Duke Nukem: Critical MassIl Duca in tasca 

Il Duca sta per tornare... magari non come ce lo saremmo aspettato!

Se c'è una cosa che non manca mai durante l'anno è una qualche notizia su un gioco in uscita che abbia a che fare con Duke Nukem, e questo, da anni. Una foto, un filmato, un'indiscrezione, ognuna che faccia brillare un barlume di speranza per il ritorno di un personaggio che ha saputo nel tempo conquistarsi una schiera di fedeli ammiratori che non ne vogliono sapere di vederlo restare in quel limbo in cui sembra essere stato relegato. Una delle novità dell'anno scorso fu quella legata all'annuncio di un gioco-trilogia in uscita su DS e su PSP, un'incarnazione decisamente al di fuori delle aspettative dell'immaginario collettivo. Qui alla GDC 2009 a San Francisco abbiamo visto materializzarsi entrambe le due versioni del primo capitolo previsto, con il titolo definitivo di Critical Mass ed un aspetto che faceva pensare ad uno stato d'avanzamento dei lavori oscillante tra l'alpha ed una prima beta piuttosto arretrata. A fare gli onori di casa c'era il CEO di Apogee, la software house che sta sviluppando il gioco, Terry Nagy che, con molta ironia, ha spiegato la scelta di far rinascere il Duca sulle console portatili in virtù dell'enorme base installata di entrambe, che ormai ha superato quota 140 milioni di unità in tutto il mondo: "Se riusciremo a far giocare Critical Mass al 2% degli utenti DS e PSP, beh, sarò un uomo felice!"
Le due versioni sono state sviluppate in maniera completamente indipendente e procedono su binari paralleli anche come impostazione e struttura di gioco. Il Duca in tasca Sulla console portatile Sony, Critical Mass è un action shooter in prima e terza persona - il gioco potrà essere portato a termine indifferentemente con le due visuali - in cui alla fasi di shooting più classiche si alterneranno ad altre a bordo di un jet pack in alcune sezioni che per adesso sono quasi su binari e che poi dovrebbero lasciare il posto ad altre in cui sarà possibile avere molta più libertà di manovra. Come detto, il codice era veramente in una fase embrionale e più volte il gioco si è bloccato tra le mani di uno dei ragazzi del team che ci stava giocando, mostrandoci un personaggio che non può mancare di ispirare simpatia ad ogni apparizione, ma che, per arrivare sugli scaffali dei negozi, di strada deve ancora farne un po'.

Duca 2D

Stessa situazione di avanzamento per la versione DS con il doppio schermo usato per l'inventario, e la struttura di un action game a scorrimento orizzontale, in cui il Duca è dotato di una serie di mosse che gli consentono di appiattirsi sui muri dei palazzi su cui saltava allegramente, andando ad eliminare gli avversari che arrivavano verso di lui dai vicoli che incontrava. Il Duca in tasca Questa versione sembra particolarmente divertente, anche perché la semplice azione bidimensionale viene continuamente spezzata dal sistema di copertura e da brevi sezioni di cecchinaggio in soggettiva, soprattutto per i boss di fine livello. E' ancora presto per farsi un'idea precisa del risultato finale che Apogee riuscirà ad ottenere con questo Critical Mass. Per adesso è bello sapere che il ritorno di Duke Nukem è, in qualche modo, imminente e che, se non altro, il team si sta sforzando per provare vie nuove per riportarlo alla ribalta del palcoscenico internazionale, anche grazie ad una serie di modalità online, che si limiteranno al co op per la versione DS, mentre avranno anche quelle versus su PSP.