Medieval II: Total War (Medieval 2: Total War)Medieval 2: Total War - Speciale 

Carlo V ha impiegato anni a non far mai tramontare il sole sul suo regno: a voi basteranno 20 minuti e questo articolo.

Cenni preliminari

Il primo passo nella Vecchia Europa comincia sempre con la scelta di quale fazione comandare e portare alla gloria: si tratta di una scelta assolutamente fondamentale e rilevante, visto e considerato che dovrete accudirla per più di 300 anni.
Sfortunatamente ogni singola fazione presenta dei vantaggi e dei punti deboli, e di conseguenza, non ne esiste una migliore di un’altra, rendendo particolarmente divertente scoprirne i pregi e i difetti di persona.
Anche dopo aver scelto la vostra fazione, gli annoverosi dubbi amletici non finiranno qua, ma dovrete anche decidere con quale filosofia governare la vostra nazione: preferite essere bellicosi, pronti a schiacciare il nemico con le vostre armate, ma correndo il rischio di diventare un Impero Romano del futuro, oppure preferite la sottile azione della diplomazia, magari facendo affidamento a veloci e misteriosi assassini per eliminare i personaggi più scomodi?
Medieval 2: Total War si distingue, in maggior modo rispetto ai suoi predecessori, proprio per la moltitudine di strade diverse, tutte liberamente percorribili, e noi ci siamo proposti di descriverle tutte: buona lettura!

Medieval 2: Total War - Speciale Medieval 2: Total War - Speciale

La Fazione

Come detto, la fazione da controllare è la prima e complicata scelta che sarete chiamati a compiere: non esiste, purtroppo, una fazione migliore delle altre, ma tutte, in egual modo, possono portarvi alla vittoria oppure ad una sonora sconfitta.
La scelta, se preferire i Franchi piuttosto che i Turchi, dipende unicamente dal vostro stile di gioco, ma siamo sicuri che, una volta identificati correttamente in una di queste categorie, non avrete difficoltà a conquistare il mondo intero!
Se il vostro stile di gioco è decisamente aggressivo, prendete seriamente in considerazione una di queste fazioni: gli Spagnoli, risulteranno particolarmente validi verso la fine del gioco grazie ai Conquistadores e ai moschiettieri, oltre a poter contare sui sempreverdi cavalieri ospitalieri, oppure scegliete i Francesi, molto forti inizialmente, ma non potrete contare sulle unità migliori nel Tardo Medievo.
Medieval 2: Total War - Speciale Ancora, potrete lanciarvi sui Tedeschi, anche se avrete il grosso svantaggio di essere, almeno all’inizio del gioco, completamente circondati dai nemici.
Vi sconsigliamo, malgrado siano giocabili, le fazioni orientali, per il semplice fatto che, verso la metà del gioco, dovranno fare i conti coi Mongoli, e più avanti coi Tartari: nelle nostre prove, siamo rimasti completamente impegnati nella difesa dei nostri territori che ci è stato impossibile lanciarci in campagne di conquista.
Se preferite uno stile di gioco più equilibrato, puntate su tutte le fazioni italiane (Milanesi e Siciliani) tranne Venezia, oppure sui Turchi, i Mori, i Polacchi e i Danesi: considerate che, queste ultime due fazioni, riceveranno la visita dei Mongoli e dei Tartari, quindi aspettatevi un notevole incremento negli scontri verso la metà del gioco, oltre a dover fare i conti con dei molestissimi Tedeschi, pronti a sfruttare qualsiasi momento di debolezza.
Se invece siete più sul difensivo, la vostra scelta obbligata è rappresentata dagli Inglesi, i quali grazie alla loro posizione geografica potranno contare su molte difese naturali, oppure sugli Scozzesi, per le stesse ragioni dei loro vicini. Non trascurate nemmeno la Serenissima (vale a dire Venezia), che se condotta con sapienza, vi permetterà di costruire un impero assolutamente invincibile, almeno sul piano difensivo; considerate anche le fazioni orientali degli Egizi, dei Russi, degli Ungheresi, decisamente valide, anche se non particolarmente caratterizzate.
Vi sconsigliamo invece, nella maniera più totale, di utilizzare il Portogallo oppure i Bizantini: il primo perché comincereste con solo due territori, nemmeno limitrofi, e continuamente minacciati dall’avidità di Spagnoli e Mori, mentre il secondo unicamente perché noioso. Non scherziamo, i Bizantini non sono stati, a nostro giudizio, caratterizzati in alcun modo. In linea generale possiamo dirvi che tutte le fazioni, se condotte con sapienza, vi porteranno alla vittoria, chi con più difficoltà, chi con meno, ma dipenderà solo da voi raggiungere il successo o il fallimento...

Strategie Economiche

Se pensavate che i vostri problemi si esaurissero con la scelta oculata della fazione, possiamo dirvi che siete completamente fuori strada: è infatti risaputo che, in Medieval 2 come nella realtà, senza soldi non si va da nessuna parte.
Ora, la moneta corrente nel mondo pensato da Creative Assembly sono i fiorini, vale a dire la vostra unica e fondamentale fonte di sostentamento: una nazione senza moneta avrà necessariamente un esercito ridotto e pochissime possibilità di lanciarsi in grosse campagne militari ed è, alla lunga, destinata a scomparire.
Fortunatamente gli sviluppatori hanno pensato a molteplici modi per farvi racimolare il denaro necessario a condurre la vostra fazione alla vittoria: per ironia (voluta o meno), sarà proprio la vostra fonte d’uscita più gravosa quella a farvi ricavare maggior guadagni, vale a dire la Guerra.
Medieval 2: Total War - Speciale Se riuscite, fin dall’inizio della partita, ad armarvi con unità piuttosto forti per l’epoca corrente, nessuno potrà più fermarvi: una volta conquistata una città, non esitate assolutamente a lanciarvi in un feroce saccheggio, specialmente se si tratta della città capitale del nemico: anche la fazione più povera potrà sicuramente “donarvi” una cifra variabile dai 15.000 fiorini fino alla bellezza di 35.000, cifre che vi renderanno scorrevoli e facili i turni a venire.
Il saccheggio vi permette non solo di salvaguardare la popolazione (almeno in parte), ma anche di non danneggiare troppo l’equilibrio della città: installarsi e basta porta spesso, nel breve periodo, a delle rivolte, mentre massacrare la popolazione significa rallentare terribilmente lo sviluppo cittadino, azione particolarmente dannosa sul lungo periodo.
Se preferite affrontare Medieval 2 seguendo un’ottica meno cruenta, un’ottima alternativa al saccheggio è rappresentata dal Commercio: appena potete, inviate i vostri emissari in giro per tutto il mondo (così lo esplorerete anche), stringendo a destra e a sinistra dei patti per i diritti commerciali, vero e proprio toccasana per la vostra economia.
Conclusi i trattati commerciali, un buon mercante deve anche saper adeguarsi alle esigenze del commercio: costruite, nelle vostre città, tutte le possibili evoluzioni di strade, mercati, fiere e porti, non lesinando ovviamente sulla protezione dell’urbe stessa: non dimenticate che un pesce ricco (come voi) rappresenta un bottino molto ghiotto per tutte le fazioni particolarmente povere, siano esse controllate dal computer, o gestite da un essere umano: tralasciate quindi le dispendiose officine d’assedio, ma preoccupatevi soltanto di avere buone mura e un’ottima flotta, assolutamente indispensabile per prevenire i blocchi portuali.
Medieval 2: Total War - Speciale Se ancora volete un’altra alternativa, non vi resta che ricorrere al tristemente noto Bullismo: il sistema diplomatico di Medieval 2 è particolarmente sofisticato, e prenderà in considerazione numerose variabili, quali le dimensioni delle vostre armate, e la loro posizione: piazzate i vostri migliori generali nei pressi del confine, ammassate tutte le truppe e inviate un emissario alla nazione limitrofa: a questo punto vi basterà calcare un po’ la mano, arrivando a sottili minacce, per ottenere degli ottimi tributi, anche da 2000 fiorini al turno, per un discreto numero di turni...
Ovviamente, il retro della medaglia è che se la nazione non gradisce il vostra atteggiamento, vi trascinerà in una guerra, con conseguenze decisamente pericolose.

Strategia Mon Amour

Le finanze, tuttavia, non saranno mai elevatissime, visto che con l’aumentare delle entrate aumentano, logicamente, anche le uscite, grazie ad eserciti militarmenti migliori e a città sempre più grandi.
Dopo aver sistemato le questioni monetarie, non vi resta che procedere a scoprire l’essenza vera e propria di Medieval 2, vale a dire le Battaglie.

Medieval 2: Total War - Speciale

Strategia Mon Amour

Tutti i vostri scontri prevedono, necessariamente, due fasi: la prima, strategica, ed una seconda, tattica.
In questo paragrafo ci preoccuperemo di svelarvi alcuni utili suggerimenti per una migliore gestione strategica delle vostre unità.
Prima di tutto, assicuratevi di avere sempre un generale a comando di un esercito, perché non solo aumenterà l’efficacia di combattimento di ogni unità, ma ne impedirà anche la sua corruzione da parte di emissari nemici: può essere terribile, dopo aver passato 4 o 5 turni a crearvi il vostro super-esercito, vedervelo scomparire e cambiar barriera semplicemente per del vile denaro; terribile e anche piuttosto dannoso.
Può capitare di non disporre di un generale, ma questo non rappresenta un problema per una vostra bella principessa: speditela in territorio nemico e fatele conquistare il cuore di un valoroso generale avversario, così da portarlo a combattere per la vostra causa.
Secondo punto fondamentale è rappresentato dalla qualità; a differenza di quanto si possa pensare, la maggioranza numerica non influisce così pesantamente, e una sola unità di soldati addestrati, ben equipaggiati e veterani potrà tener testa a numerose altre unità di “esperienza” minore: la strategia di far evolvere le vostre truppe, fornendogli il non plus ultra che i vostri fabbri possono creare, si rivela assolutamente vincente: da un lato risparmierete sui costi di mantenimento, e dall’altro avrete poche unità, ma molto buone, con una migliore possibilità di gestione durante gli scontri.
Gli esempi non mancano: basta guardare i fiumi umani degli Aztechi, paragonati anche solo ad una unità di Conquistadores o di Moschettieri: in pochi minuti la grande maggioranza dei poveri nativi sarà ridotta alla fuga e voi ci avrete rimesso pochissimi uomini.
Ovviamente, oltra all’esperienza (come avrete intuito dall’esempio sopra), conta terribilmente anche il grado di tecnologia militare utilizzata: i Fanti Veneziani, veri e proprio carriarmati dell’epoca medievale, tanto eccellono nel combattimento all’arma bianca (vale a dire i massacri coi martelli), tanto poco possono contro un piccolo gruppo di moschiettieri o pistoleri.
La scelta del tipo di unità da inserire all’interno di una vostra armata verrà tratta in seguito, mentre ricopre un ruolo di fondamentale importanza la scelta del Campo di Battaglia: è assolutamente riduttivo accontentarsi di dove verranno schierate le proprie truppe, ma nelle partite multigiocatore oppure a livelli di difficoltà elevata risulterà, a dir poco fondamentale: alle volte conviene ritirarsi proprio per prendere possesso di una zona tatticamente migliore. Dover difendere un ponte, oppure posizionarsi in cima ad una ripida collina vi permetterà di sopravvivere anche in forte inferiorità numerica, semplicemente facendo affidamento sulle vostre conoscenze militari.
Medieval 2: Total War - Speciale Prendiamo l’esempio della difesa di un ponte: il nemico, non potendo avanzare tenendo una formazione, sarà necessariamente obbligato ad ammassare tutte le sue truppe insieme, per farle passare al di là del fiume; a voi basterà posizionare delle unità da tiro in modo da coprire dalla metà del ponte in avanti (altrimenti rischiate di venir bersagliati dai nemici) e in pochi secondi potrete ammirare il contatore dei morti avversari salire in maniera vertiginosa: il risultato viene ancora meglio se, all’interno della vostra armata, saranno presenti due o più unità d’assedio, come catapulte o cannoni, veramente devastanti contro le truppe di terra.

Le nostre armate

Prima di andare a parlare delle tattiche militari sul campo, è necessario fare una piccola premessa sulla composizione delle vostre armate: dimenticate le armate strutturate in maniera da essere assolutamente invicibili contro un particolare tipo di nemico; se questra strategia funziona in Shogun, l’IA dei nemici di Medieval 2 (e soprattutto quelli in carne e ossa) avranno l’abitudine di creare degli eserciti il più variegati ed eterogenei possibili: questo per la semplice ragione che il sistema di combattimento richiama lo schema della morra cinese: i lancieri saranno mortali anche per le migliori truppe a cavallo, ma contro un gruppo di arcieri o fanti non avranno possibilità di salvezza; al tempo stesso, gli arcieri saranno massacrati dai cavalieri, senza alcuna difficoltà.
Risulta quindi ovvio, quanto inutile, andare a reclutare un’armata di soli lancieri quando poi vi basterà incappare nella più scarsa unità da tiro per vederli spazzati via.
Sorge quindi spontanea la domanda se esiste la composizione perfetta: strano, ma vero, la risposta è sì, ed è la seguente:

Ricetta dell’armata perfetta: 4 unità da tiro, come gli Arcieri Contadini 3 unità economiche, come i Lancieri della Milizia 4 unità per lo scontro di mischia, come i Cavalieri Appediati 2 unità di cavalleria, come i Cavalieri dei Mercanti 2 unità d’assedio, come le Catapulte 1 un vostro Generale Un’armata, così composta, è in grado di dare del filo da torcere anche a diverse altre armate ugualmente numerose, potendo anche affrontare più scontri in rapida successione.
Considerate che sono fondamentali (come vedremo) le unità d’assedio, utilissime per tenere sotto pressione il nemico ed indurlo a compiere dei gesti avventati, mentre altrettanto utili saranno le unità economiche, chiamate a ricoprire il ruolo della vostra carne da cannone.
Ricordatevi anche che lo scopo di ogni scontro non sarà solo quello di sconfiggere il nemico e catturare quanti più prigionieri possibili, ma anche quello di limitare al massimo le vostre perdite: non vi servirà a niente aver mandato in rotta il nemico se poi vi ritrovate con un’armata decimata e senza alcun valore militare.

Al mio segnale, scatenate l’inferno!

Quale migliore citazione, per introdurre il paragrafo sulla tattica, se non una tratta dal capolavoro di Ridley Scott, il Gladiatore?
Chiusa la breve parentesi, assolutamente inutile tra l’altro, viene ora il momento di illustrarvi le migliori tattiche per riuscire (niente meno!) a mettere in rotta il nemico, catturare il maggior numero di prigionieri, ridurre al minimo le perdite ed ottenere il numero di cellulare di una modella svedese...
Una volta entrati nel campo di battaglia, dovrete preoccuparvi di schierare le vostre truppe: alcuni potrebbero obiettare che questo dipende dalla mappa in cui ci si trova a combattere, ma essenzialmente si può desumere una ratio comune; prendendo come riferimento l’Armata Perfetta di cui sopra, in prima linea dovrete schierare le unità economiche, quelle che presumibilmente dovranno attutire l’impatto della carica del nemico.
Se poi si tratta di Lancieri, magari anche di alto livello e tecnologia, come i Picchieri francesi, allora sarete in grado di creare un vero e proprio muro di lance, obbligando il nemico a sacrificare buona parte delle sue unità.
La vostra astuzia non starà però nel sacrificare le unità economiche, ma nel sottoporre l’avversario ad un continuo fattore di stress: le unità d’assedio prima, e gli Arcieri poi, bersaglieranno con proiettili infuocati le sue unità, seminando panico e riducendo il morale ai minimi storici.
Medieval 2: Total War - Speciale Una piccola nota va mossa nei confronti dell’utilizzo “creativo” di quelle che dovrebbero essere le unità d’assedio; ordinare ad una catapulta di sparare proiettili infuocati produce innumerevoli effetti: su tutti, una assoluta devastazione se uno dei suoi colpi investe la formazione nemica, ma non bisogna nemmeno dimenticare che, nel caso giocaste contro un altro essere umano, questo sarà terribilmente preso dall’ansia di mettere al riparo le sue truppe che, probabilmente, farà l’errore di caricarvi, ottenendo proprio l’effetto che speravate.
I vostri Arcieri, benché non fondamentali, saranno molto utili per abbattere il morale nemico, investendoli letteralmente con un torrente di frecce infuocate: non aspettatevi di mietere un gran numero di vittime, siccome questo tipo di freccia è molto imprecisa, ma ogni singolo colpo andato a segno farà inesorabilmente crollare il morale dei nemici di un poco.
La ragione per cui, a nostro avviso, risulta fondamentale in ogni scontro abbattere il morale piuttosto che eliminare fisicamente le unità, è piuttosto semplice: i nemici, investiti da frecce e palle di fuoco, alla prima vostra carica di cavalleria andranno in rotta, e se riuscirete a far fuggire tre o quattro unità contemporaneamente, subito anche le altre le seguiranno, permettendovi di vincere moltissimi scontri con facilità.
Abbiate cura, tuttavia, di non cadere nell’errore di cedere alla fretta: Medieval 2 richiede moltissima pianificazione e la presunzione della superiorità numerica non deve farvi pensare di sfruttare la tattica del tank rushing, vale a dire selezionare tutte le unità e lanciarle al macello.
Risulta lecito, a questo punto, domandarsi cosa fare nel caso in cui ci si trovi dall’altra parte della barricata, vale a dire nel caso in cui dobbiate affrontare “l’armata perfetta”: in questa poco auspicabile situazione, la tattica migliore è senza dubbio quella di riflettere; tuttavia risulta difficile riflettere vedendovi piovere addosso massi infuocati o colpi di cannone.
Se mai vi dovreste trovare in questa situazione, adottate la tattica più semplice in assoluto: prendete le vostre unità e spostatele nel punto più elevato della mappa, magari in cima ad una collina, oppure all’interno di un bosco e aspettate: in questo modo, il vostro ingegnoso nemico si troverà nella condizione di dover spostare i proprio pezzi di artiglieria, assolutamente lenti e poco maneggevoli; approfittate di questi momenti di confusione per lanciare all’assalto le vostre truppe economiche, seguite da quella da mischia, mentre le due unità di cavalleria si preoccuperanno di attaccare lateralmente la formazione avversaria; considerate che il vostro obiettivo primario sono le unità d’assedio, perché una volta distrutte, la situazione sarà completamente ribaltata: voi avrete i “pezzi grossi” e potrete bombardare la formazione avversaria da lontano.

Colombo Docet…

Una delle più divertenti novità introdotte da Medieval 2 è, senza dubbio, la possibilità di lanciarsi alla conquista del Nuovo Mondo, o meglio, al libero massacro degli Aztechi.
Prima di cominciare l’esplorazione e la conquista, assicuratevi di avere una situazione interna piuttosto stabile, onde evitare di portare gli scontri su due posizioni, contemporaneamente.
Medieval 2: Total War - Speciale Nel vademecum del Buon Conquistadores rientra, soprattutto, la creazione di un’armata quanto più possibile avanzata: non sperate di sconfiggere il popolo azteco contando sulla superiorità numerica, perché difficilmente riuscireste a sopraffarli; fate invece affidamento sui cannoni, sui moschettieri e sulla cavalleria pesante, che contro quei selvaggi arretrati non potranno nulla.
Non aspettatevi però degli scontri semplici: il più delle volte dovrete affrontare dei veri e propri fiumi di persone, terribilmente arrabbiate e poco inclini al dialogo: assicuratevi quindi di avere a vostra disposizione anche qualche unità da mischia economica, giusto per contenere l’assalto diretto.
Alla luce di quanto detto, possiamo provare a stilare la composizione dell’armata perfetta del perfetto Conquistadores: 4 unità di cannoni, come i Basilischi 4 unità economiche, come i Lancieri della Milizia 5 unità di tiratore con armi da fuoco, come i Moschettieri 2 unità di cavalleria pesante, come i Conquistadores La tattica per aver la meglio sui nativi è piuttosto semplice: schierate le unità economiche in prima linea, e subito dietro quelle da tiro; in questo modo, quando i selvaggi caricheranno, a voi non resterà che attutire l’impatto con i Lancieri, mentre dietro i Moschiettieri continueranno, in tutta sicurezza, a mietere vittime.
Le unità d’assedio, vale a dire i cannoni, saranno particolarmente efficaci malgrado la loro scarsa precisione: dovendo sparare su eserciti nemici incredibilmente grandi (sempre intorno alle 1500 unità), non dovreste avere difficoltà a colpire qualcuno: assicuratevi però di aver attivato la munizione speciale, quella esplosiva, così da incrementare ulteriormente il danno.

Inutilità e Religione

Nell’ultimo capitolo di questa guida miriamo a mettervi in guardia circa i colossali elementi inutili in Medieval 2: si parte coi Mercanti assolutamente costosi e che non migliorano di niente l’economia, visto e considerato che di mantenimento pagherete intorno ai 200 fiorini, e nessun mercante riuscirà a rientrare nei “suoi” costi.
Al secondo posto per inutilità si piazzano gli Assassini: a meno che non abbiate costruito una Gilda, far progredire di esperienza il vostro omicida prezzolato sarà praticamente impossibile: i suoi bersagli sensibili e importanti, come Generali, Diplomatici e Capifazione dispongono, sempre, di un elevatissimo livello di protezione, assestando sui minimi storici (5-20%) le possibilità di riuscita dell’omicidio.
Al terzo posto per inutilità si posiziona il Papa: riuscire a piazzare un vostro sacerdote al comando dei Papisti non si rivela, in sostanza, particolarmente vantaggioso: oltre ad avere delle splendide relazioni diplomatiche, oltre a poter indire qualche crociata, per il resto non otterrete nessun reale fattore positivo.
Al contrario, risultano indispensabili i Preti e i Vescovi, in grado di diffondere la vostra religione e combattere l’eresia: se il territorio dove sorge la vostra città è combattuto tra due o più religioni, molto probabilmente assisterete a scontenti e furiose rivolte, molto gravi per la vostra stabilità; la soluzione consiste nell’inviare un vero esercito di sacerdoti, così da convertire i miscredenti al vostro credo.
Una simpatica strategia per far salire velocemente di grado i sacerdoti consiste nell’inviarne tre o quattro in una regione a religione opposta, e aspettare che spuntino i primi eretici o le prime streghe: eliminare uno di questi impopolari personaggi vi frutterà non solo riconoscenza agli occhi del Pontefice, ma anche un consistente aumento dell’esperienza dell’Agente; quando quest’ultimo avrà raggiungo il sesto (o settimo, dipende) livello di Devozione, il Papato provvederà a promuoverlo a Vescovo, e se risulterete sufficientemente abili, potrete vedere il Collegio Cardinalizio completamente invaso dai vostri uomini!

Sipario

Abbiamo così concluso la nostra piccola guida, e speriamo vivamente che i nostri consigli vi aiuteranno a perfezionare il vostro stile di gioco, magari in vista di un buon Lan Party con gli amici: ricordatevi che l’importante è divertirsi e cosa c’è più divertente se non vedere l’ultimo soldato del vostro miglior amico venir pesantemente schiacciato dalla vostra cavalleria?

Medieval 2: Total War

L’ultima fatica di Creative Assembly si distingue, tra i tanti pregi, per una complessità e spessore assai raro nel panorama dei titoli RTS.
Questa guida nasce con l’intento di essere un piccolo vademecum del perfetto generale, per fornirvi una panoramica approfondita su tutte le fazioni del titolo, aiutandovi a migliorare le vostre strategie di gioco e perfezionando le vostre abilità di conquistatore virtuale: dopo questa lettura, Medieval 2 non avrà più segreti!

TI POTREBBE INTERESSARE