Mario & Luigi: Superstar SagaMario and Luigi: Superstar Saga 

Il seguito ufficioso di Paper Mario è ormai alle porte, scopriamone i segreti a pochi giorni dall'uscita

Mario and Luigi: Superstar Saga Mario and Luigi: Superstar Saga

Fight!

Il sistema di combattimento è ripreso, come accennato prima, da Paper Mario. I combattimenti saranno a turni come nei classici J-Rpg, ma non saranno casuali. L’immagine passerà dalla mappa del gioco al teatrino che ospiterà il combattimento solo nel momento in cui il giocatore entrerà in contatto col nemico. Il party sarà presumibilmente formato per tutto il gioco dai soli due idraulici, che potranno attaccare sia saltando in testa ai nemici sia tramite un martello, fare magie, usare oggetti e dar vita ad entusiasmanti attacchi in collaborazione. Se da un lato il limitato numero di personaggi utilizzabili potrebbe risultare un difetto, dall’altro aumenta sicuramente la strategia. Ad ogni combattimento guadagnerete punti esperienza, che sommandosi faranno salire di livello gli idraulici. Ci saranno diversi parametri da sviluppare, starà a voi decidere se bilanciare la coppia o renderla particolarmente abile in una delle caratteristiche disponibili. Quello che differenzia veramente questa saga dal resto degli J-RPG è la sua strana ma riuscitissima combinazione tra platform e, appunto, rpg. Dai gioco di ruolo eredita alcune cose, come la tipica successione esplorazione - città - dungeon, oppure l’accrescimento dei personaggi legato all’aumentare dei punti esperienza, o in parte il sistema di combattimento, ma a tutto questo si aggiunge l’inconfondibile spirito Mariesco. Ecco allora arrivare scenari totalmente interagibili, moltissimi enigmi sia logici che pratici, blocchi da spaccare e tanti, tanti salti da spiccare. Questo a scapito della trama e della cura rivolta ai personaggi non giocanti. E’ quindi un ottimo bilanciamento tra un gioco di ruolo, un platform e un’avventura.
Se il target di Mario and Luigi resterà lo stesso di Paper Mario allora avremo una main quest ottima con enigmi geniali, ma pur sempre semplice da portare a termine, avvalorata però da sub quest lunghe ed impegnative.
La grafica è ottima; lo stile è buono e originale, gli artwork ricordano in più di un’occasione Yoshi’s Island, uno dei più grandi successi artistici della Nintendo. La cosmesi generale è piacevolissima e i personaggi, estrapolati dai numerosi platform di Mario, sono ben rappresentati. La camera seguirà dall’alto l’avventura, tranne durante i combattimenti nei quali avremo un’insolita (per i giochi di ruolo) inquadratura orizzontale. Inutile discutere sul carisma dei due protagonisti, icone del mercato da decenni.

Alpha Nightmare

Non pochi dubbi aleggiavano all’E3 su questo nuovo team, l’Alpha Dream, praticamente sconosciuto fino all’annuncio di Mario and Luigi. Fortunatamente il lavoro svolto finora fa ben sperare. Alla solida base fornita dall’Intelligent System dalla quale sono partiti hanno saputo aggiungere dei nuovi intriganti fattori. Bisognerà vedere se sapranno tenere alta l’attenzione del giocatore per tutta l’avventura, in quanto uno dei pregi di Paper Mario era lo scegliere l’alleato ideale in base alle sue capacità speciali, che risultavano utili sia in battaglia sia durante l’esplorazione degli scenari. In questo caso avremo sempre la stessa coppia, bisogna solo sperare che l’ introduzione della collaborazione tra i due protagonisti possa dare origine a molti nuovi ed originali enigmi. Mario and Luigi dovrebbe uscire il 21 Novembre, le risposte arriveranno presto.
Le premesse per avere un gran gioco ci sono tutte.

Mario and Luigi: Superstar Saga Mario and Luigi: Superstar Saga

Mario and Luigi: Superstar Saga per Game Boy Advance è stata la sorpresa Nintendo all’ E3 2003. Il gioco è sotto lo sviluppo dell’Alpha Dream, un team interno nato da poco che si concentra principalmente sui giochi di ruolo. Finora ha sfornato due giochi, uno di Hamtaro e uno chiamato Tomato Adventure, sempre per GBA, sempre rpg, con lo stesso stile grafico che ha ora questo Mario and Luigi. Il titolo sembra essere l’erede di Paper Mario per Nintendo 64, anche se purtroppo al comando non c’è più l’Intelligent System che, speriamo, sia impegnata sul nuovo capitolo casalingo della saga. L’impostazione grafica è molto simile, il sistema di combattimento è praticamente identico e anche la miscela tra platform e rpg che rese grande Paper Mario sembra rimasta intatta, con addirittura qualche ottima aggiunta.
La novità principale dalle quale si dirameranno tutte le altre è la possibilità di usare i due idraulici contemporaneamente durante l’esplorazione, oltre che nei combattimenti. Il giocatore sceglierà quale personaggio muovere tra i due, l’altro lo seguirà a ruota. Dovrà occuparsi invece di far saltare entrambi gli idraulici, con A uno e con B l’altro. Quando ad esempio ci sarà da evitare un dirupo, il giocatore dovrà saltarlo prima col leader, e subito dopo col personaggio secondario. Molti enigmi inoltre saranno basati sulla cooperazione, infatti Mario potrà salire sulle spalle di Luigi e viceversa, in modo da raggiungere vette più elevate o, durante il combattimento, arrecare maggior danno al nemico.
Non sono certo le idee che mancano alla Nintendo.

TI POTREBBE INTERESSARE