GP Advance  0

C'è l'italianissima Prograph Research dietro al DR Advance, il nuovo motore grafico poligonale per GBA che promette faville. Multiplayer.it è orgogliosa di presentare in anteprima mondiale le prime immagini e i primi dettagli su GP Advance, il primo gioco a sfruttare questo nuovo engine tridimensionale.

La Formula 1 in tasca

Il primo gioco a sfruttare il DR Advance sarà GP Advance, simulatore di Formula 1 sviluppato dalla stessa Prograph. Il titolo offrirà tutte le opzioni di gioco del caso, con la possibilità di partecipare a una sola gara in modalità Arcade, all'intera stagione di Formula 1, o di affrontare un amico dotato di un secondo Game Boy e dell'apposito Link cable. L'impostazione del gioco tenderà alla simulazione, con tanto di effetti climatici variabili e di completo controllo sui pit stop, con la possibilità per il giocatore di agire direttamente sui settaggi della vettura e di decidere quanto carburante imbarcare e quali gomme utilizzare.
Ma il vero punto di forza del gioco rimane comunque la realizzazione tecnica, che promette di portarci dove nessun gioco tridimensionale per Game Boy ha mai osato spingersi grazie all'utilizzo dell'engine DR Advance. Oltre all'elevato numero di poligoni texturizzati su schermo il gioco offrirà effetti di primissimo piano quali effetti di luce e, addirittura, environment mapping. Il risultato finale, considerando che stiamo parlando di un GBA, è di assoluto rilievo, come potete constatare voi stessi dando uno sguardo alle immagini a corredo dell'articolo e al primo filmato del gioco, reperibile dalla nostra Area Files.

Per il momento GP Advance ancora non può contare sull'appoggio di un publisher ma siamo convinti che, vista la bontà del progetto, i ragazzi di Prograph non tarderanno a trovarne uno. Nell'attesa di potervi dare maggiori informazioni e, magari, una data di uscita certa, vi lasciamo in compagnia delle prime immagini e del primo filmato del gioco. Buona visione!

C'è un team tutto italiano dietro al DR Advance, il nuovo engine grafico poligonale per GBA che sulla carta e dai primi media rilasciati sembra davvero fare faville. Impressionante la lista delle features che i ragazzi della Prograph Research sono riusciti a implementare spremendo a fondo i 32bit del portatilino made in Nintendo, ottenendo risultati visivi che si avvicinano, e non stiamo scherzando, a quelli dei giochi poligonali per PlayStation One. Più di 2.296 poligoni con texture mapping su schermo a 20 FPS (in soldoni si parla di quasi 46.000 poligoni al secondo), con correzione prospettica sulle texture, mip mapping, environment mapping, lens flare, nebbia, supporto ad animazioni motion captured e un completo sistema particellare giusto per citare alcune delle caratteristiche salienti. Il motore, scritto interamente in assembly per ottenere il massimo delle prestazioni possibili, supporta inoltre il LOD management su texture e poligoni ed è ottimizzato per eliminare il rendering di poligoni nascosti.