Ninja Gaiden 2 - Provato  26

Ryo Hayabusa torna nel seguito di Ninja Gaiden: e questa volta il sangue scorrerà a fiumi!

Gli sviluppatori imparano dai propri errori: Ninja Gaiden 2 è si difficile ma non frustrante come il suo predecessore. E' programmato con una curva di difficoltà decisamente più morbida e progressiva, eliminando in questo modo uno dei pochi difetti della saga. Saranno presenti comunque quattro livelli, tra i quali quello da Maestro Ninja, il più impegnativo. Tra novità, modifiche ed implementazioni, ci troviamo comunque di fronte ad un gioco strutturalmente e concettualmente non dissimile dal primo, dal quale eredita anima, giocabilità e realizzazione grafica che riesce a sfruttare a dovere l'hardware sul quale è stato progettato, proprio come accadde quattro anni fa sulla prima Xbox. Quello che di Ninja Gaiden 2 lascia basiti è la quantità e qualità delle animazioni osservabili su schermo: decine di nemici combattono contemporaneamente, tutti senza alcuna esitazione. Ryo Hayabusa salta su ogni roccia o pavimento, corre sulle pareti, si arrampica, esegue mosse, contromosse, parate, schivate ed attacchi, attacchi aerei, calci e poi combo. La varietà dei movimenti, ma sopratutto la fluidità con i quali sono concatenati tra loro, è superlativa. Mentre combattiamo i nemici vengono letteralmente tagliati a fette: volano via gambe, braccia, spesso anche teste, mediante la pressione del tasto Y per eseguire la "fatality" finale. I nostri antagonisti non demordono, fino alla morte, lottano con tutte le loro disperate energie trascinandosi, zoppicando su un piede, saltandoci addosso senza ormai più nè arti nè forze.

La varietà dei movimenti, ma sopratutto la fluidità con i quali sono concatenati tra loro, è superlativa

Presso alcuni punti, le locande, si possono comprare nuovi oggetti, spade e magie. Ogni arma, e ce ne sono tantissime, crea nuove animazioni di mosse e combo, è perciò facile immaginare la quantità esasperata di movimenti diversi che il nostro personaggio può eseguire. Il sangue schizza e intinge ogni cosa, dai muri all'acqua, dalla spada che impugnamo al corpo stesso. Le collisioni sono sempre perfette, efficaci e pulite, mentre l'inquadratura un po' meno. Nei campi larghi non viene riscontrato alcun problema, mentre quando la telecamera è ravvicinata, sopratutto quando siamo attaccati di spalle al muro, bisogna lavorare sodo con l'analogico destro per riuscire a ritrovare l'orientamento giusto. La situazione è migliorata rispetto al primo Ninja Gaiden, ma è chiaro che un titolo frenetico e veloce come questo non può essere esentato da qualche imperfezione nella visuale, considerando il fatto che è per lo più ambientato in templi, case e strade piuttosto che spazi più aperti. Ninja Gaiden 2 scorre via fluido dall'alto dei suoi 60 frame al secondo, sempre più rari in questa generazione di console.

Fare il mestiere del Ninja è sempre stato il sogno di ogni bambino

Il tecnicismo degli scontri è uno dei fattori predominanti di Ninja Gaiden 2, ed è stato rinnovato grazie ad alcune aggiunte. I nemici continuano a combattere finchè rimane loro anche un solo braccio con il quale scagliarci Shuriken, mentre alla fine tenteranno il tutto per tutto con attacchi suicidi corpo a corpo. Un modo veloce ed efficace per porre fine alle loro sofferenze è quello di effettuare un attacco mortale: premendo Y al momento giusto e nella posizione giusta, Ryo effettua una fatality in pieno stile Mortal Kombat, diversa a seconda dell'arma impugnata. Oltre alle mosse finali che pongono istantaneamente fine alla vita del nemico, un'altra novità di questo seguito è il sistema con il quale viene rigenerata l'energia del protagonista. Proprio come succede negli ultimi sparatutto di successo (Gears of War, Halo 3 e Call of Duty 4), la barra della vitalità torna a crescere progressivamente allontanandoci dal combattimento. Molto semplice sulla carta, decisamente meno in pratica. Una volta che sguainiamo nuovamente la spada, se colpiti da un nemico, la porzione di energia non ancora aumentata decresce, riducendo così il potenziale di rigenerazione. I comandi, i salti e la maggior parte dei movimenti sono direttamente ereditati dal primo Ninja Gaiden: i fan della serie si sentiranno subito a loro agio ed entreranno immediatamente in piena sintonia con il controllo di Hayabusa. L'inventario è stato aggiornato, e questa volta è direttamente richiamabile su schermo, in ogni momento, tramite la pressione della croce digitale. Si possono scorrere armi, magie e items e selezionarli in pochi secondi senza ogni volta dover entrare nel menù di pausa.

Un gioco non destinato ai deboli di stomaco

Ninja Gaiden 2 è una spietata macchina spara-nemici. Raramente siamo lasciati liberi di godere dei meravigliosi scenari allestiti dal Team Ninja, panorami, grandi costruzioni architettoniche e città sconfinate. Sebbene per andare avanti si debba affrontare di tanto in tanto qualche leggero puzzle, l'azione frenetica rimane comunque la chiave di lettura più evidente del titolo Tecmo. Velocità, frenesia ed istinto sono gli attributi più idonei a definire la natura di questo nuovo Ninja Gaiden, che pur conserva un'elevatissima dose di tecnicismo e manualità. Il level design è più che ottimo, passando da livelli abbastanza lineari ma scenograficamente spettacolari, ad altri più complessi ed elaborati che lasciano al giocatore la libertà di esplorare e scovare punti segreti.

il sangue riempirà letteralmente ogni angolo del vostro televisore

Un gioco non destinato ai deboli di stomaco

L'elevato tasso di spettacolarizzazione di ogni scena contribuisce a gratificare in ogni momento l'occhio del giocatore più esigente, con una quantità sterminata di poligoni renderizzati in modo pulito e brillante, senza molti effetti come da stile Team Ninja. Così come l'aspetto grafico, anche quello sonoro è stato altrettanto curato con musiche di sottofondo in stile nippo-rock, con inserimenti di strumenti tradizionali come il koto e tanto ritmo, ideale per un titolo del genere. Suoni, voci e doppiaggio sono perfetti, quest'ultimo pur rimanendo in inglese: la versione italiana sarà comunque interamente sottotitolata. Ninja Gaiden 2 si appresta quindi ad eliminare i maggiori difetti del prequel, come l'eccessiva difficoltà, migliorare ulteriormente la componente grafica e spingere l'acceleratore su animazioni e gore; il sangue riempirà letteralmente ogni angolo del vostro televisore.