[GC 2008 - E3 2008] Star Wars The Clone Wars: Lightsaber Duels - Provato  4

Anche a Lipsia la Forza sembra scorrere potente in questo picchiaduro...

Anteprima E3 2008

Con un film d'animazione ed una serie TV all'orizzonte, LucasArts non poteva certo lasciarsi sfuggire l'occasione di tradurre una nuova IP legata all'universo di Star Wars in un videogame: ecco dunque che per la prima volta vediamo da vicino Star Wars The Clone Wars: Lightsaber Duels, già mostrato velocemente nel corso della conferenza Nintendo.

Accompagnati dal producer del gioco e da un membro del team di sviluppo, abbiamo potuto seguire un walkthrough che ha messo in luce le caratteristiche principali del prodotto, in uscita entro la fine dell'anno. The Clone Wars è un beat'em up ad incontri che tenta di tradurre in realtà un piccolo sogno di ogni possessore di Wii appassionato della saga: utilizzare il Remote come una lightsaber. A livello di gameplay, questo si traduce in un sistema di combattimento alla cui base stanno tre movimenti da eseguire con il controller: uno orizzontale per un attacco debole ma veloce, uno verticale per un fendente medio ed un affondo per un colpo lento ma potente. Questi possono essere concatenati in combo come in un qualsiasi picchiaduro ed il risultato sembra soddisfacente, anche se decisamente più faticoso per l'utente rispetto ad un prodotto tradizionale. Oltre a ciò, saranno presenti ovviamente dei poteri speciali per ogni personaggio (anche se la demo ci ha mostrato solo il Force Push di Obi Wan Kenobi), e dei minigame che verranno attivati in situazioni particolari: ad esempio, incrociando le spade si inizierà una sfida nella quale il giocatore che eseguirà più velocemente i movimenti indicati su schermo vincerà il duello, danneggiando l'avversario. Insomma, The Clone Wars sembra un titolo decisamente ambizioso, ma anche capace di mantenere le sue promesse.

Va interpretata in tal senso anche la spettacolarità tipicamente cinematografica di alcune arene di gioco: ne ricordiamo una, ambientata su una piattaforma mercantile, la quale precipitava nel vuoto a seguito di un'esplosione sullo sfondo, il tutto mentre i due contendenti continuano a combattere. Graficamente, poi, il titolo ci è apparso capace di conservare appieno lo stile del film d'animazione, impreziosendo il tutto con animazioni di buon livello. Conclusa la dimostrazione, ci è stata data qualche informazione circa i personaggi giocabili: qui ne erano presenti solo una manciata, tra cui Obi Wan Kenobi, Anakin Skywalker, il generale Grievus e la new entry Ahsoka Tano, la padawan di Anakin appartenente alla razza Togrutan: tuttavia, nel prodotto finale faranno la loro apparizione diverse facce note accompagnate da altrettante nuove conoscenze, tratte direttamente dal film e dalla serie TV di prossima uscita. Anche se non abbiamo potuto giocarci direttamente, The Clone Wars sembra un beat'em up davvero particolare ed innovativo, che i fan della saga dovrebbero assolutamente tenere d'occhio.

Aggiornamento dalla GC 2008

Lo stand privato Activision presente nella Hall 1 del Leipziger Messe ci ha dato l'occasione per dare un'occhiata approfondita a Clone Wars: Lightsaber Duels, già visto all'E3 di Los Angeles ma qui disponibile per un hands-on. Accompagnati da uno degli sviluppatori del gioco, ci siamo lanciati in un paio di combattimenti capaci di dare una buona idea di quello che sarà il prodotto finale. Come già detto in fase di anteprima, Lightsaber Duels fa ampio uso delle funzionalità motion sensor di Wii Remote e Nunchuck per eseguire le varie mosse. Muovendo il controller in alto ed in basso si effettuano degli attacchi maggiormente potenti, mentre spostandolo verso sinistra o destra si ottengono dei fendenti più rapidi, con le combo che vanno formate generalmente da quattro diversi movimenti in successione. La parata viene gestita dal tasto Z, mentre i due dorsali del Nunchuck servono rispettivamente ad attivare i poteri della Forza e a sollevare oggetti per poi lanciarli contro l'avversario. Nonostante Lightsaber Duels non preveda il supporto per il Wii Motion Plus, le mosse eseguite dal personaggio su schermo sono molto fedeli a quanto fatto dall'utente tramite il Remote, e l'intero processo è facilitato dal fatto che la composizione delle combo non richiede movimenti veloci. Insomma, i combattimenti del titolo LucasArts ci sono parsi decisamente appaganti e dotati di una discreta varietà grazie alla disponibilità di tre diverse tipologie d'attacco (lightsaber, utilizzo della Forza e lancio di oggetti), anche se il rischio è quello di sfruttare a ripetizione i colpi più efficaci a discapito di tutti gli altri. Molto interessante poi la vivacità delle varie ambientazioni, ricche di elementi che contribuiscono a dar più pathos agli scontri: uno stage, ad esempio, era popolato da soldati che riempivano lo schermo di fasci laser sparati dai propri fucili, mentre un altro vedeva la presenza di alcuni tentacoli giganti che saltuariamente disturbavano l'uno o l'altro combattente. Dal punto di vista tecnico, come già sottolineato in preview, Lightsaber Duels ricalca invece in tutto e per tutto lo stile del film a cui fa riferimento: la grafica -fluida e di discreto livello- adotta un look cartoonesco, mentre il sonoro è composto da musiche, effetti ed una grande quantità di voci tratte direttamente dall'universo di Star Wars. In definitiva, le nostre impressioni riguardo a Lightsaber Duels sono senz'altro positive, motivate soprattutto dalla buona resa del sistema di controllo e da una struttura ludica comunque innovativa ed interessante.