[GC 2007] Midnight Club: Los Angeles - Anteprima  2

La serie automobilistica di Rockstar si prepara per il salto nella next gen con un titolo dal grande potenziale.

La profondità visiva è forse la componente più positiva, ma non da meno è la riproduzione delle auto, che possono contare su circa 100.000 poligoni l’una; ovviamente saranno disponibili diversi tipi di veicoli, dalle auto storiche alle muscle alle sportive moderne, con la conferma gradita delle moto. Le tre gare a cui abbiamo potuto assistere hanno visto l’auto del giocatore contro 4 sfidanti a velocità folli per le strade di L.A.; i programmatori hanno voluto limitare al minimo le pause, ed in tal senso va a collocarsi la presenza di davvero pochi menù. Ovviamente per quanto riguarda invece la guida vera e propria, questa avviene senza soluzione di continuità tra competizioni e puro “free roaming”; viaggiando in tranquillità all’interno della metropoli, si può ingaggiare una sfida semplicemente facendo i fari alle quattroruote di fronte. Oltre alla sensazione di velocità che accompagna ogni gara, sorprende la enorme quantità di bivi, scorciatoie e alternative offerte per raggiungere il punto B dal punto A. Interessante è inoltre l’inclusione di due variabili, denaro e reputation points, che vengono elargiti alla conclusione di ogni sfida. Se i soldi servono per comprare potenziamenti, auto e pezzi per modificare la propria belva a motore, i reputation point hanno invece la funzione di sbloccare nuove vetture, gare ed extra, andando quindi a rappresentare il vero stimolo per il giocatore. Le novità continuano con la presenza di danni che finalmente incidono sulla guidabilità, anche se non in maniera drastica, e con la presenza di una visuale dall’interno dell’abitacolo, novità assoluta per la serie. Nel complesso siamo quindi usciti dalla saletta decisamente soddisfatti, con la consapevolezza di aver assistito alla presentazione di un gioco curato sotto ogni punto di vista e che molto difficilmente deluderà gli appassionati della serie. L’uscita sul mercato è prevista per il primo quarto del 2008 su Ps3 e Xbox 360.

Tra le invero poche novità presenti alla Game Convention 2007, una delle più interessanti è stata senza dubbio Midnight Club Los Angeles, capitolo che segna il debutto nella popolare serie di racing game arcade nella next gen. Pur mantenendo salde le linee principali del franchise, i programmatori di Rockstar San Diego hanno approfittato della succosa occasione per confezionare un prodotto per certi versi di rottura. Al di là delle dichiarazioni in merito all’ambiziosità del progetto, è evidente di come il nome Midnight Club sia diventato, specialmente dopo quel Dub Edition che venduto 5,5 milioni di copie, una delle punte di diamante del publisher statunitense. E così è stata ricreata Los Angeles, grande perlomeno come le 3 città del terzo capitolo messe assieme; un lavoro monumentale, che ha permesso però di dar vita ad una metropoli incredibilmente realistica e fedele all’originale. Certo non si tratta di una copia identica “block by block”, ma chi conosce la città non faticherà affatto nel ritrovare gli scorci e le strade visitate in prima persona. La versione mostrata a porte chiuse era ovviamente in fase assolutamente preliminare, ma già a questo punto era possibile toccare con mano per l’ennesima volta la bontà dell’engine grafico proprietario RAGE, solida base su cui sono stati costruiti anche Table Tennis e GTA IV.