Quarta puntata del nostro speciale dedicato al videogiocatore con le tasche bucate: E' il turno di Pro Evolution Soccer 2, Max Payne e Vrally 3.

Pro Evolution Soccer 2

Versione PAL del celebre Winning Eleven 6 nipponico, PES2 ha rappresentato un importante passo avanti nella serie, sia per quanto riguarda la giocabilità che il comparto tecnico. Nettamente più veloce e frenetico del suo predecessore, ha ammaliato milioni di fedelissimi in tutto il mondo anche grazie ad un sistema di controllo più snello e liberato da funzioni trascurabili (come i tre pulsanti adibiti alla corsa), che, tra le altre cose, ha riproposto la possibilità di gestire i passaggi tramite stick analogico destro, elemento un po’ sottovalutato ma che permette di sopperire ad alcune (rare) defezioni dell’intelligenza artificiale. Tecnicamente KCET si è nuovamente avvalsa del supporto offerto dal Renderware, dimostrando però una maggiore dimestichezza nel suo uso, implementando modelli poligonali dei giocatori decisamente più definiti e meglio animati, oltre che da stadi notevolmente più dettagliati e realistici. Peccato soltanto per alcuni difettucci veniali, come la gestione un po’ approssimativa del fuorigioco (poteva capitare che la linea dei difensori si fermasse alzando il braccio nonostante l’attaccante non fosse in fuorigioco, lasciandolo così libero di tirare a rete) e qualche sporadico problema nella gestione automatica dei passaggi, ma che non impediscono a PES2 di imporsi come miglior titolo calcistico disponibile al momento per il mercato PAL, almeno fino all'avvento (imminente) del suo seguito.
Voto: 9

Guida Giochi Platinum - Vol.4 Guida Giochi Platinum - Vol.4

Max Payne

Questo action game uscì originariamente per pc un paio di anni fa ed è stato poi convertito per PS2, ma come per la maggior parte delle conversioni PC-Console il lavoro svolto è stato abbastanza deludente. In Max Payne dovrete vestire i panni di un personaggio (guarda caso, dal nome di Max Payne) che si ritroverà immischiato in una storia piuttosto complessa, nata in seguito alla morte della moglie. La struttura del gioco è quella tipica di un’avventura in terza persona, il cui scopo principale è riempire di piombo i cattivi con un arsenale d’armi e completare i vari livelli per far progredire la trama. Max Payne di per sè è un ottimo gioco e può vantarsi di alcune innovazioni che l’hanno reso famoso: il Bullet Time e la narrazione della storia mediante scenette in stile fumetto, ma la conversione non è assolutamente all’altezza dell’originale per alcuni dettagli che vedremo tra poco. Tornando alle innovazioni, il Bullet Time altro non è che una particolare modalità che permette a Max di vedere tutto a rallentatore, in modo da dare la possibilità di avere più tempo per mirare nelle situazioni più frenetiche, ma anche più tempo per sottrarsi al fuoco nemico. Nella versione PC, grazie al Bullet Time, Max aveva la capacità di vedere i proiettili, con relativa scia, che venivano sparati contro il nostro eroe, creando scene molto suggestive (in stile Matrix per intenderci). Purtroppo, nella versione PS2, questi proiettili sono stati eliminati e non avrete la possibilità di vederli, il che rende il Bullet Time un semplice slow motion. I difetti però non sono finiti qui: ciò che è stato nettamente peggiorato rispetto alla versione originale è la grafica in generale. Il gioco risulta molto scattoso e le texture hanno colori slavati e sono tecnicamente di basso livello, questo rende il gioco dal punto di vista visivo molto scialbo e peggiora di molto anche la giocabilità proprio per il fatto di scorrere poco fluido. Per il resto bene o male è tutto stato riprodotto fedelmente, il sonoro è fantastico, il parlato è in lingua italiana e il racconto in stile fumettoso lo rende molto particolare. Il difetto grafico però è presente e si fa sentire in maniera elevata…un vero peccato.
Voto: 6,5

Guida Giochi Platinum - Vol.4 Guida Giochi Platinum - Vol.4

VRally 3

Con V-Rally 3, Eden Studios abbandona lo stile arcade che contraddistingueva la serie per adottare un approccio più simulativo. Le vetture presenti su schermo si riducono da quattro ad una mentre i punti sono ora assegnati in base ai tempi finali come in Colin McRae Rally. Nella modalità carriera il giocatore dovrà creare il proprio pilota da zero e con questo dovrà farsi strada nel campionato per ottenere ingaggi sempre migliori. Inizialmente partirete dalle auto di cilindrata 1.6 ma una volta ottenuti buoni risultati potrete salire alla classe 2.0 dove vi attendono vetture più performanti. I circuiti si trovano in sei locazioni e ogni singolo rally è diviso in cinque tappe, forse poche se confrontate con quelle dei diretti avversari. Nella fase pre-gara potrete modificare i numerosi parametri della vettura, ognuno dei quali influenza in maniera convincente il comportamento dell'auto. Il sistema di controllo è stato reso più simulativo, ciò significa che la vostra vettura reagirà ad ogni sollecitazione in maniera realistica a seconda della vostra abilità di guida e delle asperità del terreno. Inizialmente il comportamento delle auto sembrerà un po' scorbutico ma ci si fa l'abitudine, purtroppo a volte l'auto ha degli strani comportamenti soprattutto in caso di urto con le pareti del circuito, cosa che avverrà frequentemente viste le ridotte dimensioni della carreggiata. La gestione dei danni è molto realistica, occhio quindi a non subire troppi danni se non volete rimanere a piedi prima del previsto. Graficamente V-Rally 3 si difende bene dai concorrenti, le auto sono perfettamente riprodotte e si sfasciano e sporcano che è un piacere, inoltre un plauso ai progettisti che hanno lavorato al design dei tracciati, uno dei migliori mai visti. Peccato che l'ottimo lavoro dei grafici sia in parte rovinato da rallentamenti più o meno evidenti e da alcuni accostamenti cromatici che rendono difficoltosa la corsa in caso di pioggia o nebbia. In definitiva V-Rally 3 resta un ottimo gioco, anche se per i difetti accennati perde qualche punto ripetto al Colin e WRC2.
Voto: 7,5

Guida Giochi Platinum - Vol.4 Guida Giochi Platinum - Vol.4

Continua (e continuerà alla grande nel corso delle prossime settimane) il nostro speciale sui giochi platinum, giunto oramai alla quarta puntata. Dopo Grand Theft Auto 3, Resident Evil Code Veronica, Devil May Cry, Gran Turismo 3, Onimusha, Jak and Daxter, Final Fantasy X, Silent Hill 2 e Tekken Tag Tournament, è la volta di Pro Evolution Soccer 2, Vrally 3 e Max Payne. Buona lettura!

TI POTREBBE INTERESSARE