori sul campo, la buona modellazione degli atleti con invece uno scarso sviluppo di stadi, pubblico ed elementi a bordo campo, con una situazione praticamente identica per complessità poligonale a quella vista su Ps2 con l’aggiunta solamente di qualche filtro grafico e di anti-aliasing. Una volta iniziata la partita, è, però, possibile apprezzare il lavoro dei programmatori di Konami, soprattutto per quanto riguarda l’adattamento del gioco al controller di 360; la disposizione dei tasti è la stessa di quella familiare via Dual Shock, con un risultato finale quindi più che soddisfacente soprattutto per chi utilizza lo stick analogico. La meccanica di gioco, come ormai abitudine, è senza dubbio più arcade rispetto alla controparte nipponica; problema questo che non toccherà chi ha sempre giocato solo a PES, ma che potrebbe dare un po’ di fastidio ai puristi di Winning Eleven.

i programmatori si sono concentrati particolarmente sulla modellazione dei giocatori, decisamente più complessi e ricchi di poligoni rispetto all’edizione Ps2

Tornando all’aspetto tecnico, come già detto i programmatori si sono concentrati particolarmente sulla modellazione dei giocatori, decisamente più complessi e ricchi di poligoni rispetto all’edizione Ps2; pur con livelli di somiglianza variabile (Zambrotta identico, Gilardino è un’altra persona per esempio), la situazione finale è apprezzabile. Forse il tutto ha un’apparenza un po’ troppo plasticosa, fattore questo visibile specialmente in occasione degli zoom e dei replay ravvicinati, ma in linea di massima non ci si può certo lamentare; il resto del lavoro lo fanno texture di ottima qualità accoppiate con schermo hd. Le animazioni sembrano leggermente migliorate rispetto al capitolo per Ps2, che già però raggiungeva livelli eccellenti. L’azione si svolge in maniera fluida e senza incertezze, ad eccezione delle sequenze di esultanza dei giocatori dopo un gol; in tale occasione infatti, specialmente se la telecamera è particolarmente ravvicinata, il frame rate subisce un abbassamento visibile. La speranza è che però sia un difetto destinato a scomparire prima che il gioco raggiunga i negozi. In definitiva quindi, la nostra prova su strada di PES6 su X360 ha rivelato un gioco splendido, fluido, giocabilissimo e con un potenziale enorme in chiave Xbox Live; purtroppo dal punto di vista estetico, il salto nella next gen non si è concretizzato in maniera completa, complice un motore grafico evidentemente non riscritto da zero ma ereditato e migliorato dall’edizione Ps2. Se quindi il vero punto di svolta della serie Konami si chiamerà PES7, gli utenti della console Microsoft possono comunque “accontentarsi” con la migliore versione del sesto capitolo disponibile. E diteci se è poco...

Uno dei titoli di punta presenti sullo showfloor della GC di Lipsia, se non forse IL titolo più importante, è senza dubbio Pro Evolution Soccer 6 per X360, presentato qui in terra teutonica per la prima volta a stampa e pubblico; in realtà vista l’importanza del prodotto, specialmente in uno scenario europeo che ama enormemente il calcio e i videogiochi ad esso legati, ci saremmo aspettati una maggiore enfasi a livello espositivo. Al contrario, PES6 va scovato in due totem posizionati in un angolo della zona Microsoft, nel mezzo tra Phantasy Star Universe e Need for Speed Carbon. Poco male, dal momento che la tranquilla situazione della fiera di Lipsia ci ha permesso di provare con mano in maniera approfondita il nuovo capitolo della amatissima serie Konami.