Gears of WarMarketing the Console War - Intervista Xbox 360 

Nel caos dell'E3 abbiamo incontrato Richard Tevesham, responsabile marketing Xbox per l'Europa. Gli abbiamo chiesto della prossima infuocata Console War, del pad del Wii e del Blue Ray di PlayStation 3... e lui ha risposto!

[IMG=15856.51.g]

[/IMG] Multiplayer.it: Alla Press Conference sono stati mostrati molti titoli interessanti, ma quali saranno quelli su cui punterete il prossimo inverno?
Richard Tevesham: Penso che siamo in un periodo davvero fortunato con Xbox 360, soprattutto dal nostro punto di vista. I consumatori stanno entrando nella next gen e gli sviluppatori cominciano a sfornare prodotti veramente all’altezza, e basta vedere titoli come Ghost Recon Advanced Warfighter e Oblivion. Soprattutto questo rappresenta un’esperienza unica, in cui il giocatore passa il tempo solo a girovagare per prati e montagne ad annusare fiori ed ammirare paesaggi, poi è chiaro che anche il gioco è bellissimo, ma l’ambientazione diventa protagonista anch’essa grazie alla next gen. Quando ci avvicineremo al natale, avremo 160 giochi per Xbox 360 e saranno giochi per tutti, da Pro Evolution Soccer, a Viva Pinata, giochi di sport e d’azione. Tra tutti quelli presentati alla conferenza, ne posso scegliere alcuni, e per quanto mi riguarda sceglierei Alan Wake dei Remedy (ora esclusiva Xbox 360 ndr), ma da un punto di vista del marketing sarà importante far capire ai consumatori che abbiamo giochi per tutti, ragazzi o adulti. Noi mettiamo a disposizione un hardware e gli utenti ne faranno l’uso che preferiscono e compreranno ciò di cui hanno bisogno. Non li obbligheremo a cambiare il loro modo di giocare, non li forzeremo a comprare periferiche per i film in High Definition (si riferisce al Blue Ray di PS3 ndr), noi diamo la possibilità a chi compra Xbox 360 di vivere l’esperienza più vicina alle proprie neccessità.

Marketing the Console War - Intervista Xbox 360 Marketing the Console War - Intervista Xbox 360



Multiplayer.it: L’anno scorso Peter Moore disse che il vostro obiettivo era quello di distribuire 10 milioni di Xbox 360 entro 18 mesi dal lancio, un anno e mezzo. Ora, contate di raggiungere tale cifra in soli 12 mesi, in tempo per il lancio di PlayStation 3. Le cose stanno andando meglio del previsto?
Richard Tevesham: Se avessi potuto esprimere un desiderio, sarebbe stato l’avere più console per il lancio, che dal punto di vista del marketing è stato piuttosto difficile da gestire. Questo ci ha davvero danneggiato. Ora, però, abbiamo tre impianti che producono console a ritmo serrato e non abbiamo più problemi di stock di alcun tipo, gli acquirenti possono reperire 360 senza problemi e la distribuzione sta diventando di giorno in giorno più capillare, il che porta ad un notevole aumento del distribuito. Per il prossimo Natale, i negozi saranno pieni di Xbox 360 e se, e sottolineo SE, i nostri avversari ce la dovessero davvero fare ad uscire con le nuove console per Dicembre, avranno molte poche unità a disposizione e la nostra diventerà la console di Natale e faremo di tutto per trarre vantaggio da questa situazione. E quindi sì, le cose stanno andando meglio di quanto ci aspettassimo e siamo molto felici dei risultati che stiamo ottenendo.

aspettare Novembre, spendere 200€ in più per acquistare PS3 ed avere pochi titoli da giocare, o entrare da subito nella nextgen, risparmiando ed avendo accesso ad un parco giochi tanto più vasto?



Multiplayer.it: Ieri è stato ufficialmente presentato il lettore HD DVD per Xbox 360. Quale sarà la strategia di marketing per lanciare questa periferica?
Richard Tevesham: Anche per il lettore HDDVD il concetto è sempre quello di offrire ai nostri utenti una possibilità di scelta in più. Se uno di loro ha un televisore HD e vuole vedere i film a 1080p, da Natale avrà la possibilità di farlo senza costrizioni e senza obbligare tutti a comprare una console più cara a causa di questa feature già inclusa. Provo a mettermi nei panni dei videogiocatori italiani e mi chiedo cosa vorranno fare: aspettare Novembre, spendere 200€ in più per acquistare PS3 ed avere pochi titoli da giocare, o entrare da subito nella nextgen, risparmiando ed avendo accesso ad un parco giochi tanto più vasto? E nel prossimo anno avranno a disposizione PES, Halo 3, Grand Theft Auto IV, Lost Planet e tutti gli altri titoli che, a parer mio, dovrebbero rendere la scelta scontata.

Marketing the Console War - Intervista Xbox 360 Marketing the Console War - Intervista Xbox 360

Multiplayer.it: In tutto questo, che ruolo avrà Xbox Live? Che tipo di contenuti offrirete ai possessori di Xbox 360?
Richard Tevesham: Ci siamo resi conto che la maggior parte degli utenti identifica Xbox Live con il gioco in rete. Xbox Live è come andare in un club dove non si è mai stati prima. La gente si diverte, ma andarci da soli mette soggezione, quindi è preferibile andarci con gli amici, che sono la vera chiave. Xbox Live, di primo acchito, è l’occasione per giocare online con i propri amici da tutto il mondo. Il passo successivo, una volta entrati in confidenza con il servizio, è quello di sfidare gente al di fuori della propria cerchia di conoscenze e di provare cose nuove, insieme a persone con il profilo simile, ed è per questo che abbiamo inserito le diverse zone d’utenza per migliorare il servizio di Matchmaking. Questa è la direzione in cui andrà tutto il servizio, quella di offrire livelli di customizzazione per rendere l’esperienza online quanto più vicina alle diverse esigenze, cercando di rendere l’accesso a questo “club” il più semplice possibile per tutti. Quanto ai contenuti vedrete sempre più video in esclusiva, trailer di film e contenuti extra videogame. Il vantaggio che abbiamo rispetto ai nostri concorrenti è quello di avere già una comunità di 3 milioni di utenti dedicati, molto attivi (a livello di download e di gioco online) e che diffondono la voce. Sono la nostra risorsa ultima per il successo del servizio, e saranno i loro desideri ad indirizzare l’evolversi di Xbox Live.

Sony è stata ancora troppo vaga con la definizione dei contorni del loro progetto online. Io credo fermamente che non sarà del tutto gratuito

Multiplayer.it: Xbox Live, adesso, si distingue nei due livelli, Silver e Gold, con un sacco di opportunità offerte gratuitamente agli utenti (i filmati, le demo, la chat e gli obiettivi ad esempio). Ancora, però, è previsto l’abbonamento annuale a pagamento per il multiplayer vero e proprio. Sony ha annunciato che il gioco online per PS3 sarà completamente gratuito. Non è una contraddizione con il vostro progetto online?
Richard Tevesham: Sony è stata ancora troppo vaga con la definizione dei contorni del loro progetto online. Io credo fermamente che non sarà del tutto gratuito. Ad esempio, potrebbe darsi che mettano a disposizione degli sviluppatori solo i server di base della struttura, lasciando a questi ultimi le spese di gestione dei server dei singoli giochi. A questo punto, saranno gli sviluppatori a decidere se far pagare o meno per un gioco, e sono convinto che quei soldi prima o poi verranno messi in conto agli utenti.

Marketing the Console War - Intervista Xbox 360 Marketing the Console War - Intervista Xbox 360

Multiplayer.it: Un altro elemento molto importante della prossima Console War sono diventati i controller. Nintendo ha deciso di cambiare completamente con Wii e il suo telepad, Sony ha in parte seguito questa strada, introducendo il sensore di movimento nel pad di PS3. Cosa pensi di tutto questo e del fatto che Xbox 360 sembra essere rimasta la sola console con un controller tradizionale?
Richard Tevesham: Beh, nel 1999 Microsoft ha lanciato il Sidewinder Freestyle, che sostanzialmente equivale al pad di PS3 e, sia chiaro quindi, quest’idea non è affatto nuova. Detto questo, se ci pensi, una delle cose migliori di Xbox 360 è proprio il pad: naturale, confortevole, e i giocatori, semplicemente, lo amano. Continueremo su questa strada e sicuramente introdurremo nuove periferiche e nuovi metodi di controllo che siano in grado di ampliare veramente il mercato (all’E3 sono state annunciate la telecamera e il volante per Xbox 360 ndr).

Venendo al Wii, sicuramente è un’idea interessante, ma prendete me per esempio, che ho 41 anni, non penso proprio che mi metterò a gesticolare davanti ad un televisore per giocare

Venendo al Wii, sicuramente è un’idea interessante, ma prendete me per esempio, che ho 41 anni, non penso proprio che mi metterò a gesticolare davanti ad un televisore per giocare, e penso che mi stancherei della novità dopo dieci minuti. Bisogna dare credito a Nintendo per il tentativo e per l’idea, ma sono sicuro che dopo un po’ le persone sentiranno il bisogno di tornare alla vecchia impostazione di gioco, pad alla mano. E il pad del 360 è il migliore in circolazione, semplicemente perché funziona. Il Sidewinder Freestyle non ha funzionato, a suo tempo, e i giocatori sono voluti tornare al vecchio pad. Noi innoveremo in altro modo, con le cuffie wireless, la telecamera ed altro ancora. Nel caso di PS3, inoltre, l’innovazione del pad viene al costo della vibrazione e quando gli utenti giocheranno al prossimo Gran Turismo, il pad non vibrerà in curva, ad esempio. L’evoluzione di Sony ha un prezzo e non so quanto pagherà. Microsoft spinge sul software, sulla comunità di Xbox Live e sulle richieste che da questa provengono a gran voce. L’atteggiamento di Sony è diverso, parte dalla tecnologia e forza gli utenti a seguirla.

Marketing the Console War - Intervista Xbox 360 Marketing the Console War - Intervista Xbox 360

Multiplayer.it: Il prossimo inverno sarà fondamentale per la Console War. Come pensi che riuscirete a comunicare al pubblico questa differenza tra voi e Sony?
Richard Tevesham: Sono tre le cose che ci differenziano e che dobbiamo assolutamente far arrivare al pubblico. La prima è il parco giochi. Avremo 160 giochi next gen entro Natale, Sony ne avrà una decina. Avremo la varietà, e offriremo ai consumatori l’opportunità di scegliere realmente quali generi giocare. La seconda è la comunità di Xbox Live, composta oramai da più di tre milioni di utenti, e il Live Arcade. Questi elementi li abbiamo solo noi e sono in fase avanzata. Anche se Sony dovesse dare inizio ad un progetto online simile al nostro, sarebbe in fase embrionale, dove noi eravamo quattro anni fa. Ora noi siamo alla versione 5 o 6 del Live, per farti capire, ed andremo avanti, mantenendo le distanze. Il terzo punto è il tipo di sentimento che vogliamo legare al marchio Xbox 360. Xbox 1 era potenza bruta, era un legame irrazionale tra i giocatori e la console. Ora vogliamo che si leghi Xbox 360 all’idea dei giochi giusti, della giusta esperienza. Non vogliamo spingere sulla potenza bruta, sulla tecnologia imposta agli utenti e sul prezzo più alto degli altri come fanno i nostri avversari… anche perché conosco un’altra casa che ha fatto la stessa cosa quattro anni fa e ha perso la Console War (Microsoft con Xbox ndr).

Avremo 160 giochi next gen entro Natale, Sony ne avrà una decina. Avremo la varietà, e offriremo ai consumatori l’opportunità di scegliere realmente quali generi giocare

Multiplayer.it: Anche J Allard (Vice Presidente Corporate di MS ndr) parla della filosofia alla base di Xbox 360 e della possibilità di scelta offerta agli utenti. Ma pensi che sia quella giusta davvero? Quella che consentirà finalmente a Microsoft di realizzare dei profitti col settore console?
Richard Tevesham: Mi chiedi se vogliamo fare soldi con Xbox 360? Certamente sì! Abbiamo investito ingenti quantità di denaro nella nuova console e continueremo ad investire. Non so quando 360 andrà in attivo, cercheremo di ridurre i costi di produzione, di lavorare sull’economia di scala e di far tutto quel che ci è possibile per rendere il nuovo progetto economicamente vantaggioso. Ma non sacrificheremo la ricerca e l’innovazione per questo. Il nostro obiettivo è raggiungere quei 10 milioni di console entro Novembre. Storicamente, quella soglia è quella della sicurezza per un hardware, guardando al passato. Ed anche se non è detto che il passato si ripeta, se noi riusciamo ad essere in quella posizione prima che i nostri avversari siano sul mercato, beh probabilmente molti sviluppatori vorranno sviluppare principalmente per Xbox 360, proprio perché avrà già una base installata molto ampia. E da lì si instaurerà un circolo virtuoso fatto di nuove console vendute e nuovo software.

Marketing the Console War - Intervista Xbox 360 Marketing the Console War - Intervista Xbox 360

Multiplayer.it: Queste ipotetiche 10 milioni di console saranno anche sufficienti a far decidere le case cinematografiche tra HD DVD e Blue Ray, così da rendere Xbox 360 determinante nella Guerra dei formati in alta risoluzione?
Richard Tevesham: Se io lavorassi in una casa di produzione, starei alla finestra a vedere cosa succede e quale formato si afferma. Molti studi, in realtà, produrranno moderatamente per entrambi i formati, in attesa di capire quale avrà il sopravvento. Non appena uno dei due prenderà il largo, la strada sarà segnata e tutti la seguiranno. Negli USA l’HD DVD è già stato lanciato e sta andando molto bene, con buon riscontro da parte degli utenti e alla fine la differenza tra Blue Ray e HD DVD per i consumatori è irrilevante. È una guerra di formati tra produttori, che non ha un reale significato per gli utenti. Quanto può essere in alta definizione un film, fino a quanto può migliorare la qualità dell’immagine? Guarda, io ho pure gli occhiali [ridendo ndr]! Non saprei dirti quale vincerà tra i due, so che l’HD DVD è un ottimo formato, dai costi di produzione molto contenuti, so che è facile da produrre e siamo convinti che alla fine la spunterà sul Blue Ray. Ma noi siamo concentrati sui giochi. Quel che voglio dire è che Sony sembra trattare PlayStation 3 come fosse la salvatrice dell’azienda, l’oggetto su cui puntare per il futuro di tutta la società, e tratta i giochi solo di riflesso, come un’appendice.

Sony sembra trattare PlayStation 3 come fosse la salvatrice dell’azienda, l’oggetto su cui puntare per il futuro di tutta la società, e tratta i giochi solo di riflesso

Multiplayer.it: Diminuirete il prezzo di Xbox 360, quando uscirà PlayStation 3 sul mercato?
Richard Tevesham: [ridendo] Non posso dirti tutto, ma tu cosa faresti? Hai un competitor che esce sul mercato in ritardo, con meno giochi e a 200€ di più… Perché dovresti voler abbassare il prezzo della tua console? Non sto dicendo né che lo faremo, né che non lo faremo, è ancora presto per dirlo, ma cerco di farti capire che può darsi che non sia affatto necessario. Anche perché Xbox 360 ha un ottimo rapporto qualità prezzo, partendo da 299€. Avremmo potuto uscire ad un prezzo molto più alto anche noi, ma semplicemente non pensiamo che avrebbe funzionato.

Marketing the Console War - Intervista Xbox 360 Marketing the Console War - Intervista Xbox 360

Richard Tevesham, responsabile marketing Xbox 360 per l’Europa, è un signore inglese sui quaranta. Abbiamo fatto la sua conoscenza all’E3 di quest’anno insieme ad un gruppo di colleghi italiani ed è stata una piacevole sorpresa. In pieno clima da fiera, con PlayStation 3 e Nintendo Wii che mostravano i denti, questo simpaticissimo executive si è lasciato andare ad una lunga chiacchierata dove ne sono venute fuori davvero delle belle. Ora, con il polverone della fiera finalmente placato, è forse il momento più giusto per leggere di Xbox 360, di Xbox Live, dei joypad di Wii e PS3, del Blue Ray e HDDVD, e della prossima feroce Console War. Ovviamente dal punto di vista di uno dei competitor, ovvero di Microsoft!

TI POTREBBE INTERESSARE