Mercenaries 2: World in Flames - Anteprima  3

Un mondo in fiamme per Pandemic. Tornano i mercenari più famosi degli ultimi anni: più cattivi, più armati ed ovviamente next-gen!

Come nel primo episodio, anche in questo sequel non si faranno attendere i rifornimenti e l’utilizzo di attacchi militari su larga scala, come i bombardamenti aerei, oppure la consegna tramite elicottero di qualunque tipo di veicolo o arma che riusciremo a comprare con i nostri crediti, guadagnati completando gli obiettivi dei contratti portati a termine. Le numerose locazioni all’interno dell’area venezuelana offriranno scenari decisamente differenti tra loro, passando dalla giungla vera propria, a piattaforme petrolifere in mezzo all’acqua, fino ad arrivare in cittadine densamente popolate da civili. Cosi come variano gli scenari anche le reazioni dell’ IA, opportunamente migliorata, applicata a soldati o civili va a modificarsi, rendendo più o meno efficienti le risposte ai nostri attacchi. Negli scontri a fuoco avremo gradi diversi di risposta, chi cercherà attacchi frontali con le proprie armi, chi proverà ad utilizzare oggetti o le armi più potenti presenti sullo schermo in quel momento, chi cercherà addirittura di rubare i nostri veicoli. La stessa situazione è applicata anche al comportamento dei civili durante i combattimenti che li coinvolgono più o meno direttamente, potremo vederli fuggire, restare pietrificati oppure nascondersi.

Distruzione totale

Uno degli aspetti che più ha impressionato durante la dimostrazione è senza dubbio la possibilità di distruggere ogni singolo oggetto, edificio, albero o costruzione presente sullo schermo. Questo tipo di interazione non ha funzioni semplicemente estetiche. Certo, vedere le esplosioni di piattaforme petrolifere o veder crollare intere basi militari è senza dubbio un’ottima gratificazione visiva, ma l’interattività next gen non si ferma a questo.
Grazie alla possibilità di interagire con ogni oggetto su schermo potremo creare nuove vie di accesso in complessi fortificati, ad esempio abbattendo un muro grazie a cariche di C4, oppure potremo distruggere ponti per bloccare l’arrivo di truppe nemiche e così via. Ovviamente l’interazione non è solo legata alla distruzione di oggetti, in Mercs2 potremo guidare, requisire o persino sollevare grazie a ganci e messi aerei particolari, ogni veicolo presente su schermo, dalle autocisterne alle auto sportive di lusso, passando naturalmente per carri armati o elicotteri da combattimento. In termini numerici potremo trovare 130 tipi differenti di veicoli all’interno del gioco. Altra novità rispetto al passato è la possibilità di entrare nelle zone acquatiche, nuotando oppure usando una delle molte imbarcazioni, sfruttando cosi nuove vie per raggiungere gli obiettivi.

Online

Una delle nuove feature del gioco risiede nell’aggiunta della modalità co-op tramite Xbox Live o split-screen. La storia può infatti essere completata anche in coppia con un amico, e come ogni modalità cooperative che si rispetti, anche qui sarà possibile effettuare particolari azioni possibili solo con l’aiuto di un compagno, ottenendo vantaggi tattici non indifferenti. I giocatori potranno prendere le strade preferite senza dover effettuare lo stesso percorso, in questo modo ci si potrà coprire a distanza, oppure si potrà procedere via terra ed in contemporanea via aria o mare con un altro veicolo, arrivando agli obiettivi da due punti distinti. Non sono previste modalità Versus in multiplayer.

In ambito tecnico possiamo notare come per Mercenaries 2 sia stato abbandonato il Renderware a vantaggio di un engine proprietario, così da poter sfruttare al meglio le diverse architetture next gen. Particolarità di questo motore grafico, oltre alle già citate routine di fisica applicata a tutti gli oggetti o modelli sulla scena, ed all'intelligenza artificiale, sta nella realizzazione del sistema di streaming dei dati, che oltre ad eliminare i loading time ha permesso al team la creazione di un ambiente estremamente vasto e completamente visitabile. Per quanto riguarda le versioni console next gen, non ci saranno differenze né di contenuti, né per la resa grafica tra Xbox 360 e PS3. Riguardo quest’ultima possiamo anche riportare che un eventuale supporto al sensore di movimento del sixaxis è attualmente in fase di pianificazione

La build che abbiamo potuto osservare durante la presentazione era una beta version su piattaforma Xbox 360. Dal punto di vista tecnico il gioco è già oggi ad un ottimo livello, con un frame rate già stabile nella stragrande maggioranza di situazioni. Il difetto più evidente, per via della ancora scarsa ottimizzazione del codice, è la presenza di un marcato pop up degli oggetti quando si utilizzano veicoli aerei, che ovviamente ampliano l’orizzonte visibile rispetto alla visuale standard mentre ci si procede a piedi. Il gioco sarà presente anche in una versione PlayStation 2, che uscirà in contemporanea con le versioni PC, PS3, Xbox 360 entro fine anno. Non è ancora stata decisa la data Italiana ed i dettagli sulla relativa localizzazione del titolo e non possiamo che darvi appuntamento ai prossimi mesi, con test approfonditi sul titolo.

Mercenaries 2: World in Flames è in lavorazione per PC, PS2, PS3 e Xbox 360.
La versione mostrata in questa presentazione è quella Xbox 360.

Direttamente nella sede di Electronic Arts Italia abbiamo assistito alla presentazione ufficiale di Mercenaries 2: World in Flames, grazie alla presenza di Jonathan Zamkoff, senior producer di Pandemic, che ci ha mostrato le nuove caratteristiche di uno tra i titoli più attesi della lineup autunnale EA.
Il nuovo Mercenaries non stravolge i canoni del primo capitolo, considerando l’ottima risposta del pubblico e della stampa nel 2005 e la decisione sembra più che giustificata. Il titolo di Pandemic sfrutta però le potenzialità offerte dalle nuove piattaforme next gen per aumentare a dismisura l’interazione con l’ambiente ed ampliare le potenzialità di una gameplay già collaudato. Il gioco è ambientato in territorio venezuelano, sottoforma di un'area enorme e completamente accessibile in ogni sua parte, in ogni momento del gioco. Al giocatore, infatti, viene data completa autonomia, lasciando a sua discrezione l’ordine delle missioni da compiere, così come la possibilità di muoversi liberamente all’interno del mondo di Mercenaries 2 senza vincoli particolari.